Alicia Vallina. Intervista all'autore di Hija del mar

Alicia Vallina, intervista all'autrice di Hija del mar

Alicia Vallina | Fotografia: profilo Facebook

Alice Valline sapeva di cosa scriveva quando nell'aprile 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo intitolato Figlia del mare. Ed è che è stata direttrice tecnica del Museo Navale di San Fernando-Cádiz e ha anche scritto molti articoli su riviste nazionali e internazionali su Musei, Storia spagnola, Storia navale, Arte contemporanea e Patrimonio culturale. Grazie mille per l'attenzione e il tempo. dedicato a questa intervista, l'ultimo dell'anno, dove ci racconta questo romanzo e tanti altri argomenti.

Alicia Vallina — Intervista

  • ACTUALIDAD LITERATURA: Il tuo romanzo, figlia del mare, ci racconta la storia di Ana María de Soto. Chi era e come l'hai trovata per scrivere di lei?

ALICE VALLINA: figlia del mar è storia di una donna vera, una donna in carne ed ossa nata in un paesino dell'interno dell'Andalusia, Aguilar de la Frontera (Córdoba) che, nel 1793, niente di più e niente di meno, decide di rompere con tutto e impersonare un uomo per arruolarsi nella marina spagnola. Certo che lo era una donna unica nel suo tempo che doveva affermarsi in un mondo di uomini, in cui ogni passo falso poteva costargli la vita. Una donna di enorme coraggio e con un alto grado di incoscienza, che credo meriti di essere ricordata. Ma non dimentichiamo che si tratta di un romanzo e che ci sono parti che non sono reali, o, almeno, che abbiamo potuto verificare. 

D'altra parte, lo credo sempre sono le grandi storie che finiscono per trovarci. Ci vengono presentati per caso, anche se dobbiamo sempre tenere gli occhi ben aperti e la curiosità sufficiente per farli nostri. Ed è così che è successo con Figlia del mare. Ero stato nominato direttore tecnico del Museo Navale di San Fernando, a Cadice. Prima si trovava nella Escuela de Suboficiales (accanto al Pantheon dei Marines Illustri, menzionato anche nel romanzo).

Donne in Marina

Sono rimasto particolarmente sorpreso dal fatto che in tutto il discorso del museo non ci fosse il no nessuna menzione o riferimento alle donne chein un modo o nell'altro, avrebbe contribuito a forgiare la storia navale spagnola, o più precisamente quello del dipartimento marittimo di Cadice, punto di riferimento per il museo che avrebbe diretto. Per questo mi sono proposto, in un primo momento, e solo dal punto di vista della ricerca (visto che non avevo mai scritto un romanzo e ho scritto molti saggi sulla museologia e sui beni culturali e militari), di far conoscere la storia di una donna che aveva avuto un ruolo rilevante in questo senso.

era così, consultando la documentazione dell'epoca e parlando con marinai esperti, Ho trovato un personaggio come Ana María de Soto y Alhama, che mi ha permesso di creare una storia emozionante basata sui dati che ho potuto ottenere sulla sua vita.

  • AL: Puoi tornare al primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

ALICIA VALLINA: Non ricordo esattamente, ma forse era un libro d'avventura. Ricordo con particolare affetto le mie letture infantili del collezione di battelli a vapore e le avventure di I cinque. Oppure i libri in cui tu stesso eri protagonista della tua avventura e dovevi prendere decisioni rischiose girando da una pagina all'altra del libro a seconda delle scelte che avevi fatto.

Ho sempre amato le storie, soprattutto quelle di Oscar Wilde come le loro celebrità Il principe felice, l'usignolo e la rosa o il gigante egoista. Las prime storie che ho scritto erano proprio questo, racconti moralizzanti in cui l'anima umana è stata mostrata in situazioni eccezionali. Sono sempre stato interessato agli esseri umani, alle loro passioni, sentimenti, come affronta il suo stare al mondo e come possiede le sue paure e la sua libertà.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

ALICE VALLINA: Ana Maria Matute È una delle mie passioni letterarie fin dalla mia giovinezza. Una donna con un'enorme creatività, emotiva, con una storia bella e unica. Anche il grande Oscar Wilde, genio prigioniero del suo tempo e dell'incomprensione con cui la società annichilisce il diverso. E, naturalmente, piace ai grandi letterati russi Gogol, Pushkin, Tolstoj o Dostoevskij. Sono appassionato di letteratura moralizzatrice, di denuncia sociale, satirico e sempre senza tempo, carico di spiritualità e frutto delle caratteristiche innate dell'essere umano in quanto tale. 

