Jesús Sánchez Adalid. Intervista all'autore di The Weapons of Light

Fotografia di Jesús Sánchez Adalid: (c) Antonio Amores. Per gentile concessione di Ingenio de Comunicaciones.

Jesus Sánchez Adalid ha un nuovo romanzo, Armi di luce. Lo scrittore di romanzi storici dell'Estremadura ha un una traiettoria così ampia che è quasi perso nel tempo e nei risultati: La Luce d'Oriente, Il Mozarabico, Il Prigioniero, La Porta Sublime, Il Cavaliere di Alcántara, Alcazaba... è stato un piacere poterlo fare questa intervista con il. In esso ci racconta questo nuovo lavoro e racconta anche un po 'dei suoi autori preferiti o della scena editoriale. Apprezzo molto il tuo tempo e la tua gentilezza dedicato.

JESÚS SÁNCHEZ ADALID - INTERVISTA

  • NOTIZIE DI LETTERATURA: Il tuo nuovo romanzo è Armi di luce. Cosa puoi dirci di lei?

JESÚS SÁNCHEZ ADALID: Armi di luce è un viaggio dell'anima verso un periodo storico estremamente interessante, il fine del X secolo e inizio del IX secolo. È un momento tanto affascinante quanto sconosciuto.

Tutto inizia quando, intorno all'anno 1000, Almanzor minaccia ancora e ancora il nord della penisola iberica. Alcuni navi misteriose arrivano sulla costa di Tarragona e lasciano uno straniero presente nel porticciolo di Cubelles. Le avventure vitali di due ragazzi ci porteranno attraverso i vari territori della Catalogna, quando il campagne militari frenetiche che culminerà in Cordova.

L'idea è nata dal incontro con un evento storico impressionante, ma inspiegabilmente sconosciuto. Ho trovato i dati quasi per caso ... Ci sono storie che sembrano aspettare il momento presente per essere scritte.

Tutto è iniziato durante la ricerca di un romanzo precedente, quando nelle cronache islamiche è apparsa un'informazione molto significativa che mi era totalmente sconosciuta: lI catalani saccheggiarono Córdoba all'inizio dell'XI secolo, quando il califfato era ancora in pieno vigore. Ciò è accaduto subito dopo la morte di Almanzor e come una vendetta ben pianificata. Perché Almanzor prima, nell'anno 985, a sua volta aveva saccheggiato e distrutto Barcellona, portando a Cordoba tutta la sua ricchezza e migliaia di prigionieri.

I conti catalani non l'hanno mai dimenticato, e nemmeno il fatto che i Franchi non fossero venuti ad aiutarli. Da quel momento in poi, hanno deciso di diventare indipendenti dalla monarchia franca per iniziare il proprio viaggio, nonostante la grande minaccia rappresentata dai musulmani. L'occasione per la vendetta è arrivata quando il califfato è stato coinvolto nella guerra civile. I catalani radunarono un grande esercito e scesero a Córdoba, che era ancora la città più ricca e splendida d'Occidente.

Ho cercato ricreare fedelmente la vita nei castelli e nei campi di guerrieri, i rapporti peculiari tra nobili e clero, la ricca cultura monastica, costumi quotidiani, amore, guerra, paura e coraggio ... Sempre negli affascinanti scenari di una terra singolarmente bella e aspra, ma anche fertile e piena di città luminose: Barcellona , Gerona, Seo de Urgell, Vic, Solsona, Besalú, Berga, Manresa, Tortosa, Lérida…; e di grandi monasteri che estendono la loro influenza: Santa María de Ripoll, San Cugat, San Juan de las Abadesas, San Pedro de Rodas, San Martín de Canigó… Con lo splendido Califfato Cordoba sullo sfondo.

In mezzo a tutto questo, a giovane donna sarà discusso per liberati dalla schiavitù del tuo chiuso mondo familiare E sociale.

Un'altra figura cruciale de Armi di luce es Oliba, figlio dei conti di Cerdanya e Besalú, che nel 1002 rinuncia alla sua eredità a diventare un monaco. In mezzo alla confusione e alla violenza, emerge un uomo la cui sanità mentale e saggezza porteranno luce e scoprirà il vero tesoro, che è di natura spirituale ...

