Cosa faresti se avessi due mesi di vita? Intervista a Santiago Díaz, autore di Talión

Santiago Díaz: sceneggiatore di Yo Soy Bea o Il segreto di Puente Viejo e autore di Talión.

Santiago Díaz: sceneggiatore di Yo Soy Bea o Il segreto di Puente Viejo e autore di Talión.

Siamo lieti di avere oggi sul nostro blog con Santiago Diaz Cortes (Madrid, 1971), autore di oltre 500 sceneggiature televisive. Santiago è il autore di romanzi il nero che commuove i lettori: Talion, edito da Planeta.

Talion È un romanzo che rompe gli schemi del genere. Protagonista Marta Aguilera, una donna fredda e sola, con una relazione appena conclusa, che non ha famiglia, né legami affettivi. Marta è una giornalista e, mentre indaga su una rete di traffico di armi per il suo giornale, riceve notizie che cambieranno il suo destino: un tumore minaccia la sua salute e ha a malapena due mesi di vita. La cosa scioccante della situazione è che Marta Aguilera Decide di usare quei due mesi per fare giustizia, applicando la legge di Talión.

Notizie dalla letteratura: un romanzo, Talione due domande per il lettore: cosa faresti se avessi due mesi di vita? Ed è lecito applicare la legge sulle ritorsioni ai criminali ricorrenti: pedofili, terroristi, trafficanti di donne, gruppi estremisti violenti ...?

Che reazione ti aspetti dai tuoi lettori quando leggono il tuo romanzo? Quali cambiamenti vuoi produrre in noi?

Santiago Diaz Cortés: Come hai detto, voglio che il lettore faccia queste due domande. Suppongo che poiché la maggior parte di noi ha legami emotivi, trascorremmo i due mesi con le nostre famiglie e amici. Ma cosa succederebbe se riuscissimo a eliminare quel componente dall'equazione e fossimo davvero soli al mondo? Verremmo davvero sdraiati sulla spiaggia o proveremmo a lasciare il segno? Non so se quello che fa Marta Aguilera sia l'ideale, ma è la sua opzione. E per quanto riguarda la seconda domanda, rispondiamo tutti inizialmente che non è giustificato applicare la legge della ritorsione, ma man mano che la lettura procede e incontriamo vittime e criminali, quella sicurezza iniziale vacilla e potremmo ritrovarci a desiderare che Marta distrugga il cattivi senza compassione. In definitiva, oltre a divertirmi leggendo una storia emozionante, voglio far riflettere i lettori.

AL: Con un argomento di tale profondità e due domande così dirette e complesse, hai ricevuto molte risposte? Ci sono lettori che hanno condiviso con te cosa farebbero?

DSC: Molti lettori di Talión assicurano che, nella stessa situazione del protagonista, porterebbero in vantaggio anche alcuni mascalzoni. Onestamente, penso che lo diciamo a causa della rabbia che a volte ci produce quando vediamo che alcuni criminali responsabili di crimini scioccanti non pagano come vorremmo. Ma al momento della verità, siamo civili e tutti ci fidiamo della giustizia, anche se a volte non siamo d'accordo e scendiamo in piazza per protestare, cosa che mi sembra molto necessaria. Se applicassimo di nuovo la legge della ritorsione, la nostra civiltà tornerebbe indietro di diversi secoli.

AL: Dietro il desiderio di vendetta di Marta Aguilera ci sono molte frustrazioni ed emozioni ferite: dal disincanto della società di fronte a crudeli atti di violenza che rimangono impuniti alla solitudine in cui vive motivata da una cronica incapacità di provare empatia. «La verità è che non ricordo di essermi mai sentita in colpa per qualcosa.»Afferma il protagonista a un certo punto del romanzo.

Cosa pesa di più nella decisione di Marta? Cosa deve accadere a una persona affinché, sapendo che rimarrà impunito, decida di applicare la legge Talión e fare giustizia dove ritiene che non ce ne sia?

DSC: Ciò che spinge Marta a fare quello che fa, a parte quella iniziale mancanza di empatia di cui parli, è non avere futuro e non subire conseguenze per le sue azioni, né per se stessa né per chi le sta intorno. Nel corso della storia incontra personaggi che hanno bisogno di qualcuno che renda giustizia per loro conto e qualcosa dentro di lei inizia a cambiare. All'improvviso, e forse a causa di quel tumore, inizia a provare cose per chi le sta intorno, prova una sensazione che prima non conosceva e compare l'odio per chi le ha distrutto la vita. Quindi, come lei stessa dice, decide di lasciare questo mondo ripulendo un po 'di sporcizia ...

