Il Grupo Planeta chiude il Circolo dei lettori

Planet chiude il Circolo dei lettori.

Planet chiude il Circolo dei lettori.

La digitalizzazione ha conquistato tutte le aree della vita quotidiana dell'umanità. Il contesto attuale costringe le aziende e le persone a vivere in un ambiente in continua trasformazione. Proprio così L'argomento del Grupo Planeta per giustificare la chiusura del Círculo de Lectores.

Nello specifico, la dichiarazione dell'editore si riferisce a al "cambiamento delle abitudini di consumo dei cittadini derivante dalla forte implementazione di nuove tecnologie". La cosiddetta rivoluzione industriale 4.0 ha modificato radicalmente l'economia; la concorrenza è più agguerrita che mai.

Internet definisce gli standard

Internet stabilisce le regole per tutto: commercio mondiale, comunicazione, mezzi di interazione, strategie pedagogiche ... Pertanto, non sorprende che il Círculo de Lectores sia passato da più di un milione e mezzo di abbonati alla fine del secolo scorso a circa 300.000 al momento della sua chiusura.

La fine di un club con più di mezzo secolo di storia

Il Círculo de Lectores è stato acquisito dal Grupo Planeta nel 2010. A quel tempo avevano già sviluppato diversi progetti la cui intenzione era quella di integrarsi nel commercio elettronico e sfruttare le applicazioni dell'era digitale. Tuttavia, queste strategie non hanno funzionato principalmente a causa del progresso inarrestabile di giganti della tecnologia come Amazon.

Poco importava che fosse un club di lunga data fondato nel 1962, sostenerlo più a lungo non è redditizio. Dal 2016 ha registrato una perdita media annua prossima al 15% per le vendite e nel 2018 è stato necessario un aumento di capitale di 6 milioni di euro.

Di fronte all'incapacità di attrarre nuovi partner, Il Grupo Planeta ha preso seriamente in considerazione un cambiamento verso un modello di business più adatto ai nuovi tempi. Molti spagnoli perderanno il più grande club di lettura del loro paese, così come i suoi numerosi agenti autorizzati, cataloghi, forum Internet e spazi per i suoi abbonati nelle librerie.

Lo stesso burofax che ha annunciato la chiusura del Circolo dei lettori offre una fioca luce di speranza ai suoi membri più fedeli. In uno dei suoi paragrafi si legge "cinquantamila cose sono state provate per migliorare questo modello, ma si è deciso di chiudere la struttura commerciale, non chiudere Círculo, per entrare in un processo della struttura futura (non ancora studiato). "

Quindi è colpa delle nuove generazioni?

La cosa più semplice sarebbe pensare che i "cambiamenti nelle abitudini di consumo" siano dovuti al fatto che le nuove generazioni leggono meno dei loro genitori. Tuttavia, analizzando più in dettaglio le ragioni della chiusura del Círculo de Lectores, è evidente che la causa fondamentale è una carenza nelle strategie di marketing e promozione sulle piattaforme digitali. Non si sono adattati in tempo.

La prima informazione ovvia è il pregiudizio che esiste intorno al cosiddetto Millennials (persone nate tra il 1980 e il 1995) e la generazione Z (nati dopo il 1995). Perché, contrariamente alla tendenza prevista per generazioni stigmatizzate come individualiste e disinteressate, il Millennials Sono lettori voraci.

La nuova tendenza sono i "booktubers".

La nuova tendenza sono i "booktubers".

Infatti il ​​portale Biz! Republic Magazine (2019) lo ha riferito solo negli Stati Uniti «l'80% dei giovani adulti di età compresa tra i 18 ei 35 anni ha letto un libro in qualsiasi formato nell'ultimo anno, di cui il 72% ha letto una copia cartacea. " La stessa fonte indica che gli americani acquistano in media da uno a cinque libri all'anno.

Allo stesso modo, Cerezo (2016) afferma nella sua pubblicazione Generazione Z e informazioni che i cambiamenti culturali sono molto più veloci oggi. Non è più questione di decenni. L'autore afferma: "Una delle grandi novità che l'attuale trasformazione porta con sé è la sua velocità di espansione, il cui impatto è immediato e simultaneo in diverse parti del pianeta".

