Ines della mia anima

paesaggio cileno

paesaggio cileno

Ines della mia anima è un romanzo storico della famosa scrittrice Isabel Allende. Pubblicata nel 2006, la trama narra le esperienze della coraggiosa conquistatrice spagnola Inés Suárez e il suo ruolo da protagonista nell'indipendenza del Cile. È una storia vera che racconta le avventure, le perdite e le lotte di molti patrioti in America Latina, in particolare nella presa del Cile da parte degli spagnoli.

Allende ha svolto un'indagine approfondita sugli eventi accaduti al fine di rendere il lavoro il più affidabile possibile.. Oltre al notevole onore che viene tributato a Inés Suárez, il libro riflette le esperienze e le controversie di altre figure importanti, come: Francisco Pizarro, Diego de Almagro, Pedro de Valdivia e Rodrigo de Quiroga. Nel 2020 è uscita per Prime Video la serie omonima del romanzo, che è stato prodotto da RTVE, Boomerang TV e Chilevisión.

Riassunto di Ines della mia anima

Inizio della storia

All'età di 70 anni, Inés Suárez —Noto anche come Inés de Suárez—  comincia a scrivere le cronache sulla sua vita. Lo scopo di scrivere questo tipo di diario è che la figliastra Isabel lo legga e che la sua eredità non venga dimenticata. Inoltre, la vecchia spera un giorno di essere onorata con un monumento per le sue azioni.

Europa (1500-1537)

Agnese è nato a Plasencia (Estremadura, Spagna), in un'umile cerchia familiare. Dall'età di otto anni, la sua capacità di cucire e ricamare l'ha aiutata a sostenere la sua famiglia. Durante una settimana santa incontrato Juan de Málaga, da cui è stata attratta dal primo momento. Per più di tre anni hanno avuto una relazione appassionata. Dopo si sono sposati e si sono trasferiti a Málaga.

Dopo due anni senza poter concepire, il loro matrimonio è diventato ostile. Juan ha deciso di seguire i suoi sogni e si è avventurato nel Nuovo Mondo, è tornata a Plasencia, dove ha ricevuto sue notizie dal Venezuela. Dopo una lunga attesa, Inés ha ottenuto il permesso reale di riunirsi con suo marito. Si imbarcò per l'America alla ricerca di lui e dell'indipendenza che tanto desiderava.

Gli inizi in America (1537-1540)

Dopo diversi viaggi, Inés è arrivato al porto di Callao in Perù, presto si recò con i frati nella Città dei Re (oggi Lima). Lì ha chiesto di suo marito, e finalmente trovato Un soldato chi lo conosceva, questo gli disse che Juan era morto nella battaglia di Las Salinas. Da lì, Inés ha deciso di andare a Cuzco in cerca di risposte alle incognite sul suo defunto marito.

Ben presto si sparse la voce che la vedova si trovava in queste terre, per questo il Marchese Governatore Francisco Pizarro voleva incontrarla. Dopo aver interrogato Inés —che ha confermato di non voler tornare in Spagna—, il reggente gli assegnò una casa dove abitare. Una volta installato lì, Inés ha incontrato Pedro de Valdivia, con il quale ha avuto un legame a prima vista, da quel momento entrambi divennero inseparabili.

Valdivia voleva liberare il Cile, proprio come una volta provò Diego de Almagro; quando commento a Agnese, lei Ha dichiarato che lo avrebbe accompagnato. Si recarono insieme alla Città dei Re per chiedere l'autorizzazione a Pizarro, il quale, dopo un periodo di trattativa, approvò la richiesta. R) Sì, entrambi hanno iniziato l'avventura attraverso la rotta del deserto, accompagnato da Juan Gómez, Don Benito, Lucía, Catalina e diversi soldati.

Viaggio in Cile (1540-1541) e fondazione di Santiago de Extremadura (1541-1543)

Per il viaggio hanno usato una mappa disegnata da Diego de Almagro, che lo aveva creato per poter guidare il suo ritorno. Dopo mesi in roulotte, si accamparono per settimane a Tarapacá in attesa di rinforzi. Già quando stavano perdendo la speranza, arrivò un gruppo di uomini guidati da Rodrigo de Quiroga insieme a capitani come Alonso de Monroy e Francisco de Villagra.

Due settimane dopo, iniziarono la difficile missione attraverso il deserto. Valdivia, Inés, i loro uomini e gli Yanaconas sono riusciti a raggiungere le terre cilene in cinque mesi. Nel febbraio 1541, dopo aver superato diversi attacchi nemici, Pedro de Valdivia decise di fondare la città di Santiago de la Nueva Extremadura. Le terre furono distribuite e in pochi mesi il luogo fu prospero per tutti.

