Jorge Luis Borges: successo nelle lettere, rimpianto in amore

Jorge Luis Borges, successo nelle lettere, rimpianto in amore.

Jorge Luis Borges, successo nelle lettere, rimpianto in amore.

L'Argentina aveva in Jorge Luis Borges un flusso di lettere insopprimibile, una fonte di saggezza che solo la morte poteva chiudere per non far germogliare più gocce. Tuttavia, nonostante la sofferenza che attende ogni passante in questa finitudine che chiamiamo vita, le acque che sgorgavano da questo gigante continuano ad alimentare l'immaginazione e l'anima di molti.

Un narratore? Un detrattore dei romanzi? Un filosofo?, Naturalmente; Un poeta?, Come pochi. Jorge Luis Borges è arrivato ai testi in modo che non fossero mai gli stessi. Ma cosa sappiamo veramente della vita sentimentale di questo studioso erudito? Cosa ci dicono le sue opere al riguardo? Cosa dicono i suoi biografi? Ci sono aspetti molto interessanti che risaltano e che saranno portati alla ribalta oggi.

Jorge Luis Borges: successo in lettere

Chi non ha letto o sentito parlare L'Aleph o Finzioni? È raro trovare un lettore regolare che non lo abbia fatto. Queste opere, essendo solo una briciola di quello che possiamo chiamare "il flusso Borgeano", sono un inequivocabile esempio della sua padronanza del linguaggio nelle sue varie dimensioni. La lettura di Borges coglie l'atto, abbaglia, intriga.

Gli studiosi di lingue hanno dedotto con pochi racconti le qualità letterarie dello scrittore argentino. Non per niente la pioggia di riconoscimenti che ha avuto: un Premio Gerusalemme nel 1971, un Premio Edgar speciale nel 1976, un Premio Miguel de Cervantes nel 1980, e smettila di contare. Sì, il successo di Jorge Luis Borges nei testi era evidente.

Jorge Luis Borges: rimpianto innamorato

Ora, cosa si dice di Borges innamorato, cosa dice il suo lavoro? Cosa dicono i tuoi biografi. La verità è che il suo lavoro poetico mostra poco sull'intimità. Il poeta denota nella sua poesia una barriera che lo separa da quel desiderio, quell'amore preciso, quello della carne, dell'uomo e della donna. In effetti, l'aspetto sessuale nella sua letteratura è quasi nullo. E no, non è che non abbia amato e sentito, ma non con l'intensità con cui voleva, non con la consegna che ha fornito.

Frase di Jorge Luis Borges.

Frase di Jorge Luis Borges.

Basta leggere la seconda poesia del 1964 per vedere un po 'di questa realtà:

1964, II

Non sarò più felice. Forse non importa.
Ci sono così tante altre cose nel mondo;
ogni momento è più profondo
e diverso dal mare. La vita è breve

E sebbene le ore siano così lunghe, una
l'oscura meraviglia ci perseguita,
la morte, quell'altro mare, quell'altra freccia
che ci libera dal sole e dalla luna

e l'amore. La beatitudine che mi hai dato
e tu mi hai preso deve essere cancellato;
Quello che era tutto deve essere niente.

Solo che ho la gioia di essere triste,
quell'abitudine vana che mi inclina
al Sud, a una certa porta, a un certo angolo ».

Estela Canto e la madre di Borges

In questa scena si presenta anche la figura della madre, attuale, imponente, che controlla le libertà e le decisioni del poeta. Un caso interessante si è verificato con la traduttrice Estela Canto, la donna che esiste L'Aleph. Sì, Borges se ne innamorò perdutamente di lei nel 1944. Da quell'amore nacque quella che sarebbe stata la storia più famosa dello scrittore.

Borges l'ha conquistata in ogni dettaglio, con il suo miglior gadget: le lettere. Tuttavia, non passò molto tempo prima che la madre di Borges iniziasse a interferire nella relazione, allontanandosi da Estela. La traduttrice è stata accusata di essere sfrenata perché semplicemente non si adattava ai parametri sociali del tempo. La verità era che Leonor, la madre del poeta, portò a termine la sua missione e pose fine alla relazione.

Da lì seguirono una serie di disaccordi tra i due, tuttavia, anni dopo fu Borges a non volere nulla con Estela.

Borges e Elsa Helena Astete Millán

Elsa Helena Astete Millán era la fidanzata di Borges in gioventù. Dopo un po 'si separarono, lei si sposò e Borges rifiutò il ritorno a quell'amore. Tuttavia, è rimasta vedova decenni dopo e lui ha deciso di proporle una proposta. Quella fu la prima unione legale del poeta, Borges aveva 68 anni e lei 56 anni (nel 1967).

Questo non era il matrimonio da sogno, è durato a malapena 4 anni. E sebbene possa sembrare strano in un uomo dell'età di Borges, l'ombra di sua madre, che era ancora viva, persisteva.

Maria Kodama, il rimpianto è finito?

Dopo la morte della madre di Borges (Leonor aveva 99 anni) una giovane donna apparve nella vita del poeta, una che questa volta venne per restare. Il nome della ragazza era Maria Kodama. Si sono conosciuti durante un tour di Borges negli Stati Uniti e da allora sono diventati inseparabili. 

Dopo i notevoli problemi visivi di Borges e gli anni che non sono trascorsi invano, è diventata più necessaria per lui e, a causa dell'ammirazione e dell'amore che Kodama ha provato, ha assunto il suo ruolo con dedizione. La coppia, con un grande divario di età (oltre i 50 anni), si è sposata undici anni dopo l'incontro. Borges morì quasi due mesi dopo e lasciò tutti i suoi averi con Kodama.

In questa fine inaspettata, il rimpianto di Borges è stato invertito e il suo lavoro è stato ben protetto nelle mani di un curatore come nessun altro.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)