I club del libro ora sono booktuber

Il portale Ecoosfera (2019) descrive la generazione Y (millennial) come la prima generazione globale, grazie all'aver acquisito familiarità con Internet e aver visto la diffusione della digitalizzazione. Allo stesso modo, la crisi economica mondiale e fenomeni come il cambiamento climatico hanno fortemente segnato i loro interessi e costumi.

Quindi, i millennial tendono a rimanere ben informati su varie questioni politiche ed ecologiche. Queste circostanze hanno determinato la diversificazione delle fonti di informazione. Non si tratta più solo di libri, ora le biblioteche virtuali, i forum e le pubblicazioni indicizzate online sono ugualmente rilevanti.

Inoltre, l'opinione dei lettori è fondamentale, sia per qualificare che per dare contributi che arricchiscano il valore delle informazioni. Per questa ragione, i consulenti percepiscono i booktuber come piattaforme molto versatili e interattive che riuniscono tutti gli aspetti citati.

Nel caso della chiusura del Circolo dei lettori del Grupo Planeta, le alternative per evolversi all'interno del mondo digitalizzato sono già disponibili. Forse in un futuro non troppo lontano sarà possibile un ritorno come booktuber o in un modello di business simile che possa competere all'interno della vertiginosa Rivoluzione Industriale 4.0.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

6 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sergio Fulgencio Sarabia suddetto

    Buon pomeriggio. Ho bisogno di informazioni su come restituiscono i soldi che non ho utilizzato e che sono ancora accumulati lì. Grazie . Ti auguro il meglio

  2.   Pedro Suenz suddetto

    L'ex direttore del Círculo de Lectores, Hans Meinke, ha fatto capire quale potrebbe essere il futuro modello di Círculo: un club del libro d'eccellenza, che si occupa dell'arte di fare buoni libri, ben rilegati, illustrati, accompagnati da varie attività culturali. Bertelsmann, da parte sua, è un gruppo editoriale che si è dedicato alla distruzione sistematica del mondo dell'editoria assorbendo un gran numero di editori sia in Germania che nel mondo, e in particolare i club del libro, che erano un'invenzione specificamente tedesca per dal 1919, anche se c'erano dei precursori, e ancor di più dal dopoguerra (intorno al 1950), quando ci fu un grande boom di questo tipo di canale di vendita. Con il cambiamento del mercato e la digitalizzazione, Bertelsmann ha semplicemente deciso di sbattere il suo originale Círculo de Lectores (Bertelsmann Lesering), ora chiamato solo The Club, dopo aver inghiottito il 95% dei club che sono nati in Germania, Austria e Svizzera. La mediocrità non solo ha prevalso, ma si è anche rivelata un killer editoriale. Círculo de Lectores de España era diverso, perché Hans Meinke sapeva come copiare il modello della Gutemberg Librarian Guild (Büchergilde Gutenberg) ancora esistente, fondata nel 1924 (nello stesso anno della Deutsche Buch-Gemeinschaft, inghiottita al 50% nel 1969 da Bertelsmann e annientato come entità indipendente dal 1974 al 1988). Come Büchergilde, Círculo ha pubblicato libri di alta qualità, ben rilegati e con una buona varietà di temi o generi letterari. Círculo avrebbe potuto sopravvivere con i suoi attuali 300.000 clienti-partner mantenendo quella linea editoriale di Hans Meinke in stile Büchergilde. Ma Bertelsmann si sbarazzò del prezzo stracciato del club cedendolo a un editore mediocre: Planeta. Qualcosa di poco comprensibile, perché in Portogallo Círculo de Lectores è ancora nelle mani di Bertelsmann (Bertrand), e anche in Argentina e in altri paesi. In Francia, France Loisirs divenne l'intera proprietà dei suoi fondatori.

