La RAE avverte e vuole porre fine all'uso dei 'cittadini'

Dizionario RAE

Negli ultimi anni è iniziato un uso indiscriminato del genere maschile e femminile. Un uso che va oltre la norma linguistica. Così molti lo vedono come normale e corretto usare entrambi i sessi quando vogliono riferirsi al collettivo.

Non è raro sentire quello di "ragazzi e ragazze", "tutti e tutti" o "tanti e tanti" per fare un semplice esempio. Lo ha comunicato la RAE l'uso di queste espressioni è contro la norma linguistica e deve finire se il suo uso è puramente linguistico.

La RAE ricorda che la norma lo indica nel caso di riferimento ad un gruppo deve essere utilizzato il nome generico collettivo e non quello individuale. In molti di questi casi il generico collettivo coincide con la forma maschile, da qui la confusione di molti quando lo si usa, ma che ci piaccia o no, il nome generico è quello che è e non può essere cambiato.

"Puoi usare entrambi i sessi quando vuoi evidenziarli o parlarne", secondo la RAE

Anche la RAE lo commenta solo i due generi devono essere utilizzati quando si desidera evidenziarli o parlarne, ad esempio: "la malattia colpisce ragazzi e ragazze di quell'età". In ogni caso, la lotta della RAE sarà difficile e ardua perché attualmente abbiamo molti casi di abuso, sia in aree con poca coltivazione sia in aree dove è previsto un alto grado di conoscenza della lingua e tuttavia preferiscono saltare il regola, perché "è disapprovato".

L'esempio più eclatante di quest'ultimo si trova nel famoso "AMPA" delle scuole. In questo caso, entrambi i sessi vengono utilizzati quando il collettivo è "Genitori". Sì, lo so che è anche maschile e suona da macho, ma non possiamo cambiare le parole perché ci piacciono o no. Ed è ancora sorprendente che un'organizzazione così vicina al mondo dell'educazione sia cambiata senza l'opposizione degli insegnanti che dovrebbero "insegnare".

Ci sono molti esempi e l'uso è indiscriminato, quindi sicuramente è meglio che la RAE cambi la regola piuttosto che cercare di farne buon usoTuttavia, è sempre positivo vedere come un'istituzione così antica continui a funzionare nelle sue funzioni: Pulisci, fissi e risplenda.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

27 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Freddy c belliard suddetto

    Va bene. Ho sempre saputo che l'uso del plurale maschile monopolizza entrambi i sessi e all'improvviso trovo che le personalità alte commettono un errore del genere. È come se non avessero nemmeno ricevuto lo spagnolo a scuola.

  2.   Selena Moreno suddetto

    Ummm ma questo "ragazzi e ragazze" "cittadini e cittadini" "tutti e tutti" reso visibile ad entrambi i sessi ... ed è apparso con l'uguaglianza di genere nella società ... torniamo al passato quindi con quello di cui il sesso femminile è compreso.

    1.    Carlos Xavier Contreras suddetto

      Cara Selena,

      Lo scopo di una lingua è trasmettere idee astratte tra coloro che la parlano, nel modo più efficiente e meno ambiguo possibile. Usando entrambi i sessi per riferirci a un collettivo, ne oscuriamo il significato e rendiamo difficile la comprensione delle idee che esprimiamo. Nel mio paese, il Venezuela, le leggi scritte negli ultimi 18 o 19 anni hanno adottato la pratica ridondante di affermare "ragazzi e ragazze", "tutti i cittadini e tutti i cittadini", "lavoratori" ed espressioni simili, molte volte incatenate una dopo l'altra l'altro. Anche le persone istruite finiscono per avere difficoltà a capire cosa si intende, tra tante parole inutili che non aggiungono nulla a ciò che viene espresso. Non suona bene e rende difficile capire cosa diciamo o scriviamo.

      Una strategia diversa, ma più efficiente, è stata usata dagli americani nel loro uso dell'inglese. Usano semplicemente il genere femminile per riferirsi al collettivo. All'inizio sembra strano, ma una volta che ci si abitua, le aspirazioni giustificate all'uguaglianza di genere possono essere rispettate, senza oscurare il significato.

