Intervista a Javier Armentia, direttore della collezione Che truffa!: "Abbiamo tutti un credulone dentro, e ci sono molte questioni che non avevamo nemmeno sollevato prima"

Parlare con l'astrofisico Javier Armentia ha il bene di sapere in anticipo, non appena conosce il suo interlocutore, che le dichiarazioni saranno accompagnate da ragionamenti e riflessioni che le supportano. Forse la spiegazione è che non si riesce a dirigere il file Planetario di Pamplona senza avere sempre la domanda "Perché?" sulla punta della lingua.

Fotografia di alcuni libri della collezione

Una delle sue ultime iniziative è quella di mettersi al timone di una nave in cui sono anche i ARP-Society for the Advancement of Critical Thinking e l'editore laetoli. Si tratta di una raccolta di saggi denominata Che truffa!, i cui titoli trattano argomenti che i loro autori hanno identificato "trucchi ripetuti e venduti come veri".

Perché una collezione piace Che truffa!?

Troppe occasioni ci troviamo di fronte a qualcosa che ci viene offerto, pubblicizzato o lanciato contro di noi, che è, almeno, qualcosa di strano se ci pensiamo. Se è molto ovvio, capiamo tutti che si tratta di una truffa, o almeno che vogliono venderci una moto. Ma come fai a sapere se qualcosa è una truffa se di solito se ne parla bene, appare sui media, molte persone lo comprano o anche le autorità competenti lo appoggiano? Probabilmente non abbiamo mai considerato se ciò sia positivo o meno, ma in tal caso non avremo nemmeno tutte le informazioni, semplicemente perché in molti casi nessuno ne parla falso, fuorviante o dannoso. Quando si analizza la storia, le teorie presentate, le presunte prove di efficacia o di esistenza, quando ci si prende la briga di cercare in profondità ciò che ci viene venduto, a volte troviamo tutti gli elementi distintivi di una truffa, di un inganno spesso creato con l'intento di ingannarci, stuzzicarci, portarci via soldi, a volte salute e quasi sempre tempo.

I vayatimos sono nati per fornire informazioni in questa situazione disuguale. Sono libri che dichiarano ciò che contengono, non pretendono che le cose non si sappiano, o che tutto sia relativo, qualcosa di troppo di moda in questi tempi. Si schierano dalla ragione, dal pensiero critico, dalla scienza, dalla storia e usano strumenti oggettivi per smantellare le affermazioni menzognere e egoistiche dei creatori di misteri e dei venditori di navi misteriose del paranormale.

I problemi sono tanti quanto le attività umane intorno a noi, perché c'è molta truffa in quasi tutto. Nella collezione vogliamo una vasta gamma. Dalle grandi truffe, apparentemente serie o rispettabili che sono le più pericolose, o molto vecchie o molto redditizie, alle più leggere, quelle che sembrano sciocche senza di più. Ma la raccolta è iniziata guardando vari temi popolari, che compaiono sempre sui media, di quelli che a volte generano un certo dibattito dopo una cena con gli amici. Tra i partner di ARP Society for the Advancement of Critical Thinking (www.escepticos.es) che è l'associazione che insieme all'Editoriale Laetoli sta dietro alla raccolta, abbiamo fatto una consultazione informale su quali fossero gli argomenti che hanno ritenuto opportuno discutere. Così vennero alcune delle prime questioni, a volte eterne come l'astrologia o i poteri della mente, la religione o l'aldilà, a volte questioni scottanti come la psicoanalisi o la cospirazione lunare, altri classici che vivono il "mistero" come gli UFO, il sacro sudario, il mostro di Loch Ness ... E un ampio eccetera in cui vogliamo introdurre argomenti che soddisfano tale requisito: che ci vengono presentati come veri senza prove adeguate, che sono acriticamente popolari o che diventano di moda semplicemente perché in queste volte qualsiasi cosa esotica diventa di moda.

Ma c'è chi dice che questo genere di cose (le pseudoscienze) le rassicuri, le aiuti o le serva ... O che "la scienza non può spiegare tutto".

