Juan Granadas. Colloquio

Parliamo con lo scrittore Juan Granados del suo lavoro storico.

Fotografia: Juan Granados, profilo Facebook.

Giovanni Granados Ha una laurea in Geografia e Storia, con specializzazione in Storia Moderna presso l'Università di Santiago de Compostela ed è autore di libri e saggi di storia e romanzi del genere come quelli del brigadiere Nicolás Sartine, in altri. In questo intervista Ci racconta di loro e di molti altri argomenti sul suo processo di scrittura, sulla scena letteraria o su altri generi che gli piacciono. Apprezzo molto il tuo tempo e la gentilezza di servirmi.

Juan Granados — Intervista

  • LETTERATURA ATTUALE: Il Grande Capitano, i Borboni, Napoleone, Sir John Moore... I personaggi reali prevalgono su quelli fittizi o convivono senza problemi con loro?

GIOVANNI GRANADOS: Nei miei primi due romanzi per EDHASA, Sartine e il Cavaliere di Punto Fisso y Sartine e la guerra dei Guarani, i personaggi principali, generalmente fittizi, vivevano con altri molto reali come il marchese di Ensenada, José Carvajal, Farinelli o lo stesso re Fernando VI. Questo modo di fare aiuta a inquadrare il romanzo storico nel suo tempo in modo molto fluido e credibile. 

Nel caso di Il grande capitano, l'approccio era giusto per il inversione, personaggi molto reali, che accompagnano le cronache storiche, insieme a personaggi di fantasia, che aiutano a "romanzare" la storia e consentono l'introduzione di eventi che in realtà non sono accaduti. Entrambi i metodi sono molto gratificanti.

cosa diversa è il saggio storico (I Borboni, Napoleone, Sir John Moore) là deve prevalere il rigore storico.

  • AL: Ricordi una delle tue prime letture? E il tuo primo scritto?

JG: Dato che all'epoca non c'era Internet, da bambino leggevo sempre e penso a tutto; dal solito (Salgari, Dumas, Verne…) alle enciclopedie che erano di casa, dall'abaco in poi. Anche molti libri di storia che leggeva mio padre.

  • AL: Un autore di primo piano? Puoi sceglierne più di uno e tra tutti i periodi. 

JG: Ce ne sono così tanti… È difficile tenerne due o tre. In tempi recenti, le prove di Antonio Escohotado e i romanzi (non tutti) di Paul Auster. Ma in ogni momento, penso Flaubert, Stendhal Ed ovviamente, JL Borges.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare? 

JG: Qui sto andando a spazzare a casa, Il brigadiere Nicola Sartine. È ancora il mio preferito, ecco perché l'ho creato.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere? 

JG: Questo è già noto per essere una questione di scalda la sedia, non c'è altro. Sempre caffè e talvolta rum e coca cola.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo? 

JG: La verità è che tra lavoro e genitorialità si è sempre scritto saltare di uccisioni e quando è possibile. Ho avuto solo una certa continuità nei periodi di vacanza.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono? 

JG: Come sai, coltivo il romanzo storico e anche il saggio storico. Ultimamente mi occupo molto di filosofia politica (Breve storia del liberalismo). Quest'anno ci sarà un mio capitolo su Isaiah Berlin in un libro collettivo sui filosofi ebrei. Anche una Storia del crimine in Spagna, basata sul mio ultimo lavoro nel mio insegnamento all'UNED. 

A parte questo, Mi piace il teatro visto, non letto e il poesia in piccole e sottili dosi. Due posti in cui non entrerei mai come autore, questo è certo.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

JG: Dopo un po', sono con a nuovo progetto di romanzo storico, è ciò che tocca quest'anno. Leggi, leggo molto filosofia politica, mi sono appassionato a questa materia, anche storia del diritto in Spagna, per piacere e per motivi professionali. L'ultima cosa che ho portato al mare quest'estate è una riedizione del classico Il declino degli imperi, coordinato ai suoi tempi da Carlo Cipolla. Anche La fatale arroganza di Hayek, molto appropriato per i tempi che ci fanno vivere.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale e cosa ti ha deciso di provare a pubblicare?

JG: Nel mio caso, 22 anni fa, è da capogiro a pensarci, ho passato un'oziosa estate a scrivere il mio primo padella. Poi, cercando in Internet, ho trovato una serie di agenti letterari, ho inviato il romanzo e da lì, la pubblicazione con EDHASA. Da allora, fortunatamente, Non ho avuto problemi a pubblicare nei diversi editori con cui ho lavorato e continuo a lavorare. 

C'è stato un tempo in cui tutti pensavamo che il libro digitale avrebbe eliminato la carta, ma sembra che non sarebbe così, gli editori in Spagna sono resistenti e molto professionali. Sì, la mancanza di denaro si nota in questioni cardine come avere un desk editor, che per me è una figura essenziale nel processo, di cui purtroppo ultimamente si è rinunciato molto. Ciò ha un effetto molto negativo sul risultato di una pubblicazione. Un editore professionista è un lusso Aiuta molto a raddrizzare manoscritti traballanti. Cosa accadrà ora in campo pubblicitario, nessuno lo sa, ma non sembra proprio bello, ho amici che si fanno carico dell'editoria, cosa assolutamente folle, impensabile per me.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

JG: C'è spesso la tendenza a dire, quasi retoricamente, che dalle grandi crisi esce sempre qualcosa di buono. Beh, ne dubito fortemente. Penso che vivremo peggio di prima, con fortuna, ma peggio dei nostri stessi genitori che hanno avuto almeno un orizzonte di progresso ragionevole e confortevole nella loro traiettoria di vita. L'unica cosa buona, forse, qualcuno scriverà qualcosa anche vicino L'uva dell'ira.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Michele Fiera suddetto

    Per quando presentazione in Ferrol?
    Parla, se vuoi, con mio figlio Alberto.
    Libreria centrale, Dolores Street 5.
    Mi era piaciuto il primo dei cartoni. non ho letto il secondo
    Non so se sei ancora in contatto con José Luis Gómez Urdañez.
    Un abbraccio.
    Michele Fiera