Patria di Fernando Aramburu

Patria di Fernando Aramburu.

Patria di Fernando Aramburu.

Patria è considerata l'opera consacrante dell'autore spagnolo Fernando Aramburu, grazie al quale, ha ricevuto con pieno merito il National Narrative Award 2017. È una storia molto cruda sulla società basca nel mezzo della complicata situazione politica che ha sconvolto la regione basca dalla seconda metà del XX secolo fino all'inizio del nuovo millennio.

La divisione che il processo di indipendenza ha generato nei Paesi Baschi ha causato ancora oggi apprezzabili conseguenze, Come dimostrano le recenti manifestazioni a favore del rilascio di persone legate alle azioni del gruppo separatista ETA o nelle partite di calcio tra Athletic Club de Bilbao e Real Sociedad de San Sebastián, i cui hobby sono stati rimproveri con sfumature politiche e via. più di un'occasione è arrivata addirittura al confronto fisico.

Chi l'Autore

Fernando Aramburu è nato a San Sebastián, in Spagna, nel 1959. È cresciuto in una famiglia a basso reddito e si è laureato nel 1982 in Filosofia Ispanica presso l'Università di Saragozza. Ha fatto parte della fondazione del Grupo CLOC de Arte y Desarte, incentrato principalmente sul surrealismo e controcultura. Dal 1985 si è trasferito ad Hannover, in Germania.

Il paese germanico sarebbe diventato il suo luogo di residenza, lì si sposò, ebbe i suoi due figli e prestò servizio come insegnante di lingua spagnola a discendenti di emigranti in Renania, lavoro svolto fino al 2009, anno in cui decide di dedicarsi esclusivamente alla letteratura. A quel punto, Aramburu erano già passati 14 anni dalla pubblicazione del suo primo romanzo, Fuochi con il limone (1996).

Il suo primo riconoscimento importante è venuto dalla mano di Anni lenti, il suo sesto libro pubblicato, vincitore del Tusquets Novel Prize nel 2011. Il lancio di Patria risale al 2016, il suo racconto di oltre 600 pagine sulla violenza vissuta nella sua terra natale è stato un successo tra la critica editoriale e il pubblico, testimoniato dai suoi molteplici riconoscimenti ottenuti, tra cui il Premio della Critica del 2017 e il Francisco Umbral Premio per il libro dell'anno. Non per niente il libro è diventato uno dei più letti in Spagna, Messico, Argentina e Colombia.

Un'altra delle pubblicazioni importanti di Fernando Aramburu è Il trombettista di Utopia (2003) Portato al cinema con il nome di Sotto le stelle (2007). Questo lungometraggio sarebbe il vincitore di due prestigiosi premi Goya. Lo scrittore basco si è distinto anche nella sua carriera di traduttore, poeta e narratore di racconti per bambini; Negli ultimi anni si è cimentato nel genere degli aforismi attraverso varie pubblicazioni (principalmente sul quotidiano El País).

Universalità dell'argomento Patria

Mentre l'argomento di Patria si concentra specificamente sulla regione basca, la descrizione dei processi che portano al radicalismo politico è un motivo che trascende i confini, con caratteristiche comuni nei diversi luoghi in cui accade. Nonostante ogni Paese abbia le sue peculiarità, le controversie territoriali e la scissione di uno Stato portano quasi sempre a scontri e morti, sono inevitabili?

Fernando Aramburu.

Fernando Aramburu.

Questioni come la rivendicazione dei diritti umani, il terrorismo, l'identità culturale e le divisioni della famiglia e della società come conseguenza del fondamentalismo ideologico si riflettono nella storia recente di molte nazioni. Particolarmente commoventi sono le storie dei protagonisti sul deterioramento delle connessioni interpersonali nella sua cerchia umana più vicina.

Frase di patria di Fernando Aramburu.

Frase di patria di Fernando Aramburu.

Per questo motivo, Patria È una lettura altamente raccomandata per comprendere i meccanismi delle relazioni internazionali nel mondo di oggi. Inoltre, Fernando Aramburu riesce a mantenere il lettore agganciato dall'inizio alla fine in questo romanzo grazie al suo stile narrativo e all'inclusione di eventi reali.

Sviluppo della storia

Conflitto politico tra Eta e Paesi Baschi

Aramburu ha creato un'opera che parla di uno dei peggiori (se non il peggiore) eventi della storia recente della Spagna. Mostra il conflitto politico tra ETA e Paesi Baschi in tutta la sua crudezza. Una delle sue più grandi qualità è l'esposizione di diversi punti di vista, fornendo a questa storia un punto di oggettività rilevante dando spazio a tutte le voci coinvolte.

Correttezza della narrazione

Quindi la prima impressione che il lettore ha è un senso di correttezza. Questo è abbastanza difficile da ottenere se si considera quanto possa essere doloroso per le famiglie delle vittime. Di conseguenza, Sono pienamente compatibili all'interno della stessa narrativa i termini di "terrorista" insieme a quello di guari (soldato). Entrambi i concetti si riferiscono a un uomo dell'ETA condannato al carcere.

Il romanzo si concentra sulla vita nei Paesi Baschi dopo che l'ETA ha rinunciato alla lotta armata. Il dolore delle famiglie, sia quelle uccise che quelle in carcere, deve essere superato per curare le ferite per costruire una società dove tutti possano tollerarsi a vicenda per vivere insieme in pace. Più di 600 pagine su un argomento così delicato potrebbero essere noiose.

Una narrazione coinvolgente

Tuttavia, la costruzione dei personaggi eseguita da Fernando Aramburu avvolge rapidamente il lettore. L'autore crea una fluidità narrativa che contrasta perfettamente con l'atmosfera densa e tesa in cui si svolgono gli eventi. Le incognite che circondano alcuni dei protagonisti non vengono risolte fino alle ultime pagine del romanzo. Quanto sopra è stato fondamentale da parte dello scrittore per mantenere l'interesse del lettore.

Inoltre, l'autore descrive in modo magistrale il popolo basco. Aramburu ha evidenziato il carattere nobile, diretto, onesto nei confronti dei coloni e di come la disputa politica abbia isolato le persone. Lo scrittore ha anche presentato la paura come fattore determinante per la disgregazione della società, al di là della convinzione di alcuni personaggi.

Il "nessun senso del male" come centro della trama

Patria è un romanzo che porta inevitabilmente a una profonda riflessione da parte degli spagnoli sui processi separatisti in Euskadi e, più recentemente, in Catalogna. Sebbene non faccia riferimento diretto all'esistenza o meno di torture da parte del governo spagnolo, Aramburu ha chiarito che l'ambito giuridico deve essere rispettato in ogni momento.

Frase di patria di Fernando Aramburu.

Frase di patria di Fernando Aramburu.

Infine, Si può dire che il messaggio più forte che l'autore lascia con la sua opera è quello di sottolineare l'insensatezza del male. Non importa da dove provenga, non c'è motivo. Non sono fatti che accettano mezze misure o posizioni intermedie, il male non può essere giustificato in nessuna circostanza, per quanto estrema. Punto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)