Ovviamente la scienza non può spiegare tutto. In effetti, si dovrebbe dubitare di chi afferma di essere in grado di spiegare tutto, risolvere tutto o confortarci completamente. Viviamo in un mondo fantastico e la scienza è un'attività che cerca di spiegarla il meglio che può, ma secondo la definizione del mondo e della scienza, quella conoscenza è incompleta, imprecisa. Il nostro lavoro è ottenere migliori certezze, conoscere meglio la natura e capirla. Questo processo, tuttavia, a volte è incomprensibile o inquietante per molte persone. Pensiamo, ad esempio, a questioni che vengono percepite come fonte di rischio: di solito abbandoniamo il carattere razionale e quando la scienza ci dice che non possiamo ragionevolmente preoccuparcene, perché gli studi non hanno mostrato nulla di pericoloso, guardiamo allo scienziato e dì: puoi assicurarci che questo non è male? E lo scienziato non può farlo, perché dirà che c'è una bassa probabilità, che al livello attuale di conoscenza questo è ciò che abbiamo ... Al contrario, apparirà qualcuno interessato a venderci il contrario che affermerà senza ambiguità che è terribile. O che tu abbia la soluzione definitiva. È comprensibile che, insicuri in un mondo potenzialmente ostile, abbracciamo ciò che ci dà sicurezza. Molte pseudoscienze o trucchi nascono da questa tendenza.

Tuttavia, sebbene a volte sia più lento del semplice affermare o vendere la favolosa pozione, il metodo della scienza fornisce informazioni ragionevolmente certe, da cui è possibile derivare un progresso ragionevolmente certo, conoscenza che consente progressi ragionevoli. Non ce ne rendiamo conto, ma questo mondo ha trasformato quella conoscenza più delle convinzioni irrazionali che sono diventate molto popolari.

I titoli della raccolta Che truffa!: Sono libri per chi è già convinto o per chi sta per convincere?

Sono libri divertenti e informativi con informazioni veritiere. Quindi sono per chiunque sia curioso. Forse, chiunque crede in quella storia troverà ostilità nei confronti della sua fede, e la mia esperienza è che è impossibile convincere qualcuno che conosce la verità ultima. Tuttavia, abbiamo tutti un credulone dentro di noi e ci sono molte questioni che non avevamo nemmeno sollevato prima. Questa raccolta cerca, appunto, di dare ragioni per cui quella persona credulona può rendersi conto che si tratta di una truffa o, almeno, di una perdita di tempo. Soprattutto molti di loro sono pensati a un pubblico giovane, che ha sentito o visto parlare di questi temi normalmente all'interno di spazi pseudoscientifici che li promuovono acriticamente. Un giovane può, e dovrebbe, conoscere il mondo per davvero, non le finzioni egoistiche dei venditori ambulanti di misteri. Ci proviamo anche noi, con la raccolta Che truffa!, spiegare i motivi per i quali viene solitamente fornita la propaganda.

Chiunque scrive lo fa per comunicare. Ma considerando gli argomenti trattati nella raccolta Che truffa!, sembra chiaro che la diffusione vada dall'essere qualcosa di molto importante ad essere una priorità assoluta. Come hai affrontato la questione?

In questo ci siamo imbattuti in un mondo più tempestoso di quello delle pseudoscienze. Laetoli ha in linea di principio una buona rete di distributori in Spagna, ma qualsiasi editore che non sia uno dei grandi esce con pochi punti, con poche copie, con poca promozione, ed è difficile ottenere qualcos'altro, perché sono saggi libri e su argomenti generalmente considerati marginali. Anche così, è una raccolta nata nel 10 ° secolo e questi testi stampati su carta hanno generato molti commenti su Internet. Abbiamo un caso paradigmatico con il numero XNUMX dei vayatimos, dove Eugenio Fernández Aguilar, con molto movimento in la blogosfera scientifica è riuscita a scuotere il libro più di quanto sarebbe stata in grado di fare qualsiasi campagna pagata da un grande editore. A volte i più piccoli possono fare grandi mosse.

In ogni caso, vogliamo che la collezione sia meglio conosciuta, e soprattutto che sia fonte di discussioni. Ci stiamo preparando per le prossime versioni un più ampio accesso del pubblico, con più dibattiti e più informazioni. Penso che le canzoni lo meritino. E il pubblico, soprattutto.

Un regista di una collezione come Che truffa!Cosa fai fondamentalmente?

In questo caso, in qualità di direttore di una collezione, dichiaro la mia massima ignoranza su ciò che DEVE essere fatto. Fortunatamente, l'editore ha molta esperienza nel suo lavoro e la Society for the Advancement of Critical Thinking ha una storia di diffusione della razionalità e della scienza che è di grande aiuto. All'inizio c'era una preselezione degli argomenti, parlando con esperti per trovare autori che sarebbero stati incoraggiati ad un'avventura in cui il fattore economico sarebbe andato ben oltre la necessità di avere libri su questi temi ... Alcuni sono apparsi bussando alla porta , poiché stanno uscendo i primi volumi. Altri devono essere perseguitati a lungo. Il mio ruolo è quello, oltre a collaborare al lavoro di montaggio, che è sempre appassionante, soprattutto in quelle fasi finali in cui si cerca da un lato di cacciare il coniglio e dall'altro di immaginare il libro sullo scaffale, chiamando il lettore e cosa penserai quando lo leggerai. Il direttore di una collezione in questo è come un direttore d'orchestra per la prima volta, ma di un'orchestra così brava che sa suonare alla grande.

