Intervista a Luis Roso, creatore dell'ispettore Trevejo.

 

Fotografia dal blog di Luis Roso

Iniziamo questo nuovo mese di Giugno parlando con uno degli scrittori con la più grande proiezione attuale nel paese dei romanzi neri, luigi rosso. Il creatore dell'ispettore di Madrid Ernesto trevejo, protagonista dei suoi due romanzi Acquazzone y Crudele primavera, gentilmente rispondici a questo test di 10 domande. Ma sappiamo anche qualcosa di più sul lavoro.

Chi è Luis Roso?

Roso è nato a Morale, provincia di Cáceres nel 1988 e si è laureata in Filologia ispanica e inglese. Ora lavora come insegnante di scuola secondaria a Madrid, ma mentre studiava era cameriere e precario sul campo. È appassionato di letteratura, storia, cinema e sport (soprattutto boxe).

La sua passione per la storia si riflette nel suo lavoro grazie alle sue attente impostazioni. E come scrittore è stato paragonato a Philip Kerr o Eduardo Mendoza per la sua gestione dell'umorismo e dell'ironia nei suoi romanzi.

Fabbrica

Acquazzone (2016)

Il suo romanzo d'esordio è ambientato nel 1955 e ha come protagonista l'ispettore Ernesto Trevijo, della Polizia di Madrid. È stato prodotto quattro crimini in una città sulle montagne di Madrid dove si sta costruendo un bacino idrico. Due guardie civili sono state torturate a morte e il sindaco del comune e sua moglie sono stati giustiziati a sangue freddo. Vista la possibilità che un serial killer sia a piede libero, il caso è affidato a Trevejo perché va risolto e anche messo a tacere il prima possibile.

Crudele primavera (2018)

Pubblicata nel febbraio di quest'anno e dopo il successo di critica e di lettori della precedente, questa è la seconda avventura del commissario Ernesto Trevejo. Ancora una volta è ambientato nella Spagna degli anni '50 e in essa Trevejo viene incaricato di indagare sul difficile caso del morte di un uomo armato a El Pardo, molto vicino al palazzo dove risiede Franco. Non si sa se possa essere un terrorista o un pazzo, o se costituisca davvero una minaccia reale.

10 domande

  1. Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

Il mio primo libro è stato Per il bambino, comico Mortadelo e Filemon. Avrebbe 5 o 6 anni. Non ricordo la prima storia.

  1. Qual è stato il primo libro che ti ha colpito e perché?

Il primo che non ricordo. Sono rimasto molto scioccato Stella lontana di Bolaño, ma già nell'adolescenza.

  1. Chi è il tuo scrittore preferito? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

Non ho preferiti, ma alcuni che mi piacciono e che torno sempre: Borges, Monterroso, Ascia o Lorca, Per esempio.

  1. Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

Sam de Il signore degli anelli.

  1. Qualche mania quando si tratta di scrivere o leggere?

Leggo quasi sempre sdraiato a letto o quando viaggio in treno. Scrivo a ordenador e il mio unico hobby è correggere molto, quasi ossessivamente, una volta che ho il manoscritto finito.

  1. E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

La mia stanza. L'ora è quando ho tempo, di solito il pomeriggio o la mattina prima di andare a lavorare.

  1. Quale scrittore o libro ha influenzato il tuo lavoro di autore?

Non credo che ce ne siano in particolare. Ci sono molti che mi danno delle cose, immagino molti senza che io lo sappia.

  1. I tuoi generi preferiti?

Romanzo nero (ovviamente), romanzo di Novecento (quindi in generale, spagnolo e non spagnolo) e biografie.

  1. Cosa stai leggendo ora? E la scrittura?

lettura L'uomo che amava i canidi Leonardo Padova. sto scrivendo il mio quarto romanzo e aggiustando il mio terzo.

  1. Come pensi che sia la scena editoriale per tanti autori quanti sono o vuoi pubblicare?

c'è il panorama saturo: ci sono troppi autori, alcuni di ottima qualità, che non si distinguono proprio per l'eccessiva concorrenza. Ma anche ci sono più media che mai pubblicare: non solo grandi editori, ma anche indipendenti, o anche autopubblicazioni su Amazon o altri media.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.