Il nuovo volto di Cervantes

Pittura di Cervantes

Parlare di Miguel de Cervantes Saavedra significa parlare della letteratura stessa, del massimo esponente storico del nostro paese in codice scritto. Non sarò io a essere messo, nel mio umile spazio, a esporre le meraviglie dello scrittore di Alcalaino. Non perché io voglia perderli, verrà il giorno, ma perché sicuramente non ci sarà nessuno, o non dovrebbe esserci nessuno, che non conosca il "monomarca di Lepanto" o il suo lavoro. Anche se, forse con quest'ultimo, ho peccato di audacia, permettetemi di presentare un leggero briciolo di dubbio in relazione alla conoscenza culturale di questa nostra società. Non è che ne abbia una visione pessimistica, per favore non fraintendetemi, ma che, durante la mia esperienza in vari compiti della vita, ho potuto apprezzare che, in alcuni casi, c'è pochissimo interesse generale per ciò che Si fa riferimento alla letteratura spagnola.

E se volessi chattare lo è una nuova notizia che, a mio avviso, unisce arte e storia, regalando a noi amanti della letteratura dell'età dell'oro spagnolo un nuovo volto per sognare la vita del nostro stimato Miguel de Cervantes. Quando parliamo del padre di Don Chisciotte e del buon vecchio Sancho, sicuramente vediamo tutti l'immagine del dipinto più famoso dove appare il suo volto. In particolare, di Cervantes, il suo aspetto reale non è noto poiché questo dipinto, attribuito al pittore Juan de Jáuregui, è stato realizzato seguendo la descrizione dell'autore. Descrizione che compare nel prologo al lettore dei suoi "Romanzi esemplari". Prologo scritto, va detto tutto, all'età di 66 anni e che, dunque, ci presenta un uomo in età avanzata per l'epoca e solo 3 anni prima della sua morte (1616).

Circa una settimana fa, il pittore di Barcellona  Augusto Ferrer-Dalmau, ha presentato in pubblico il suo nuovo lavoro sorprendendoci tutti con un dipinto in cui il protagonista è lo stesso Miguel de Cervantes. La differenza rispetto ad altre opere è che, in questa occasione, l'autore è rappresentato con a soli 24 anni dalla Battaglia di Lepanto, a bordo della Galera Marquesa e circondato da morriones, turchi morti e schegge di navi. Un bel dipinto che ci trasporta, in modo magico praticante, in una delle battaglie più importanti della storia spagnola e come, in prima persona, l'ha vissuta che è considerato il più grande genio della nostra letteratura. Possiamo notare l'odore della polvere da sparo, sentire nella nostra carne il dolore che lo scrittore ha provato dopo i due colpi di archibugio nel petto e persino rimanere stupiti davanti al suo volto, provocatorio e stoico, guardando il nemico dal ponte della cambusa. ha cambiato la sua vita per sempre. Quella battaglia non solo rese la sua mano inutile, ma riempì anche di orgoglio un Cervantes che, Per tutta la vita è stato molto soddisfatto di aver partecipato a una simile impresa di guerra.

Grazie a colui che è considerato il "Velázquez del XXI secolo", possiamo guardare il volto di un nuovo Cervantes inquadrato in un capitolo della sua storia che, senza alcun dubbio, ha influenzato la sua vita e il suo lavoro. Capitolo che insomma, è arrivato ai giorni nostri come il giorno in cui il massimo esponente dei nostri testi si è guadagnato l'appellativo di "un braccio solo di Lepanto".

Cervantes Augusto F_D

Cervantes secondo Augusto Ferrer-Dalmau.

Chi vuole vedere l'intera immagine può visitare il sito ufficiale del pittore.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alberto suddetto

    Ciao Alex.
    Condivido con voi la passione per i libri e la storia. Amo anche la storia militare.
    Ho visto questo dipinto di Ferrer-Dalmau pochi giorni fa su Internet. Un ultimo. Certo, è meraviglioso come dipinge. Non sapevo che lo chiamassero "il Velázquez del XXI secolo" (non so se è giusto o se è un'esagerazione).
    Curiosamente, il lavoro all'inizio dell'articolo è attribuito a un artista (non ricordo il nome ora, ricordo che è dell'età dell'oro) senza essere certo che la paternità sia sua. Mi sembra che gli esperti suggeriscano che si tratti di una copia fatta da altre mani.
    Saluti da Oviedo e grazie per aver condiviso queste informazioni.

    1.    alex martinez suddetto

      Saluti Alberto,
      Prima di tutto, sono contento che ti sia piaciuto l'ingresso. Il soggetto del nome del pittore; L'ho estratto da vari articoli in cui viene confrontato con Velazquez. Logicamente, confrontarlo con un personaggio del genere è ancora un modo per valutare l'opera e l'opera di Augusto Ferrer-Dalmau e si parlerebbe addirittura, senza esitazione, di una vera e propria esagerazione. Velazquez ce n'era uno e quindi tutti gli altri sono solo apprendisti di un genio (IMHO). Ad ogni modo, devi solo apprezzare le sue opere per apprezzare l'abilità di questo artista. Quasi l'unico artista nel nostro paese.
      D'altra parte, la mia intenzione è quella di caricare articoli su una varietà di argomenti. In ogni caso, posso assicurarvi che la storia della nostra letteratura e dei suoi riferimenti giocheranno un ruolo importante nei miei scritti futuri. Come appassionato di storia e di storia militare, non posso impedire che ciò accada, soprattutto sapendo che un numero immenso di scrittori sono stati soldati allo stesso tempo. Grazie mille per le tue parole e un abbraccio da Barcellona.

  2.   Alberto suddetto

    PS: mi sono confuso e ho pensato che il tuo articolo cominciasse sotto il famoso ritratto attribuito a Juan de Jáuregui. Questo era il nome.

bool (vero)