Intervista a Xabier Gutiérrez, creatore del genere Gastronomic Noir

Xabier Gutiérrez: Autore della tetralogia El Aroma del Crimen.

Xabier Gutiérrez: Autore della tetralogia El Aroma del Crimen.

Siamo lieti di avere oggi sul nostro blog con Xabier Gutierrez, San Sebastian, 1960, creatore di noir gastronomico, in cui il genere nero si svolge tra fornelli e piatti d'autore. Xabier lo è uno degli chef più rinomati del nostro paese e il autore della tetralogia Los Aromas del Crimen, con il vice commissario dell'Ertzaintza, Vicente Parra.

Prima di morire, ha assaporato il suo ultimo piatto. Ma questa volta c'era una leggera differenza rispetto alla lunga lista di piatti di cui aveva scritto sul giornale dove lavorava: questa l'aveva preparata con l'aiuto dei due fottuti sconosciuti che l'avevano aggredito. E sapeva di sangue e sapeva di carbone dove avevano arrostito la costata di maiale che aveva appena finito di mangiare due ore prima. E anche a morte ".  (Sapore critico, Xabier Gutiérrez)

Notizie di letteratura: tre libri, un nuovo genere e un'ertzaintza come protagonista. Fornisci ai tuoi estimatori il piacere di assaporare delizie impensabili che fanno impazzire il palato, per poi decidere di scuotere le loro anime con la malvagità e la disperazione che il crimine nasconde. Come arriva uno chef brillante, premiato e riconosciuto come Xabier Gutiérrez al romanzo giallo?

Xabier Gutierrez:

Sono arrivato molti anni fa. La prima volta che l'ho scoperto è stato quando avevo tredici anni. Prima l'ho fatto con un libro che non dimenticherò mai. Tempo di silenzio. (Luis Martin Santos) E dalla mia audacia ho immaginato di poterlo fare anche io. O almeno qualcosa di simile. Stoltezza Penso che il pensiero si chiami, hahaha. La mia vita è stata cinta di parole. Vengo da lettere visceralmente. Mi piace giocare con loro. Fagli dire quello che hanno nascosto. Sono un po 'timido ea volte uso le parole come scudo per proteggermi. Hanno la virtù del silenzio espressivo. Ciò che viene detto senza dire una parola ha una presenza intima. E permanenza quasi eterna. Nessun vento li porterà via.

AL: Gli scrittori mescolano e centrifugano i loro ricordi e le storie che hanno ascoltato per creare personaggi e situazioni. La tua ispirazione viene dalla cucina, dal tuo ambiente naturale, da quello che padroneggi, dove ti senti a tuo agio. E proprio lì, appare il crimine. Nei tuoi libri sono già morti un enologo, un critico gastronomico e varie persone legate al mondo della gastronomia. Le idee nascono da momenti reali, da eventi vissuti in cucina, o è pura fantasia che fai scena nell'ambiente conosci meglio?

XG: I miei romanzi sono tutti finzione, conditi con la realtà. Il gioco sta trovando dove l'ho condito. È evidente che quando si conosce bene l'ambiente, a volte si cade nella tentazione di generare l'ambiente oi personaggi vicini, ma è chiaro che non è così. Creo situazioni dalla mia immaginazione. Ma è anche vero che la tua immaginazione, che fa parte della generazione di un processo creativo, è il risultato della tua stessa osservazione e può ingannarti ricordando esseri o situazioni che hai vissuto ma non sei in grado di ricordare. È un gioco in cui spesso ti lasci trasportare inconsciamente.

AL: L'odore del crimine, Il bouquet della paura y Sapore critico, quest'ultimo pubblicato nel 2017. Ci manca l'ultimo lavoro della tetralogia ei tuoi lettori si chiedono se rimarremo se più casi di Vicente Parra, la carriera della nostra ertzaintza preferita finirà con il suo prossimo caso?

XG: In linea di principio è una tetralogia e si conclude con la quarta puntata (Black Rose Perfume) che speriamo esca presto. Nell'ultimo, le cose nascoste vengono scoperte dalla prima puntata. Dovrebbe essere così, anche se sai già che tutti e quattro sono romanzi a conclusione automatica. Per continuare con lo stesso poliziotto, non lo escludo, anche per fare un prequel che ho già abbozzato ma solo con tre righe. Non lo so. Ora mi ritrovo a finire il nuovo romanzo. Il primo fuori dal subcommissario dell'ertzaintza Vicente. Sono felicissimo e penso solo di poterlo finire. Sono rimaste appena venti o trenta pagine.

AL: Vicente Parra, ertzaitza, sulla cinquantina, appassionato di puzzle, sposato e padre di famiglia, con un figlio che studia cucina, intelligente, curioso e con un grande cuore. Vicente non è un grande buongustaio, nonostante mangi a casa come in un ristorante di lusso. Cosa ha dato Xabier a Vicente e Vicente Xabier?

XG:  Che bella domanda. Penso molte cose. Siamo cresciuti insieme. Gli ho insegnato a mangiare, questo è chiaro. Per riflettere sulla piacevole sensazione che suppone la gastronomia direttamente legata alla cultura. Perché se rinunci ai piaceri del cibo, stai ritirando metà dei migliori piaceri che una persona può provare in un colpo solo. LOL.

Ma mi ha insegnato a essere un po 'più ordinato, più premuroso. Forse un po 'meno viscerale. Solo un po. Amo e odio ancora dalle viscere.