Attacchi a Santiago

Nel mese di settembre 1541, mentre Valdivia era fuori Santiago, Inés ha allertato Quiroga, perché una massa di persone si stava avvicinando a loro. Iniziò così una grande lotta per la difesa del territorioRiuscirono a dominare la situazione, nonostante la città fosse in rovina, con molti morti e feriti. Inés ha avuto una prestazione impressionante nella lotta, ha combattuto al fianco degli uomini fino alla fine.

Valdivia arrivò 4 giorni dopo; Seppur triste, li incoraggiò a ricominciare gridando: "Santiago e chiudi la Spagna!"

Anni duri (1543-1549)

Dopo che Santiago fu distrutto, tutti volevano tornare in Perù, ma Valdivia non glielo permise. Chiese invece a Cuzco rinforzi per ricostruire la città; mentre ciò accadeva, hanno vissuto due anni di profonda miseria. Quando fu raggiunta la comunicazione con il paese Inca, inviarono rifornimenti e tutto iniziò a migliorare, così Santiago fu dichiarata capitale del regno.

Valdivia Ero a disagio, beh voleva liberare altri territori in Cile —Che erano dominati dai Mapuche— e intervengono negli eventi in Perù. Presto, partì con altri capitani, cosa che non piaceva a nessuno dei suoi seguaci, che erano a capo di Villagra. Dopo la partenza di quest'uomo, Ines si sentiva tradita, e col passare del tempo si rifugiò tra le braccia di Quiroga.

L'anno scorso

In 1549, due soldati di La Serena —Città di nuova fondazione—arrivarono a Santiago con la notizia che erano stati attaccati dagli indiani. La rivolta li avrebbe presto raggiunti, per questo motivo il terrore penetrò tra i coloni. Fu deciso che Villagra sarebbe andato avanti per sistemare la situazione, ottenne un trattato di pace, ma era un po' instabile, tutti volevano che il governatore tornasse.

Dopo diversi mesi di combattimenti, Valdivia riuscì a lasciare il Perù, ma poco dopo fu chiamato dal viceré La Garza. Pedro ha dovuto affrontare molte accuse, quindi è tornato per affrontare la giustizia. Sebbene quest'uomo dimostrasse la sua innocenza, la sentenza richiedeva che Inés fosse privata della sua ricchezza e tornasse in Perù o in Spagna.

Inés ha resistito a lasciare il Cilequindi, deciso di sposare Rodrigo de Quiroga, poiché in questo modo non perderebbe la sua proprietà, né dovrebbe andarsene. Ha giurato amore e fedeltà eterni a quest'uomo, che già da tempo si prendeva cura di sua figlia Isabel. Entrambi sono rimasti insieme per molto tempo — Fino alla morte — e hanno combattuto i Mapuche nei loro primi attacchi.

Circa l'autore, Isabel Allende

Lo scrittore Isabel Angelica Allende Llona è nata il 2 agosto 1942 a Lima, in Perù. I suoi genitori erano Tomás Allende Pesce e Francisca Llona Barros; dopo il divorzio nel 1945, Isabel ha viaggiato con sua madre e i suoi fratelli in Cile, dove ha vissuto per diversi anni.

Isabella Allende.

Isabella Allende.

Dopo il colpo di stato in Cile nel 1973, Allende dovette andare in esilio in Venezuela con il marito ei figli (dal 1975 al 1988). Nel 1982 pubblica il suo primo romanzo: La casa degli spiriti; Grazie a questo lavoro ha ottenuto grandi riconoscimenti a livello mondiale. Ad oggi, la famosa scrittrice ha pubblicato più di 20 libri, con i quali ha conquistato più di 75 milioni di lettori in tutto il mondo.

Alcune delle sue creazioni più straordinarie sono: Il piano infinito (1991) Paula (1994) La città delle bestie (2002) El Zorro: inizia la leggenda, Inés del alma mía (2006) Il taccuino di Maya (2011) amante giapponese (2015); e il suo ultimo post: Donne della mia anima (2020).

I libri di Isabel Allende

  • La casa degli spiriti (1982)
  • La donna grassa di porcellana (1984)
  • Of Love and Shadows (1984)
  • Eva Luna (1987)
  • Racconti di Eva Luna (1989)
  • Il piano infinito (1991)
  • Paula (1994)
  • Afrodita (1997)
  • Figlia di fortuna (1998)
  • Ritratto in seppia (2000)
  • La città delle bestie (2002)
  • Il mio paese inventato (2003)
  • Il regno del drago d'oro (2003)
  • Foresta dei Pigmei (2004)
  • El Zorro: inizia la leggenda (2005)
  • Ines della mia anima (2006)
  • La somma dei giorni (2007)
  • Amanti del Guggenheim. Il lavoro di contare (2007)
  • L'isola sotto il mare (2009)
  • Il taccuino di Maya (2011)
  • Amor (2012)
  • Il gioco di Ripper (2014)
  • amante giapponese (2015)
  • Oltre l'inverno (2017)
  • Petalo di mare lungo (2019)
  • Donne della mia anima (2020)

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.