Intervista a Víctor del Arbol, Premio Nadal 2016.

Víctor del Árbol, Premio Nadal 2016 per La vigilia di quasi tutto.

Víctor del Árbol, Premio Nadal 2016 per La vigilia di quasi tutto.

Abbiamo il privilegio di avere oggi sul nostro blog con Vincitore dell'Albero, Barcellona, ​​1968, vincitore del Premio Nadal 2016 by La vigilia di quasi tuttoChevalier des Arts et des Lettres per il governo della Repubblica francese, autore di bestseller come Un milione di gocce o La tristezza del Samurai.

Víctor del Árbol rende il romanzo poliziesco qualcosa di più di un genere. Ognuna delle loro storie è diversa, parte da zero, nulla è prevedibile. Nessuno dei suoi romanzi ti prepara il prossimo. Sorprendente, emozionante, di quegli scrittori che agganciano il lettore, che gli impediscono di scegliere tra le loro opere perché ognuna ha lasciato un segno profondo nella sua memoria.

Attualità Letteratura: Dici sempre che la tua passione per la letteratura è iniziata durante l'infanzia, nella tua biblioteca di quartiere a Barcellona, ​​dove tua madre ti ha lasciato con i tuoi fratelli mentre andava a lavorare: cos'è quel libro che ti ha fatto pensare «Da me» Diventerò uno scrittore?

Victor of the Tree: In ogni fase ce n'era uno diverso, e alcuni di loro hanno trasceso i momenti generazionali per rimanere fedeli compagni per il resto della mia vita. Da quei fumetti di classici adattati dall'infanzia a Coetzee, libri e autori come Steinbeck, Faulkner, Fietzcherald, Dostoyevsky, Delibes, Matute, Mallarmé, Lope mi hanno penetrato ... Lo straniero di Camus mi ha segnato, così come il Raven Manuscript, One di Max Aub Cent'anni di solitudine di García Marquez, Hombres del Maíz di Miguel Ángel Asturias ... Se ce n'è stato uno definitivo, non lo so. Tutti mi stavano invitando a provare. Per motivi emotivi ne ricordo uno importante: “Requiem per un contadino spagnolo” di RJ Sender. Era il premio per il mio primo premio letterario (all'età di quindici anni) e in un momento molto preciso della mia adolescenza ho capito molto quando ho scoperto “De Profundis” di Oscar Wilde. Ho iniziato i miei primi passi entusiasta della Storia ed è stato stimolante leggere i libri di Paul Preston e Hugh Thomas sulla Guerra Civile Spagnola, o la Cronaca delle Indie di Bartolomé de las Casas. Mi sono divertito molto con i libri di Follet quando non avevo ancora scritto I pilastri della terra, con Vozquez Figueroa e il suo Tuareg, con Marsé e i suoi Ultimi pomeriggi con Teresa… Comunque, fermiamoci ora. 

AL: Chevalier des Arts et des lettres nel 2017. Condividete il premio con altri illustri spagnoli come Carmen Maura che ha sviluppato parte della sua grande carriera professionale sui palcoscenici francesi, o Arturo Pérez Reverte, e con personalità della statura del recente romanzo in letteratura, Bob Dylan, o per citarne alcuni Maryl Streep, Clint Eastwood, Shakira, Carlos Vives ... Victor del Arbol è di moda in Francia, uno dei più grandi mercati per il genere nero? Cosa significa questo premio nella tua carriera professionale?

VDA: Non mi piace pensare di essere uno scrittore di moda in Francia perché le mode passano e suppongo che tutti noi che ci dedichiamo abbiamo voglia di resistere. Quello che invece mi rende felice è vedere che alcune mie opere entrano a far parte di quelle che chiamiamo “biblioteche di background” e che nonostante gli anni continuano ad essere lette. Mi sembra che sia importante che un libro possa essere letto al di fuori del tempo in cui è stato scritto e sia comunque valido. Questo li rende classici.

Mi piacerebbe credere che essere chiamato Chevalier des Arts et lettres dal governo francese mi renderà uno scrittore migliore, ma temo che non sia così. Ho accettato questo riconoscimento con grande gioia, ma sapendo che l'opinione degli altri e la mia non sono necessariamente in sintonia. I nomi dei miei predecessori che citi parlano da soli di una traiettoria e di un'incidenza che io sono ancora lontano dal raggiungere. Ma ovviamente è un incentivo a continuare a provare. Una piccola parte di me che non riesco a soffocare vorrebbe che questo prestigioso riconoscimento addolcisse un po 'la strada a casa, ma non mi eccito troppo. Dobbiamo andare avanti.