D'altra parte, Vicente ed io siamo ugualmente testardi e amiamo le nostre donne, credo, con la stessa intensità.

Ma Vicente ha dato molto di più a me che io a lui. Mi ha dimostrato che quasi sempre, se vuoi, puoi. È una ricetta che molte volte, non sempre purtroppo, funziona. Buona dose di lavoro e fiducia in te stesso. Insieme spostano le montagne.

A volte l'ho raccontato. Posso fare un cazzo, okay, okay, ma è mio e CI CREDO. E per loro uccido.

A Vicente e alla sua famiglia (importante quanto la trama dell'omicidio) devo una svolta alla mia vita che mi ha fatto scoprire cose nuove. Ho riso con loro, ho pianto a crepapelle, mi hanno fatto venire la pelle d'oca. Ognuno di loro fa parte di un cast di sensazioni. Da un'altalena vicina come la vita stessa. Dopotutto, è un altro, fatto di carta, quello che ho creato per loro. Gli sono molto grato per avermeli mostrati.

Al nonno devo la sua personalità, al figlio maggiore i rapporti con la sua ragazza. Non lo so, potrei parlarti di ognuno di loro.

Un giorno lo inviterò a cena all'Arzak, .. hahahaha, glielo devo.

AL: Direttore del dipartimento di innovazione del ristorante Arzak di San Sebastián, collaboratore di vari media, consulente di società di ospitalità, professore in un master in gestione di ristoranti, diversi libri di cucina pubblicati e premiati e scrittore di gialli. Da dove viene il tempo per tutto?

XG: La giornata ha 24 ore e non puoi nemmeno immaginare la quantità di cose che si possono fare durante i 1440 minuti che hanno.

Avrai tempo per riposarti quando morirai, .. hahaha. Non prenderlo per valore nominale. No seriamente, va un lungo cammino. Scrivo la mattina per un paio d'ore. È difficile per me scrivere di più, creare. Più tardi, nel pomeriggio, correggo.

Xabier è il direttore dell'innovazione di Arzak.

Xabier è il direttore dell'innovazione di Arzak.

AL: Non chiedo mai a uno scrittore di scegliere tra i suoi romanzi, ma chiedo di conoscerti come lettore. Nel tuo caso, la curiosità è più grande che mai: i libri preferiti di Xabier saranno libri di cucina, un romanzo gastronomico, forse un classico romanzo poliziesco ...? Cos'è quel libro che ricordi con affetto speciale, che ti conforta vederlo sullo scaffale? Qualche autore che ti appassiona, del tipo che compri gli unici che vengono pubblicati?

XG: Sono un mix di tutti. Mi piacciono il mistero e la suspense. Sono fondamentali e nei miei romanzi cerco di trasmetterlo. Mi piacciono i classici ma anche i nostri. Lorenzo Silva, Dolores Redondo o Carlos Bassas. Anche i nordici, anche se a volte li trovo un po 'freddi.

Un libro che non dimenticherò è L'esorcista di William Peter Blatty.

Di solito corro in libreria se arriva l'ultimo di King.

L'altra mia fonte di ispirazione è il cinema. Bevo da lui ea volte mi criticano perché i miei romanzi somigliano a copioni di film. Viene fuori così. 

AL: Quali sono i momenti speciali della tua carriera professionale? Quelle che dirai ai tuoi nipoti.

XG: Spero di poter dire ai miei nipoti che avevano un nonno che si divertiva molto a fare quello che voleva. Chi amava le persone vicine. Che era fedele ai suoi principi. Che ho vinto dei premi. Ma,…. Dovrò anche dirti che ho sbagliato mille volte e che darei tutto quello che ho per rimediare. Ma tutto questo fa parte del gioco.

A livello professionale ti dirò che scrivere ha fatto parte della mia vita.

AL: In questi tempi in cui la tecnologia è una costante nella nostra vita, è inevitabile a causa dei social network, un fenomeno che divide gli scrittori tra chi la rifiuta come strumento professionale e chi la adora. Quasi 6.000 follower su Twitter, 2500 su Facebook, quasi 3000 su Instagram, con un profilo in cui, fedele al tuo stile, mescoli gastronomia e letteratura. Cosa ti portano i social network? Superano l'inconveniente?

XG: Tutto ha vantaggi e svantaggi. Si tratta di valutarli e che i secondi non coprano i primi.

È chiaro che i social network hanno una parte molto positiva. Hanno aperto molto spazio alle persone per conoscere i miei libri. Tirando fuori cose più personali prendo un po 'peggio anche se a volte lo faccio.

AL: È più facile guadagnarsi da vivere scrivendo o cucinando?

XG: Fare le cose bene è difficile in un modo o nell'altro. Se vuoi essere il numero uno al mondo, ti costerà qualunque cosa tu faccia.

AL: Libro digitale o carta?

XG: Carta, è più sensuale.

AL: La pirateria letteraria ti fa male?

XG: Sì. Le persone devono rendersene conto. Che il nostro lavoro è rispettabile quanto quello che fanno. Penso che stiamo andando bene, ma c'è ancora molta strada da fare.

AL: Per chiudere, come sempre, ti pongo la domanda più intima che puoi fare a uno scrittore: perché scrivi?

XG: Per divertimento.

Grazie Xabier Gutiérrez, ti auguro molti successi in tutte le tue sfaccettature professionali e personali, che la serie di vittorie non si fermi e che continui a sorprenderci con ogni nuovo piatto e con ogni nuovo romanzo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)