Il premio Nobel diventa una disputa tra paesi

Entro pochi giorni dall'annuncio del nome del vincitore del premio Premio Nobel per la letteratura una curiosa polemica si è creata intorno alla nazionalità del possibile vincitore.

La pietra dello scandalo sono state le controverse dichiarazioni del segretario permanente dell'Accademia svedese, Orazio Engdahl, in quanto la letteratura di stati Uniti Fa parte di una cultura che rimane al di fuori delle principali correnti letterarie del mondo, cioè quelle del Europa (secondo lo svedese), che è il vero centro dell'universo letterario mondiale.

Secondo alcuni, queste affermazioni predicono poche possibilità di rimanere con il Nobel per un americano (i nomi più forti sono quelli di Joyce Carol Oates, Philip Roth, Thomas Pynchon y Don DeLillo (e vista la mera enumerazione dei nomi, si vorrebbe avere tempo sufficiente per leggerli tutti, per intero, e per poter dare un parere con cognizione di causa)) e hanno fatto riaffiorare i nomi italiani Claudio Magris, dal siriano-libanese Adone e dall'israeliano Amos Oz.

D'altra parte, c'è chi pensa che le lettere ispaniche e il fatto che non abbiano ricevuto un premio Nobel Negli ultimi 18 anni ha giocato a favore di spagnoli e latinoamericani.

Tuttavia, per altri, le dichiarazioni di Engdahl possono anche essere una manovra per realizzare una delle specialità dell'accademia svedese: sorprendere.

Inoltre, ciò che ha detto lo svedese ha sollevato una discreta polemica al suo interno Stati Uniti, dove l'idea che non sono il centro del mondo sarà probabilmente accettata solo quando smetteranno di essere veramente il centro del mondo.

Nel bel mezzo della controversia, Engdahl ha dovuto uscire per dire che il file Nobel Non è un premio che viene assegnato alle letterature o ai paesi ma agli autori, ma è troppo tardi, le passioni si scatenano e si placheranno solo giovedì prossimo 13 quando si ascolterà il nome del vincitore.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.