      Alla fine della giornata, sarebbe meglio seguire le regole della nostra lingua e raggiungere l'uguaglianza di genere attraverso la legislazione e l'istruzione, piuttosto che elaborare cambiamenti linguistici che non garantiscono un cambiamento reale. Dopotutto, noi signori non siamo offesi o invisibili quando qualcuno dice che apparteniamo all'umanità, non importa quanto femminile.

      Saluti,

      Carlo Contreras.

      1.    Janeth ma suddetto

        Carlos, grazie per quel commento, sono d'accordo con te, ultimamente ho notato con grande tristezza che sono le stesse donne a discriminare con commenti come questi; Sì, l'uguaglianza di genere è meglio cercare con la legislazione, l'istruzione e l'autostima.

        1.    Kléber Navarrete Jara suddetto

          Janeth Ma, apprezzo che tu sia una donna intelligente, una donna che non è caduta nel femminismo alla moda che mette in ridicolo e non giustifica nulla. Spero che le altre donne la pensino come te e non commettano brutti errori.

    2.    Campi di Raffaello suddetto

      Nella lingua spagnola il plurale al maschile si riferisce ai due generi (femminile e maschile)
      Ecco perché dire studenti è detto erroneamente perché studente è colui che studia, che sia uomo o donna e se applichiamo la regola del maschile plurale (gli studenti) si riferisce sia alle donne che agli uomini che studiano.

  3.   Specialista di uguaglianza suddetto

    Ebbene, la RAE consiglia anche di non usare un accento in "solo" e di usarlo. Come l'Accademia ha ripetuto più volte, il suo compito non è imporre l'uso del linguaggio, ma raccoglierlo. Pertanto, quando una massa di parlanti che non si identificano con il maschio esclusivo smetterà di usarlo, la RAE dovrà raccogliere usi non sessisti. E non è loro compito imporci la parola. O, almeno, è quello che dicono quando sono interessati ...

    1.    walter suddetto

      La parola "solo" va con un accento quando sostituisce "solo", in altri casi non ha un accento ...

  4.   J. Alfredo Diaz suddetto

    Sono già stufo di "cittadini" e "deputati e deputati", per citarne solo due. Carlos, immagino che ormai ti sarai reso conto che per chi non vuole capire non basta nessuna spiegazione.

  5.   Marcos suddetto

    Se sei così interessato a difendere la lingua, impara a scrivere. Il testo è pieno di colpe di ogni genere. Per fare un esempio: "La RAE commenta anche che i due generi vanno usati solo quando vogliono evidenziarli o parlarne", mancanza di accordo, ciò che li preoccupa tanto.
    "In questo caso vengono utilizzati i due sessi", un'altra discrepanza. E non continuo perché finirei lo spazio.

  6.   Franco suddetto

    «... però è sempre positivo vedere come un'istituzione così vecchia continui a lavorare sulle sue funzioni: pulire, aggiustare e donare splendore».

    Vecchia tutta la tua nota. Vecchio e patetico per ammirare la funzione di pulire, fissare e dare splendore come se fosse qualcosa di cui il linguaggio ha bisogno da un'istituzione così ottusa.
    Per fortuna la lingua non si cura molto di quello che dice la RAE e continuerà per il suo cammino, fluttuando a seconda delle battaglie culturali che si svolgono nella società.

  7.   Joaquin Garcia suddetto

    Carlos Sono d'accordo con te, che usiamo il genere in un modo o nell'altro non significa che vogliamo togliere diritti o doveri alle persone. E, naturalmente, tutto il linguaggio tende a semplificare per natura, quindi allungare le frasi, le idee e / o le espressioni con i due generi non ha alcun senso. Un saluto e grazie per la lettura.

  8.   Sebastian suddetto

    Il linguaggio è dinamico e dobbiamo essere aperti a nuovi usi. O perché c'è sincretismo come risultato di una fusione culturale (un fenomeno in crescita a causa della migrazione) o semplicemente perché si producono nuovi eventi non contemplati nella struttura iniziale.
    Inoltre, stiamo attraversando un periodo in cui si cerca di rivendicare l'uguaglianza di genere e questa norma non è all'altezza di quegli ideali.

