James Fenimore Cooper. L'ultimo dei Mohicani e altre opere.

James fenimore cooper Nacque il 15 settembre 1789 e morì il 14 settembre 62 anni dopo. Questo romanziere americano ha scritto più di 30 romanzi d'avventura dedicato soprattutto a raccontare la vita di antichi pionieri nell'ovest americano e i loro confronti e lotte con gli indiani. Il suo romanzo più noto è e sarà L'ultimo moicano, del 1826. Ma il suo lavoro in generale ottenne molta fama. Ecco una sua recensione e alcune delle sue frasi.

James fenimore cooper

Fenimore Cooper è nata a Burlington, New Jersey, il 15 settembre 1789 ed è morto 14 settembre 1851 en Cooperstown, New York. Ha studiato ad Albany, New York ea Yale, e il tempo trascorso in quei luoghi gli è valso a stringere amicizie e connettersi molto bene con varie famiglie aristocratiche.

Il primo romanzo che ha scritto è stato intitolato Attenzione, che era un file fracaso. Ma era il seguente, La spia, che definirà il suo lavoro successivo e il suo stile e ha ottenuto un éxito era già ininterrotto. Il suo romanzo più famoso è stato L'ultimo moicano (o L'ultimo dei moicani come è stato anche tradotto). In esso ci mostra i temi che lo caratterizzano da sempre: i confini e la dura vita in essi, i pionieri e i coloni del vasto paese nordamericano ancora da scoprire e le sue relazioni con Indiani, gli abitanti nativi di quelle terre.

L'ultimo moicano

Questo lavoro ha già eclissato il resto, ma ha scritto più di 30 romanzi del genere. Nel suo stile, invece, c'è un grande contrasto tra la violenza che a volte esiste nella narrazione e la lentezza della sua prosa in alcuni passaggi o descrizioni. Ma il tromantico, evocativo e nostalgico, non più a causa degli argomenti trattati da amicizia, amore, lealtà, coraggio, onore o sacrificio, ma per l'ambientazione della narrazione.

È stato pubblicato per la prima volta in Febbraio 1826. È il secondo libro di cui era a pentalogia chiamare Racconti di calze di pelle. Questi cinque libri ha scritto in diciotto anni e sono considerati i più rappresentativi di ciò che è noto come Narrativa eroica nordamericana.

La serie mix i generi storici e d'avventura e si concentra sulle lotte franco-inglesi del XVIII secolo. Il suo carattere centrale è Occhio di Falco, un orfano preso durante l'infanzia dagli indiani. Il tutto è composto da I pionieriL'ultimo moicanoIl pascoloL'esploratore y Il cacciatore di cervi.

La storia che viene raccontata in L'ultimo moicano si svolge nel 1757, durante la Guerra dei Sette Anni, quando Francia e Gran Bretagna combatterono per il controllo delle colonie nordamericane. I francesi cercarono l'aiuto delle tribù dei nativi americani per combattere i più numerosi coloni britannici.

Narra le avventure del cacciatore Occhio di Falco e dei suoi compagni della tribù dei Moicani, Chingachgook e suo figlio Uncas, che proteggono Alicia e Cora Munro, le figlie dell'ufficiale inglese al comando di Fort Henry, assediato dalle truppe francesi del generale Montcalm e dei suoi alleati, gli Indiani Uroni, guidati dal crudele guerriero Magua.

Versioni cinematografiche

Per i più pigri Quando si tratta di leggere, puoi sempre mettere le mani sulle versioni dei film basate sul lavoro di Cooper.

C'è un primo e molto vecchio 1920, degli amministratori Maurice Tourneur e Clarence Brown, con Harry Lorraine e Wallace Beery. Sopra 1936 George Seitz ne ha fatto un altro con Randolph Scott nel ruolo principale. E in 1977 è stata creata una versione per Televisión con Steve Forrest, il famoso tenente Harrelson di Gli uomini di Harrelson, come protagonista.

Ma senza alcun dubbio il più conosciuto era quello in cui è stato creato 1992Diretto da Michael Mann. Hanno recitato in esso Daniel Day-Lewis, Madeleine Stowe, Wes Studi, Patrice Chéreau e Pete Postlethwaite nei ruoli principali.

Frasi 5

  1. Pochi uomini mostravano una maggiore abbondanza, o, per meglio dire, una maggiore antitesi di carattere del guerriero nativo nordamericano. In guerra era ribelle, vanaglorioso, astuto, spietato, abnegante, ma allo stesso tempo devoto a se stesso; in pace, era giusto, generoso, ospitale, vendicativo, superstizioso, modesto e ordinariamente semplice.
  2. Ogni sentiero ha la sua fine e ogni calamità porta la sua lezione.
  3. Ho sentito che ci sono uomini che leggono libri per convincersi che esiste un Dio. Non lo so, ma l'uomo può deformare le sue opere negli insediamenti, tanto da lasciare ciò che è così chiaro nel deserto come una questione di dubbio tra mercanti e sacerdoti.
  4. Chingachgook afferrò la mano che, nel calore dei sentimenti, l'esploratore aveva diffuso sulla fresca terra, e in quell'atteggiamento di amicizia questi intrepidi taglialegna chinarono la testa, mentre lacrime ardenti cadevano sui suoi piedi, innaffiando la tomba di Uncas come gocce di pioggia.
  5. Non! Rimani vivo! Aspetta, riesci a sentirmi? Sei forte, sopravvivi. Resta in vita, qualunque cosa accada! Ti troverò. Non importa quanto tempo ci vorrà, quanto lontano sarai, ti troverò ...

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.