In base a quali criteri vengono selezionati gli specialisti che scrivono su ciascun argomento?

L'ho commentato succintamente prima: abbiamo cercato autori sensibilizzati all'idea generale della raccolta, per diffondere il pensiero critico di fronte a quanta truffa abbiamo, esperti in varie materie che potrebbero anche dare un Opinione autorevole e rilevante, divulgatori di questi temi nella comunicazione mediatica, anche docenti che hanno a che fare con questa difesa del razionale in un mondo poco propenso a pensare in modo autonomo. Guardando al libro paga, abbiamo un po 'di tutto, e penso che con i prossimi volumi cercheremo di avvicinarci anche al mondo della comunicazione e del giornalismo.

Data la situazione attuale, la domanda è obbligata: noi umani arriviamo davvero sulla Luna? Quali ragioni pensi spieghi perché è emersa una teoria del complotto lunare?

Un collega mi ha detto l'altro giorno che il complotto lunare è come se improvvisamente avessi detto: "I Sanfermines dell'anno 69 non sono stati celebrati, c'è una cospirazione che vuole ingannarci". Potresti dirmi: ma ci sono foto, televisione, giornali ... Tutte bugie, manipolazioni, montaggi con foto scattate altrove. Poi mi diceva: ma ci sono testimoni, conosco persone che allora erano ... Mentono, sono in lega, o comprati, o forse spaventati perché la congiura ha una mano molto lunga e le loro vite sarebbero in pericolo . Allora potresti dirmi che sarebbe impossibile mantenere una bugia del genere per così tanto tempo e con così tante persone coinvolte. Ed è proprio questo il punto in cui non ho potuto confutarlo: è impensabile che quasi un milione di persone (quelle che hanno lavorato direttamente nelle missioni Apollo negli Stati Uniti e quelle che hanno fatto lo stesso nelle missioni lunari sovietiche) abbiano mentito allora e continuare a mentire per quarant'anni dopo.

Perché è nata questa strana idea? Perché viviamo in un mondo in cui i media favoriscono la divulgazione di idee strane, esotiche o folli. Sono notizie. Era una notizia che un soggetto, nell'anno 74, un anno dopo l'ultimo Apollo, disse che tutto era un montaggio. A quel tempo, questo era in linea con ciò che stava accadendo: la grande menzogna del Vietnam, le grandi bugie e la corruzione di Nixon, il governo nascosto e il sostegno alle dittature dell'era Kisinger cominciarono a manifestarsi al mondo. Perché non avrebbero mentito anche su qualcosa che sembrava complicato come andare sulla Luna? Da lì questa notizia è stata ripresa dai media e l'hanno fatta propria, permettendoci di giungere alla situazione attuale in cui ogni volta che qualcuno menziona il viaggio sulla Luna, va menzionata la possibile congiura, per amore di un falso. neutralità o imparzialità delle informazioni.

Ci parli dell'Editoriale Laetoli. Com'è stata l'esperienza di lavorare con loro?

Una meraviglia. Laetoli è il frutto dell'amore di una persona per i libri. L'editore, Serafín Senosiáin, viene dal mondo della letteratura: poeta, romanziere, editore ... E ha detto che Laetoli è nato perché si è scoperto che c'erano molti libri che voleva leggere ma nessuno ha curato da queste parti, nessuno ha scritto o non si conoscevano. Ha usato le impronte fangose ​​di diversi milioni di anni fa in Africa come icona per una casa editrice che vuole lasciare impronte per il futuro. Se si credesse alle sciocchezze, sarebbe prezioso dire che Laetoli era predestinato ad ospitare tutti noi. Ma siamo seri: un impegno per il pensiero razionale e critico, raccolte di saggi potenti e provocatori, una divulgazione scientifica aperta e attraente erano garanzie più che sufficienti per pensare che questo editoriale fosse il luogo per stabilire il primo impegno spagnolo per il pensiero critico. Per molti anni, più di un quarto di secolo, noi scettici spagnoli avevamo pensato che qualcosa del genere dovesse essere fatto. Ma tra l'idea (la condanna) e l'azione c'è un tratto che non si era risparmiato fino a parlare con Laetoli. In parte, infatti, era Laetoli a cercare qualcosa del genere, e ARP Society for Critical Thought era l'unica e logica associazione che potesse intraprendere un lavoro di questo tipo, perché lo avevamo immaginato da tempo e lo sapevamo le persone giuste per questo.

Grazie mille per le risposte, Javier.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)