  • AL: Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

JSA: Il primo libro che ricordo di aver letto era intitolato Vengo dall'Estremadura. Era un libro Bambini che descriveva cose dell'Estremadura e raccontava storie di personaggi dell'Estremadura del passato.

Ho scritto la prima storia quando avevo 10 anni. Era un storia di un pianista.

  • AL: Qual è stato il primo libro che ti ha colpito e perché?

JSA: Sono rimasto molto scioccato Miguel Strogoff di Jules Verne. Mi ha commosso, mi ha tenuto in tensione, mi ha fatto viaggiare… Non sono mai riuscito a dimenticare quella storia.

  • AL: Chi è il tuo scrittore preferito? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

JSA: Questa non è una domanda facile a cui rispondere nel mio caso. Ma ci provo ... Miguel Delibes, come autore spagnolo contemporaneo. pigro Baroja, Benito Perez Galdos, Lewis Landero… Stranieri: Victor Hugo, Fyodor Dostoevskij, Leone Tolstoj, Anton Cechov, Vladimir Nabokov (vengo da autori russi ...). Ma anche Thomas uomo, Virginia Woolf, Orhan Pamuk, Nagib Mafoud, Najib Mahfoud… Ce ne sono così tanti!

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

JSA: La metà visconte di Italo Calvino quando abbiamo le informazioni.

  • AL: Qualche mania quando si tratta di scrivere o leggere?

JSA: Scrivo con una penna a inchiostro nero su foglio bianco. Poi va al computer ...  

Ho letto da una finestra da casa mia ad Alange. Di fronte a un paesaggio abbastanza bello.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo??

JSA: La sera caduta accanto a quella finestra.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono oltre a quello storico?

JSA: Di solito non leggo romanzi storici, poiché passo molto tempo a leggere storia, trattati, cronache, saggi ... Per il resto leggo un po 'di tutto: filosofialibri di viaggio classico, biografie e anche libri di cucina e gastronomia.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

JSA: Ho letto un libro di Eugenio ZolliIntitolata Prima dell'alba. E sto scrivendo il file sceneggiatura per un documentario di soggetto storico.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale per tanti autori quanti sono o vuoi pubblicare?

JSA: credo ci sono molte opportunità. Il supporto digitale è un buon momento per iniziare. Non scoraggiarti mai. La buona notizia è che, nonostante la pandemia, il mercato editoriale è cresciuto e viene letto molto più di un anno fa.

  • Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a restare con qualcosa di positivo?

JSA: È un momento terribile. Ma, nel mio caso, Ho potuto riflettere e lavorare con maggiore calma e concentrazione.

I tempi in cui stiamo vivendo sono davvero tristi, desolati ... Ci troviamo di fronte a una situazione nuova e inaspettata. Tutti noi, cresciuti in una cultura che cercava sempre più di bandire il dolore e la morte, improvvisamente ci troviamo di fronte a fragilità e impotenza. Le domande ci arrivano direttamente e violentemente attraverso il pericolo e la paura imminente che ci agitano. È la paura di ammalarsi, di essere rapiti in un reparto di terapia intensiva… È, infine, la paura di morire. La pandemia ci ha restituiti alla morte, l'evento più terribile e insormontabile per molti.

Mi sono imbattuto in situazioni molto dolorose. Ma anche questo raro momento, come tutte le circostanze avverse, ha i suoi insegnamenti e i suoi momenti di conforto e di luce. Non c'è abbastanza spazio qui per raccontare i casi con la descrizione necessaria. Basti dire questo Sto scoprendo cose eccitanti sull'essere umanoQuella meraviglia che siamo! Un misterioso miscuglio di ombre e luci ... Ci sono persone che vengono da me, spesso stupite, per aver scoperto internamente, per l'incontro con tante virtù umane rimaste latenti e che ora affiorano ... Amicizie ritrovate, famiglie disunite che si ritrovano, chiamate inaspettate, perdono, riconciliazione, atti eroici, disinteresse, amore sincero ... Sono sicuro che d'ora in poi niente sarà più lo stesso!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.