Incontra il Premio Nobel 2021 per la letteratura

Premio Nobel per la letteratura

Premio Nobel per la letteratura

Il 7 ottobre di quest'anno è stato svelato il nome del vincitore della XNUMXa edizione del Premio Nobel per la categoria Letteratura. Il vincitore è stato il tanzaniano Abdulrazak Gurnah, romanziere dalla lunga e profonda carriera, caratterizzata dal toccare con forza temi delicati legati alla guerra, ai rifugiati e al razzismo.

Funziona come Paradise (1994) y Diserzione (2005) ha portato i membri dell'Accademia svedese a tale deliberazione, affermando che gli Zanzibarí hanno vinto per "i loro resoconti degli effetti del colonialismo e del destino dei rifugiati nel Golfo tra culture e continenti". È la quinta volta nella storia di questo premio che un africano riceve il riconoscimentoPrima di lui, è stato ricevuto: Wole Soyinka, Nadine Gordimer, John Maxwell Coetzee e Naguib Mahfuz.

Sul vincitore, Abdulrazak Gurnah

Abdulrazak Gurnah

Abdulrazak Gurnah

È nato il 20 dicembre sull'isola di Zanzibar, in Tanzania, nel 1948. La sua adolescenza è stata influenzata da libri come notti arabeEra anche un assiduo lettore di poesia asiatica, in particolare persiana e araba.

Spostamento forzato

Ha appena raggiunto la maggiore età, Ha dovuto lasciare la sua casa a causa dei continui e crescenti conflitti bellici che sono sorti nelle terre della Tanzania dal 1964. A soli 18 anni fece rotta per l'Inghilterra e vi si stabilì.

Testo della vita stessa

Non sorprende, quindi, che le sue opere pongano in modo così accurato le devastazioni della guerra e i segni che gli sfollati portano con sé, e che a loro volta le trame abbiano — per la maggior parte — la costa dell'Africa orientale come luogo principale. La scrittura di Abdulrazak Gurnah è chiaramente esperienziale.

Elenco delle opere di Abdulrazak Gurnah

Il compendio delle opere dello Zanzibarí è estremamente vasto, quindi la sua nomina non è strana; i 10 milioni di corone svedesi che ha vinto sono più che meritati. Ecco i titoli che ha pubblicato:

Novelas

  • Memoria della partenza (1987)
  • Via dei Pellegrini (1988)
  • Dottie (1990)
  • Paradise (1994).
  • Ammirando il silenzio (1996)
  • Paradiso (1997, traduzione di Sofia Carlota Noguera)
  • Silenzio precario (1998, traduzione di Sofia Carlota Noguera)
  • Dal mare (2001)
  • Sulla spiaggia (2003, traduzione di Carmen Aguilar)
  • Diserzione (2005)
  • L'ultimo regalo (2011)
  • Cuore di ghiaia (2017)
  • Aldilà (2020)

Saggi, racconti e altre opere

  • Prepotente (1985)
  • gabbie (1992)
  • Saggi sulla scrittura africana 1: una rivalutazione (1993)
  • Strategie trasformative nella narrativa di Ngũgĩ wa Thiong'o (1993)
  • La finzione di Wole Soyinka "in Wole Soyinka: una valutazione" (1994)
  • Indignazione e scelta politica in Nigeria: una considerazione sui pazzi e gli specialisti di Soyinka, l'uomo morto e la stagione dell'anomia (1994, conferenza pubblicata)
  • Saggi sulla scrittura africana 2: contemporanea Cataloghi (1995)
  • Il punto medio dell'urlo': La scrittura di Dambudzo Marechera (1995)
  • Spostamento e trasformazione ne L'enigma dell'arrivo (1995)
  • Scorta (1996)
  • Dalla via del pellegrino (1988)
  • Immaginare lo scrittore postcoloniale (2000)
  • Un'idea del passato (2002)
  • Le storie raccolte di Abdulrazak Gurnah (2004)
  • Mia madre viveva in una fattoria in Africa (2006)
  • Il compagno di Cambridge di Salman Rushdie (2007, introduzione al libro)
  • Temi e strutture in Midnight's Children (2007)
  • Un chicco di grano di Ngũgĩ wa Thiong'o (2012)
  • Il racconto di Arriver: come raccontato ad Abdulrazak Gurnah (2016)
  • The Urge to Nowhere: Wicomb e Cosmopolitanism (2020)

Chi è stato nominato insieme ad Abdulrazak Gurnah?

Quest'anno, come in passato quando ha vinto Louise glück, il piedistallo era in contrasto. Solo citando parte dei nominati, si comprende chiaramente il motivo: Can Xue, Liao Yiwu, Haruki Murakami, Javier Marías, Lyudmila Ulitskaya, César Aira, Michel Houellebecq, Margaret Atwood e Ngugi wa Thiongó. 

Javier Marias.

Javier Marias.

Murakami, come negli anni precedenti, è ancora uno dei favoriti, ma non ha ancora raggiunto la sua missione. Javier Marías, nel frattempo, era anche tra i nomi più popolari. Dovremo aspettare il prossimo anno per vedere chi vincerà il prestigioso premio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)