AL: Gli scrittori mescolano e centrifugano i loro ricordi e le storie che hanno sentito per creare personaggi e situazioni, la tua vecchia professione, la tua esperienza nei Mossos, ti è mai stato d'ispirazione?

VDA: La favola dalla memoria personale è l'argomento su cui si basa ciò che scrivo. La radice di tutto è lì, tra le pieghe del passato che si ispira, ricrea, si deforma e si reinventa. L'esperienza vitale come Mosso fa parte di quel magma di ricordi ed esperienze. È lì, tra le pagine, in modo più o meno evidente, anche a me. Le mie paure, le mie scoperte, le mie delusioni e la mia ammirazione. Una parte della mia vita.

AL: Genere nero, ma a differenza della maggior parte degli autori del genere, non c'è un personaggio che si ripete, non continuano, qualcuno di voi pensa di dover recitare di nuovo in una delle vostre storie in futuro o si parte da zero?

VDA: Forse un giorno qualcuno verrà per restare, ma finora non ho sentito quel bisogno. Dovrebbe essere un personaggio memorabile, capace di mostrare tutte le sue sfaccettature e la sua evoluzione negli anni, come ad esempio sa fare Petra Delicado della mia ammirata Alicia G. Bartlett.

AL: Molti grandi momenti che guidano e cementano la tua carriera professionale come il successo in Francia di La tristezza del samurai, o il Nadal Award per La vigilia di quasi tutto. Per te, come scrittore e come persona, quali sono i momenti speciali della tua carriera professionale? Quelle che dirai ai tuoi nipoti.

VDA: La prima volta che ho visto un mio romanzo in libreria (“El Peso de los Muertos”), la copertina de La Vanguardia a Sant Jordi in cui appariva insieme a Juan Marsé, uno dei miei autori di riferimento, la sigaretta di cui fumavo la mattina presto al Plaza dopo la cerimonia Nadal e di essere rimasto solo a pensare alla mia infanzia, fratelli miei. Ma soprattutto penso che dirò ai miei nipoti che il meglio deve ancora venire, e sarà vero.

Above the Rain, l'ultimo romanzo di Víctor del Árbol, edito da Destino.

Above the Rain, l'ultimo romanzo di Víctor del Árbol, edito da Destino.

AL: Il tuo ultimo libro, Above the Rain, pubblicato nel 2017, c'è già un prossimo progetto? Sei uno di quelli che inizia il prossimo romanzo non appena finisce il precedente o hai bisogno di un momento per la rigenerazione creativa?

VDA: Lascio passare il tempo, anche se le idee non arrivano o escono automaticamente. È un processo creativo e non sempre lo controllo. A volte mentre scrivo ci sono incursioni in altri territori che mi ispirano, prendo alcuni appunti e li salvo per maturare in seguito. A volte scrivo alcune pagine per vedere se mi sento a mio agio, se funziona. In caso contrario, abbandonalo.

Sto lavorando su una nuova storia, nel processo di documentazione e mettendo insieme lo scheletro strutturale, i personaggi ... Sarà un lungo processo prima di arrivare a scrivere correttamente.

AL: Hai un romanzo scritto e inedito, The Abyss of Dreams, che è stato finalista per il Premio Fernando Lara 2008. Cosa è successo? Sappiamo che è un romanzo poliziesco. Non hai posto in questo mercato competitivo o sei tu quello che non vuole più trovarlo?

VDA: Non credo sia un buon romanzo, anche se l'idea è che ci vuole molto lavoro e non ho voglia di fare quel passo indietro per rivederlo. Forse un giorno.

AL: Qualche hobby o abitudine quando scrivi? Dicono che ti piace sederti e scrivere sulla terrazza del bar sotto casa… Puoi ancora farlo o il successo ti rinchiude a casa?

VDA: Hahaha, sì, continuo a farlo. A volte un cliente viene da me, mi saluta o mi chiede di firmare un libro, ma sono persone gentili e rispettano la privacy. I proprietari mi conoscono e non scherzano con me anche se chiedo loro un latte ogni due ore. In inverno è un po 'più complicato, ma si tratta di impacchettare bene. Mi piace scrivere in spazi aperti, circondato da cose che accadono, con le mie sigarette, i miei appunti. In qualsiasi momento e fino a quando non mi sento stanco.

AL: Qualcuno a cui mostrare il tuo lavoro prima di fargli vedere la luce?