  9.   Ruth dutruel suddetto

    La lingua è dinamica, la società è dinamica. Voler impedirlo non è saggio.

  10.   Carla Vidal suddetto

    "Dovrebbe finire"? Quel "da" non è necessario ... A meno che tu non abbia dubbi, ma in quel caso sarebbe scritto male. E mi sembra grave in una pagina che difende il corretto uso del nostro ricco linguaggio. Spero che tu lo corregga. Grazie

  11.   Merda suddetto

    Immagino che si mantenga l'eccezione per "persona che pratica la prostituzione" e per "persona che si occupa della casa", che continueranno a essere "prostitute" e "casalinghe". Noi sul nostro sito e Loro sul loro, come dovrebbe essere. Perché queste due eccezioni? Ha a che fare con la storia, ha a che fare anche con la storia il fatto che il generico sia maschile?

  12.   Merda suddetto

    Ora, quando gli uomini iniziano a essere "hostess" vengono già nominati "assistenti di volo" in modo da non dover subire quell'umiliazione che consiste nell'essere donna. Secondo la RAE, come si chiamano hostess uomini?

  13.   Carlos Xavier Contreras suddetto

    Grazie mille per il link all'articolo "Il genere non marcato", Álvaro. Mi è piaciuto così tanto che l'ho stampato in pdf per riferimento futuro.

  14.   Roy solis suddetto

    Personalmente mi sembra che l'uso del linguaggio inclusivo non collabori con il linguaggio perché lo rende brutto ed è anche superfluo. La tendenza è ridurre, non aumentare. Tuttavia, condivido con coloro che lo usano, che è bene accentuare l'uguaglianza di genere. Solo per questo ho smesso di criticarlo.

  15.   Roy solis suddetto

    Nel mio paese, gli uomini che lavorano come hostess sono chiamati assistenti di volo.

  16.   Fabiola Trasobares suddetto

    Freddo. Quelli con il "linguaggio" macho mi fanno incazzare molto. Non mi sono mai sentito discriminato perché si sono detti "gli insegnanti", e basta.
    Vorrei sapere come parlano i fedeli difensori dei due finali quando mangiano tapas con gli amici. Non riesco a immaginarlo, palline.

  17.   Iziar Marchegui suddetto

    Spetta a noi utenti della lingua creare collettivamente la lingua; e gli accademici di una lingua dovrebbero accompagnarci a risolvere i conflitti derivati ​​da quell'uso. Al giorno d'oggi, molti oratori vogliono che il generico includa entrambi i sessi. Pertanto, sarei grato se l'Accademia potesse offrire una soluzione soddisfacente.
    La mia proposta è il generico in "e": "i professori", "i venditori", "gli studenti", i maestri "," gli attori ", gli artisti", il popolo ". In questo modo tutte le persone si sentiranno incluse, anche le persone transgender.
    Sono sicuro che, se sono seriamente intenzionati ad ascoltarli, gli accademici saranno in grado di soddisfare le nostre richieste in modo creativo e accettabile per tutti i relatori.

