Ernesto Mallo. Intervista all'ideatore dell'ispettore Lascano

<classe yoastmark=

Ernesto mallo, argentino di La Plata (1948), vive a lungo in Spagna e la sua carriera è lunga e prestigiosa, non solo in campo letterario. Scrittore, giornalista, traduttore, professore universitario, comunicatore, consulente editoriale, libraio, fondatore di BAN! (Festival del romanzo poliziesco di Buenos Aires)… La sua vasta esperienza si completa con una carriera letteraria che comprende romanzi, teatro e racconti inclusi in diversi titoli. I suoi romanzi più noti sono quelli che compongono il serie con protagonista il commissario Lascano, o il Cane Lascano, come è noto.

Ha vinto, tra gli altri, il Silverio Cañada Memorial Award della Settimana Nera di Gijón (2007). E, oltre ai romanzi di Lascano, ha pubblicato Il medaglione, mi vedrai cadere e più di dieci spettacoli tra i quali sono Il vaccino sette dipinti. L'hanno tradotto in dodici lingue. In questo intervista che ci concede ci parla dell'ultimo titolo della serie, Vecchio cane, ma anche altri argomenti. Apprezzo molto il tuo tempo e gentilezza dedicata.

Vecchio cane

La sesta rata del commissario Lascano è stato pubblicato in Gennaio e lo trovammo ricoverato a El Hogar, una residenza geriatrica di lusso, dove trascorreva le ore più basse. Inoltre lì è appena stato commesso un crimine. crimine che risulta essere il principale sospettato. Nemmeno lui stesso è sicuro di non averlo commesso perché i suoi vuoti di memoria sono sempre più frequenti. Tuttavia, sente il richiamo del dovere e accetta collaborare con la polizia in un'indagine che potrebbe portarlo in prigione. Tuttavia, la ricerca del colpevole rivelerà che ci sono molti che hanno ragioni più che sufficienti per aver eliminato la vittima.

Ernesto Mallo — Intervista

  • ACTUALIDAD LITERATURA: E' rientrato il commissario Lascano Vecchio cane. Cosa ci racconti in questo ultimo romanzo e perché sarà interessante?

ERNESTO MALLO: È a rivendicazione vitalistica della vecchiaia, una fase di esistenza crepuscolare di cui la letteratura raramente tiene conto. Sogni, desiderio e avversione all'essere classificato come malato, vittima o incapace incoraggiano un Lascano molto vivace. Vive in una residenza di lusso e irrompe sulla scena di un delitto, lo sgozzamento di un altro residente, senza sapere se l'assassino è lui stesso. Alcuni blackout della memoria lo caricano della stessa ambiguità con cui alcune persone care disturbano i suoi sogni come apparizioni. Non posso dire di più di cosa si tratta senza rovinare l'intrigo.

Penso che sarà interessante perchéÈ uno stadio a cui possono raggiungere i più fortunati ed è più vicino di quanto si possa pensare. Inoltre, è una sfida per il lettore vedere se è in grado di scoprire l'assassino prima di arrivare alla fine.

  • AL: Ricordi qualcuna delle tue prime letture? E la prima cosa che hai scritto?

EM: Il libri di Emilio Salgari e le storie che mi raccontava mio nonno Vincenzo all'ora del riposino.

  • AL: Un autore di primo piano? Puoi sceglierne più di uno e tra tutti i periodi.

IN: Shakespeare, Borges, Beckett.

  • AL: Quale personaggio ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

EM: Adesso al Cane Lascano Macbeth.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

IN: Solitudine e il più vecchio silenzio possibile.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

EM: Preferisco il mattina, per sempre.

  • AL: Quali altri generi ti piacciono? 

IN: tutto, se sono ben scritti.

Outlook attuale

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

IN: La vita segreta della mente, di Mariano Sigman (non fiction). Sto scrivendo un romanzo ambientato nel mondo del teatro.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale?

IN: In crisi, come di solito. Ma la letteratura prevarrà, è inevitabile.

  • AL: Come ti senti riguardo al momento attuale in cui viviamo? 

EM: Con grande disgusto. Gli esseri umani hanno dimostrato di essere la specie più dannosa che abita il pianeta. Siamo scimmie armate di mitragliatrici.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.