VDA: Lola, la mia ex compagna, le leggeva. Mi ha fatto vedere cose molto interessanti di cui non ero a conoscenza. Ora faccio avanzare il mio editore o chiedo a mia moglie di leggere alcuni capitoli individuali per vedere come respira la storia. Ma nessuno di loro è critico quanto me stesso. Alla fine della giornata, so cosa sto proponendo e quanto sono vicino o lontano dal realizzarlo.

AL: Come si inseriscono i tuoi romanzi nella società odierna? Quando scrivi cosa vuoi che i lettori ricordino di te? Quali sono gli argomenti che ti interessano al di là della storia che li copre?

VDA: Si inseriscono nel desiderio di coniugare contenuto e contenitore. Un discorso aggiornato, divertente, diretto per raccontare le stesse vecchie verità, i dubbi che non ne derivano mai e le tematiche universali dell'arte, la voglia di approfondire ciò che siamo e il significato di tutto ciò che chiamiamo Esistenza. Mi interessa l'infanzia perduta, la questione della crudeltà e la questione del bene e del male.

Non so cosa ricorderanno i lettori, non so se ricorderanno qualcosa, se passerò attraverso quante cose succedono senza aver lasciato qualcosa di utile.

Ma immagino sempre che una parola, un paragrafo, un libro possa aprire le porte a qualcuno per entrare e uscire con una manciata di incertezze personali risolte.

AL: Non ti chiederò di scegliere tra i tuoi romanzi, ma ti chiederò di aprirci l'anima del tuo lettore. Quali sono i libri più logori della tua biblioteca, quelli che passano sopra anni e leggi sempre di nuovo? Qualche autore che ti appassiona, del tipo che compri gli unici che vengono pubblicati?

VDA: Ho letto tutto il lavoro di Delibes, molto di quello che è stato scritto e pubblicato su Camus, ho riletto Last Afternoons with Teresa molte volte. E ho letto quello che pubblica non appena appare tradotto a Paul Auster e Coetzee. Conservo con affetto un'antologia di poesia spagnola con un posto speciale per una certa poesia di Antonio Machado.

AL: Ora che hai realizzato il sogno di ogni scrittore di guadagnarti da vivere con il tuo lavoro, la pirateria letteraria ti fa male?

VDA:   Non solo a me, ma a chiunque senta veramente qualsiasi espressione creativa come propria. Esistono modi gratuiti per accedere alla lettura senza rubare: biblioteche, e-book a prezzo ridotto, tascabili, prestiti, iniziative di scambio peer-to-peer. Tuttavia, sono più preoccupato di cosa c'è dietro il business opaco dei download illegali. Oggi sappiamo che dietro questo falso altruismo ci sono milioni di rubati che minano la possibilità che altri autori vedano la luce con minime garanzie di chiarezza e qualità. Non so quantificare il valore monetario di un libro ma conosco tutto il lavoro che c'è dietro in modo che finisca per raggiungere lettori, scrittori, editori, librai, giornalismo culturale ... Ci sono molte persone che finiscono per essere danneggiate così che alcuni si arricchiscono illecitamente. Lo conosciamo da anni, lo abbiamo visto nel mercato musicale. E un ignorante può imparare, ma come può essere convinto uno sciocco? Perché è sciocco non voler vedere che a lungo andare questa strategia è dannosa per tutti.

AL: In questi giorni in cui l'uscita di Lorenzo Silva da Twitter è un argomento di tendenza, non posso fare a meno di chiederti: come è il tuo rapporto con i social network? Aiutano lo scrittore a entrare in contatto con i lettori o sono una giungla che genera solo distrazione?

VDA: Onestamente, ogni volta un po 'più lontano. Anche se sono riluttante a rinunciare perché ho avuto grandi incontri e scoperte sui social media. La chiave è mantenere il rispetto, esattamente come faresti se avessi quella persona di fronte a te. Le reti sono un mezzo di comunicazione e di scambio che amo, ma i troll stanno vincendo la partita, i narcisisti, quelli che cercano solo la popolarità a tue spese, attirano l'attenzione ... Finisce per essere estenuante e soprattutto scoraggiante. Ma ne vale comunque la pena.

AL: Carta o formato digitale?

VDA: Carta.

AL: Per concludere, come sempre, ti farò la domanda più intima che puoi fare a uno scrittore: perché scrivi?

VDA: Un giorno lo saprò. O forse non vuoi saperlo. Forse vuoi solo continuare a farlo.

Grazie Víctor del Árbol, ti auguro di continuare ad avere molti successi e che continui a regalarci molti magnifici romanzi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.