José Luis Gil Soto. Intervista all'autore di Blue Sap Wood

Fotografia: José Luis Gil Soto, profilo FB.

José Luis Gil Soto È di Badajoz, dal 1972, ha studiato Ingegneria Agraria all'Università di León e ha un dottorato presso il Politecnico di Madrid e l'Università dell'Estremadura. Solo nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo, Il tradimento del re, una biografia romanzata di Manuel Godoy. Poi ha seguito con La collina di pietre bianche o La signora di Saigon. L'ultimo è intitolato Alburno blu e a marzo arriverà Lacrime d'oro. In questo intervista Ci racconta di tutti loro e molto altro ancora. Apprezzo il tuo tempo e la tua gentilezza nel servirmi.

Jose Luis Gil Soto — Intervista

  • LETTERATURA ATTUALE: Il tuo ultimo libro si intitola Alburno blu. Cosa ci racconti a riguardo e da dove è nata l'idea?

JOSE LUIS GIL SOTO: È la storia di un paese costretto all'esodo, della sua gente, di un maestro falegname e di suo figlio, di una donna che custodisce un grande segreto... Insomma, è un grande avventura medievale, divertente ed emozionante le cui pagine sono una sorpresa permanente. L'idea è nata in frammenti, un figlio perduto di suo padre, una riunione, qualcuno che perde la voce a causa di uno shock emotivo. Sono gli ingredienti di una leggenda epica che lascia il segno.

  • AL: E a marzo pubblichi il tuo nuovo romanzo, Lacrime d'oro. Puoi dirci qualcosa su di lei?

JLGS: Certo. Una collana scompare da una chiesa campestre. È un gioiello Inca. La Guardia Civile apre un'operazione internazionale per recuperarla. Si ritiene che la collana appartenesse al tesoro degli Incas. E quel tesoro ha una storia: la conquista dell'impero Inca da parte di Pizarro

Quindi è un romanzo raccontato in due parti, che ricrea il mondo degli Incas, l'incontro con gli spagnoli, lo scontro di culture, l'amore e la guerra. E, allo stesso tempo, ai nostri giorni, a thriller, la ricerca di a ladro egocentrico e amante dell'arte precolombiana.

  • AL: Ricordi una delle tue prime letture? E la prima storia che hai scritto?

JLGS: In realtà, non saprei dire quale sia stato il primo libro che ho letto, anche se lo dico sempre Michele Strogoff, di Jules Verne. Ciò di cui sono molto chiaro è che lo era La strada, di Miguel Delibes, colui che mi ha spinto sicuramente leggendo. 

Quanto alla prima storia che ho scritto... direi che a Storia breve sulla vita di Marie Curie. Anche se non è stato fino al mio primo romanzo, Il tradimento del re, quando sono entrato completamente nella narrazione.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

JLGS: Il romanzo realista, in particolare il russo, con Tolstoj alla testa. E qui in Spagna Delibes. Quello, facendo un enorme sforzo di sintesi.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare? 

JLGS: Mi sarebbe piaciuto incontrarmi Daniele il Gufo e avrebbe voluto creare Diego Alatriste già Anna Karenina.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

JLGS: Nessuno. Sono versatile, mi adatto bene a qualsiasi ambiente e non vado mai in bianco. Certo, ho una preferenza: lo adoro scrivi davanti a un paesaggio profondo.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

JLGS: Nel mio casa, quando tutti dormono, fermo restando il tramonto in un pascolo in Estremadura.  

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

JLGS: Il romanzo storico ben documentato, e narrativa contemporanea diversi (Barnes, O'Farrell, Winterson, De Vigan, Muñoz Molina, Landero…).

  • Cosa stai leggendo ora? E la scrittura?

JLGS: Sto leggendo Armi di luce, di Sanchez Adalid, e sto scrivendo la storia di qualcuno che ha salvato molte vite (finora posso leggere).

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale e cosa ti ha deciso di provare a pubblicare?

JLGS: In realtà, Non so come stia scena editoriale, spero che godiate di ottima salute e vi auguro una lunga vita. 

Quanto a ciò che mi ha fatto decidere di pubblicare, è stato l'incoraggiamento di chi ha letto il mio primo manoscritto. Loro, molto più di me, credevano nelle mie possibilità. Da lì, un percorso di ostacoli: una casa editrice che ha chiuso, un editore che se n'è andato... finché le cose si sono raddrizzate definitivamente per farmi entrare a pieno titolo nel mondo letterario. Eccomi, grazie ai lettori, alla critica, agli editori, al mio agente, alla mia famiglia, a te...

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

JLGS: Sono ottimista per natura ed è per questo che credo che ci sia qualcosa di buono anche nelle più grandi disgrazie. Tuttavia, è difficile per me vedere qualcosa di utile in una pandemia, a prescindere dal fatto che ognuno di noi abbia avuto momenti felici, nonostante tutto. 

Personalmente, nonostante sia stanco delle restrizioni, dei viaggi troncati e dei momenti di angoscia, non ho visto il mio percorso letterario ostacolato o danneggiato in alcun modo. Continuo con la stessa illusione e con infinito desiderio, sì, di incontrare i lettori. Sta arrivando una bella primavera.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.