  18.   Javier Otero suddetto

    Per favore, basta con tante sciocchezze maschiliste, discriminatorie e altre sottigliezze simili!
    Ora si scopre che quelli che non si differenziano sono sessisti, che la RAE è un'istituzione stagnante e scaduta e altre imprecazioni simili che sono state dette da queste parti ...
    Vediamo quando questi pseudo-progressisti vogliono scoprire una volta per tutte quel genere non marcato, l'uso del maschile non esclude nessuno né è macho.
    Come dice molto bene Álvarez de Miranda nel suo articolo, il maschile non è l'unico elemento non marcato della lingua: così è il singolare contro il plurale (il nemico avanza -i nemici-, il cane - i cani e le femmine- è l'uomo migliore amico ...; così è il presente, di fronte al passato e al futuro: Colombo scopre - scopre - l'America nel 1492, domani ci sarà - ci sarà - classe, ecc, ecc.
    D'altra parte, ci sono innumerevoli nomi epiceni femminili: una creatura, una persona, una vittima, una figura, un'eminenza; e molte organizzazioni / istituzioni che sono anche: la Marina Militare, la Guardia Civile, l'Accademia, ecc. Non ho mai sentito nessuno gridare al cielo per la "discriminazione" che potrebbe significare che questi nomi sono femminili.
    Molte donne molto brillanti (Soledad Puértolas, Maruja Torres, Ángeles Caso, Carmen Posadas, Rosa Montero, Almudena Grandes, Soledad Gallego-Díaz, Carmen Iglesias, Margarita Salas, tra le altre) hanno usato il maschile come genere non marcato nei loro discorsi di raccolta di Planeta Awards, per l'ammissione all'Accademia delle Scienze Esatte, nei propri testi, ecc., senza sentirsi esclusi.
    Ma, naturalmente, è più attraente e politicamente corretto montare un pollo a causa della discriminazione linguistica in termini di sesso non marcato.
    Serve come esempio questo, tratto dal Bulletin of the Royal Spanish Academy e citato da Ignacio M. Roca sulla Costituzione del Venezuela:
    «Solo i venezuelani di nascita e senza altra nazionalità possono ricoprire le cariche di Presidente o Presidente della Repubblica, Vice Presidente Esecutivo o Vice Presidente Esecutivo, Presidente o Presidente e Vice Presidenti o Vice Presidenti dell'Assemblea Nazionale, magistrati o magistrati della Corte Suprema di Giustizia, Presidente del Consiglio Elettorale Nazionale, Procuratore Generale della Repubblica, Controllore o Controllore Generale della Repubblica, Procuratore Generale della Repubblica, Difensore o Difensore del Popolo, Ministri o Ministri degli uffici legati alla sicurezza della Nazione , finanza, energia e miniere, istruzione; Governatori o Governatori e Sindaci o Sindaci degli Stati e dei Comuni di confine e di quelli contemplati nella Legge Organica delle Forze Armate Nazionali. "
    È davvero così che vuoi che le persone parlino per non cadere nella discriminazione? Non hai davvero niente di meglio da fare? Se è così, ti consiglio di leggere di più, di guardare al manifesto di Ignacio Bosque e di essere un po 'più aperto per vedere se ti viene un po' di senso e di coerenza.

  19.   Blue Martinez suddetto

    Proprio come RAE incorpora termini colloquiali che non avremmo mai immaginato sarebbero apparsi, perché non incorporare più parole con una prospettiva di genere? poiché ciò che non è nominato non esiste, l'essere umano si è evoluto notevolmente dall'apparenza del linguaggio come lo conosciamo, ovviamente è importante che le donne siano chiamate.

  20.   Maria de la Luz suddetto

    Abbiamo già risolto il problema e nessuno è escluso.

  21.   Carlo Cianci. suddetto

    Mi è successo nel 2010 in una scuola di La Salle. Fin dall'inizio Apama pensò che significasse un'associazione genitori-insegnanti. Dopo 10 mesi di insegnamento lì, sapevo cosa significava "associazione di padri e madri".

  22.   luglio suddetto

    Se potessi dare un criterio al RAE, suggerirei un passo avanti alle nuove tendenze e in virtù di abbreviare il discorso cambierei la "A" e la "O" per la "E", quindi diremmo: les niñes (invece di: Le ragazze e le ragazze), i cittadini (invece di: i cittadini e cittadini).
    In questo modo raggiungeremmo un equilibrio tra femminile e maschile senza discriminazioni e risparmieremmo molti discorsi, soprattutto da parte dei politici a buon mercato che passano ore a scatenare la loro eccessiva verbosità.
    Peccato che i miei criteri siano effimeri e continuiamo ad ascoltare: Capitano e Capitano (anche se entrambe le parole contengono la "A"), Ammiraglio e Ammiraglio (anche se il titolo di laurea di entrambi dice "Ammiraglio".