AL: Il romanzo ha un lato A, Marta Aguilera, determinata a regalare le sue ultime settimane di vita per fare giustizia sociale e una B, Daniela Gutiérrez, l'ispettore di polizia incaricato di arrestarla nonostante sia accusata di rabbia e desiderio di vendetta , dopo che suo marito e uno dei suoi figli sono stati uccisi in un attacco terroristico. La terza domanda al lettore è cosa avrebbero fatto se fossero stati nei panni di Daniela?

Talión: Cosa faresti se avessi due mesi di vita?

Talión: Cosa faresti se avessi due mesi di vita?

DSC: Fino al momento in cui conosciamo la storia personale dell'ispettore Gutiérrez - e nonostante avessimo sofferto di vittime come Nicoleta, Eric o Jesús Gala "Pichichi" - eravamo riusciti a mantenerci emotivamente al sicuro, ma quando abbiamo accompagnato Daniela come donna, abbiamo sofferto con lei il male dei criminali e abbiamo cominciato a metterci al suo posto. Cosa faremmo se la tragedia ci colpisse direttamente? L'ispettore Gutiérrez, a causa della sua professione, sa che deve rispettare la legge, ma il bisogno di vendetta a volte è troppo forte ed è difficile per lei contenersi. Questo la avvicina più dell'assassino che deve inseguire e lei dubita ...

AL: Scenari molto diversi nel tuo romanzo. La Madrid della notte, dove il denaro scorre tra droga e prostituzione di lusso, e la Madrid della miseria, dei quartieri dove si trafficano e i bambini vivono nell'abbandono. Anche una parte nei Paesi Baschi, a Guipúzcoa. Che cosa ha il nord della Spagna nel romanzo poliziesco a cui anche solo per poco vuoi avvicinarti?

DSC: Per me personalmente, sia per inviare i miei personaggi o per muovermi, amo il nord della Spagna ... anche se la verità è che tanto quanto il sud. La meraviglia del nostro Paese è che abbiamo tutto quello che vogliamo a due passi. Al nord mi godo il clima, il cibo ei paesaggi, mentre al sud mi godo la spiaggia e la luce. Il centro è dove vivo e dove si svolge la maggior parte di Talión, ma ci siamo trasferiti nei Paesi Baschi per discutere la questione dell'ETA. Fa parte della nostra storia recente e, nonostante i rimpianti, siamo un Paese avanzato e credo che non dobbiamo censurarci. Il resto degli ambienti che interpreto, alcuni rozzi come La Cañada Real, esistono davvero. La lettura è l'unico modo per entrare in quei luoghi e sentirsi al sicuro.

AL: Vedremo mai l'ispettore Daniela Gutiérrez nei tuoi romanzi?

DSC:  Anche se non è ancora sicuro, direi di sì, se c'è una seconda parte di Talión o in un nuovo caso che non ha nulla a che fare con questa storia. Penso di essere riuscito a creare un personaggio molto potente che molti lettori vorrebbero rivedere sulla scena del crimine.

AL: Momenti di cambiamento per le donne: il femminismo è diventato un fenomeno enorme, è una questione per la maggioranza e non solo per piccoli gruppi di donne stigmatizzate per questo. Due protagoniste femminili per il tuo primo romanzo, l'assassino e la polizia. Qual è il tuo messaggio alla società sul ruolo delle donne e sul ruolo che svolgiamo in questo momento?

DSC: Credo che ci stiamo avvicinando al momento in cui non attira la nostra attenzione che il presidente di un paese, il direttore di una multinazionale o anche un serial killer siano donne. Quando smetteremo di parlarne, sarà quando avremo davvero raggiunto un'uguaglianza che per certi aspetti resiste ancora. Fortunatamente, il machismo viene sradicato a poco a poco fino al giorno in cui scompare completamente, ma è anche vero che gli uomini spesso si sentono intimiditi. Io stesso ho dubitato in questa intervista se riferirmi a coloro che acquistano Talión come lettori o come lettori, e questo non ci aiuta nemmeno a normalizzare la situazione, che penso, dopotutto, sia ciò a cui dovremmo aspirare.

AL: Dopo aver scritto la sceneggiatura di serie di grande successo e molte delle quali molto estese in capitoli come El Secreto de Puente Viejo, accompagnato da un team di sceneggiatori, hai sentito la solitudine dello scrittore di romanzi?

DSC: Sì. Quando scrivi una sceneggiatura, di solito fai parte di una squadra e hai colleghi con cui discutere le trame, poiché parliamo tutti la stessa lingua e andiamo nella stessa direzione. Durante la stesura di Talión, sebbene avessi mio fratello Jorge (anche scrittore e sceneggiatore) e il mio partner a commentare i miei dubbi, devi prendere le decisioni da solo. D'altra parte, scrivere un romanzo senza i limiti che circondano una serie televisiva o un film (budget, attori, set ...) mi ha deliziato. Ho goduto di una libertà che non conoscevo fino ad oggi.