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare? 

ALICIA VALLINA: Molti, migliaia, non avrei abbastanza vite o tempo, né abbastanza immaginazione o capacità per creare i grandi personaggi della letteratura universale così come sono per me. Alonso quijano, Contare dracula, Sherlock Holmes, il gobbo di Notre Dame, Alicia nel Paese delle Meraviglie, il piccolo Principe, Frankenstein o, naturalmente, il magnifico Guglielmo di Baskerville… Quest'ultimo mi affascina, mi sarebbe piaciuto diventare suo allievo, un Adso de Melk, ingenuo e avido di conoscenza, ovviamente proibito per una donna comune nel Trecento.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

ALICIA VALLINA: La verità è che ho bisogno di a silenzio totale per entrambe le attività. Mi piace essere concentrato e calmo, concentrato solo sul compito da svolgere.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

ALICIA VALLINA: Il momento più tranquillo è sempre il notte, ma purtroppo quella che mi diverte anche di meno, perché quando arrivo sono sempre più stanca del lavoro quotidiano. Il mio posto dove scrivere di solito è il mio ufficioAnche se normalmente prendo appunti e annoto idee ovunque e in qualsiasi momento della giornata, su un taccuino che mi accompagna sempre o sul mio cellulare, se necessario. 

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono? 

ALICIA VALLINA: Mi piace molto il fantascienza e il romanzo di avventure. Anche i grandi classico di letteratura universale che non abbandono mai ea cui di tanto in tanto ritorno sempre.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

ALICIA VALLINA: Sto leggendo il romanzo di una mia cara amica Mario Villen dal titolo Ilion, un grande romanzo epico che adatta l'Iliade di Omero ai tempi attuali, con una narrazione tremendamente brillante. e lo sono già finendo di scrivere il mio prossimo romanzo, edito anche da Plaza & Janés.

Sono appena arrivato dall'Ecuador per terminare la parte della documentazione relativa al Paese che era ancora in sospeso. E quest'estate ho trascorso anche due settimane in Francia, sulla Loira, per visitare i luoghi frequentati dai protagonisti di questa nuova storia. Personaggi veri e molto sconosciuti al grande pubblico, ma con storie incredibiliIn questo caso ambientato nel XVIII secolo, e più precisamente nella Spagna coloniale.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale?

ALICIA VALLINA: È un panorama molto vario e complesso. In caso di romanzo storico Migliaia di titoli vengono pubblicati ogni anno e il genere, fortunatamente, è in ottima salute. Le persone sono interessate a conoscere il passato per affrontare il presente con una certa conoscenza e affrontare il futuro con strumenti utili.

Ma è vero che è difficile farsi strada in un campo competitivo come la letteratura. A poco a poco ci stiamo realizzando, grazie ai media, ai social network e alle persone che si dedicano a far conoscere il nostro lavoro. Lo apprezzo molto, poiché è essenziale ed è un compito tremendamente necessario. 

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo sia in ambito culturale che sociale?

ALICIA VALLINA: La momenti di crisi sempre, dal mio punto di vista, deve essere usato come ccatalizzatori per promuovere cambiamenti e miglioramenti positivi. Le crisi, se affrontate con intelligenza, senso critico e umiltà, possono favorire il nostro sviluppo personale, creare legami e reti di cooperazione e promuovere attività di apprendimento. Questo è ciò che mi hanno portato, ma sempre dal lavoro, la volontà di continuare a impegnarmi di buon umore e con spirito di miglioramento e collaborazione. 


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.