AL: Com'è Santiago Díaz come lettore? Cos'è quel libro che ricordi con affetto speciale, che ti conforta vederlo sullo scaffale e rileggerlo di tanto in tanto? Qualche autore che ti appassiona, del tipo che compri gli unici che vengono pubblicati?

DSC: Mi piace leggere di tutto, dai romanzi storici (mi dichiaro appassionato di Santiago Posteguillo e delle sue trilogie sugli imperatori romani) ai thriller di Manel Loureiro, alla poesia di Marwan (che fino a poco tempo fa non conoscevo, ma ammetto di aver scoperto in lui uno speciale sensibilità), il terrore di Stephen King e, ovviamente, il romanzo poliziesco. In questo campo mi piacciono molti autori, dai classici come Agatha Christie, Arthur Conan Doyle, Patricia Highsmith, James Ellroy o Truman Capote a Don Winslow, Dennis Lehane ... Per quanto riguarda gli autori spagnoli, è d'obbligo citare Manuel Vázquez Montalbán , Lorenzo Silva, Dolores Redondo, Alicia Giménez Bartlett, Juan Madrid, Eva García Sáenz de Urturi ...

Il libro che rileggo di tanto in tanto è "The Elephant Numbers" di mio fratello Jorge Díaz, uno dei migliori romanzi in cui mi sia imbattuto in tutta la mia vita, lo dico davvero.

E il mio scrittore preferito ... Prima era Paul Auster, ma ora siamo arrabbiati.

AL: Libro digitale o carta?

DSC: Carta, ma riconosco che a volte il digitale è molto più comodo, perché in pochi minuti hai tutto quello che vuoi a tua disposizione.

AL: Pirateria letteraria: una piattaforma per i nuovi scrittori per farsi conoscere o danni irreparabili alla produzione letteraria?

DSC: Danno irreparabile alla produzione letteraria e, soprattutto, agli autori. Capisco che le persone vogliano risparmiare qualche euro, ma noi viviamo nella società e devi essere civile e pensare allo sforzo che ci vuole per scrivere un romanzo in modo che in seguito, con un clic di un pulsante, venga violato e tutto funzioni è rovinato. La pirateria di serie, film, musica o libri deve essere perseguita il più duramente possibile. Mi ha fatto molto ridere parlare un giorno con un tassista che si lamentava dei conducenti privati ​​che facevano salire i passeggeri, chiamandoli pirati perché non pagavano le tasse, ma poi ha confessato senza vergogna di piratare serie televisive.

 AL: Il fenomeno dei social media crea due tipi di scrittori, quelli che li rifiutano e quelli che li adorano. Qual è l'aspetto più importante di te, quello di un comunicatore di massa o quello di uno scrittore solitario che preferisce che il suo lavoro parli per lui?

DSC: Li odio e perdo anche molto tempo con loro. Ho solo un account Facebook che uso a malapena, anche se sto cominciando a rendermi conto della sua importanza. Vorrei poterli ignorare, ma temo di soccombere a loro prima o poi ... (PS: in realtà, ho già ceduto e ho aperto un account Twitter: @sdiazcortes)

AL: Quali sono i momenti speciali della tua carriera che hai vissuto e quelli che vuoi vedere? Quelle che un giorno vorresti raccontare ai tuoi nipoti.

DSC: Uno dei momenti più speciali è stato quando ho ricevuto la prima telefonata da Puri Plaza, il mio editore di Planeta, che mi diceva che Talión era stata letta e che ne era rimasta affascinata. Anche il giorno in cui ho ricevuto la prima copia a casa mia, quello in cui ho visto il mio partner emozionarsi leggendo i ringraziamenti e, ovviamente, la presentazione di pochi giorni fa presso l'Area Culturale El Corte Inglés, dove ero circondato da tutti i miei amici.

Cosa succederà non lo so ancora, ma spero che le cose mi succedano almeno altrettanto bene ...

AL: Per concludere, come sempre, ti pongo la domanda più intima che si possa fare a uno scrittore: perché scrivi?

DSC: Prima di tutto, perché non riesco a pensare a un modo migliore per guadagnarmi da vivere che raccontare storie. Non so se uno scrittore sia nato o fatto, quello che ti posso assicurare è che non so fare altro e che senza questo sarei profondamente infelice. Davanti a una tastiera è come so davvero esprimermi.   

Grazie Santiago Díaz Cortés, ti auguro molti successi in tutte le tue sfaccettature, che la serie di vittorie non si fermi e, dopo che ci avrai conquistato TalionAttendiamo con ansia il tuo prossimo romanzo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)