  3.   Pedro Suenz suddetto

    L'ex direttore del Círculo de Lectores, Hans Meinke, ha fatto capire quale potrebbe essere il futuro modello di Círculo: un club del libro d'eccellenza, che si occupa dell'arte di fare buoni libri, ben rilegati, illustrati, accompagnati da varie attività culturali. Bertelsmann, da parte sua, è un gruppo editoriale che si è dedicato alla distruzione sistematica del mondo dell'editoria assorbendo un gran numero di editori sia in Germania che nel mondo, e in particolare i club del libro, che erano un'invenzione specificamente tedesca per dal 1919, anche se c'erano dei precursori, e ancor di più dal dopoguerra (intorno al 1950), quando ci fu un grande boom di questo tipo di canale di vendita. Con il cambiamento del mercato e la digitalizzazione, Bertelsmann ha semplicemente deciso di sbattere il suo originale Círculo de Lectores (Bertelsmann Lesering), ora chiamato solo The Club, dopo aver inghiottito il 95% dei club che sono nati in Germania, Austria e Svizzera. La mediocrità non solo ha prevalso, ma si è anche rivelata un killer editoriale. Círculo de Lectores de España era diverso, perché Hans Meinke sapeva come copiare il modello della Gutemberg Librarian Guild (Büchergilde Gutenberg) ancora esistente, fondata nel 1924 (nello stesso anno della Deutsche Buch-Gemeinschaft, inghiottita al 50% nel 1969 da Bertelsmann e annientato come entità indipendente dal 1974 al 1988). Come Büchergilde, Círculo ha pubblicato libri di alta qualità, ben rilegati e con una buona varietà di temi o generi letterari. Círculo avrebbe potuto sopravvivere con i suoi attuali 300.000 clienti-partner mantenendo quella linea editoriale di Hans Meinke in stile Büchergilde. Ma Bertelsmann si sbarazzò del prezzo stracciato del club cedendolo a un editore mediocre: Planeta. Qualcosa di poco comprensibile, perché in Portogallo Círculo de Lectores è ancora nelle mani di Bertelsmann (Bertrand), e anche in Argentina e in altri paesi. In Francia, France Loisirs divenne l'intera proprietà dei suoi fondatori.

  4.   Axun suddetto

    «» »La prima informazione ovvia è il pregiudizio che esiste intorno ai cosiddetti millennial (persone nate tra il 1980 e il 1995) e alla generazione Z (nati dopo il 1995). Perché, contrariamente alla tendenza prevista per generazioni stigmatizzate come individualiste e disinteressate, i millennial sono lettori voraci.
    Infatti il ​​portale Biz! Republic Magazine (2019) ha riferito che solo negli Stati Uniti "l'80% dei giovani adulti di età compresa tra i 18 ei 35 anni ha letto un libro in qualsiasi formato nell'ultimo anno, incluso il 72% che ne ha letto una copia stampata". La stessa fonte indica che gli americani acquistano in media da uno a cinque libri all'anno. »» »»

    Leggere un libro all'anno significa essere un lettore vorace? Allora cosa saremo quelli di noi che leggeranno 2-3 al mese?

    1.    Rachele suddetto

      Concordo con il commento finale, pensi che comprare cinque libri all'anno sia un lettore vorace…. dove ci fermeremo. Per me è stato un grande peccato che abbiano chiuso la cerchia dei lettori visto che ne faccio parte da tanti anni, anche così ho un libro elettronico, ma dov'è il libro cartaceo, l'odore del nuovo libro, toccali e voltare pagina. L'attuale generazione non legge assolutamente nulla, pochissimi millennial e la generazione z (scusate la mia disinformazione ma pensavo che i millennial fossero quelli nati dopo il 2000 e qualcosa, non ho mai sentito parlare della generazione z, suona come un romanzo dell'orrore) qualsiasi cosa perché ho un figlio di 16 anni e lo vedo in lui e in molti suoi colleghi e amici. Mi considero un lettore vorace poiché leggo un libro a settimana, se mi piace in cinque giorni e se mi aggancia dalla prima pagina anche in tre o due giorni. Perdo il conto di quanti ne leggo in un anno, ma cinque sarebbe uno zimbello

  5.   Cesar Patiño suddetto

    Fa davvero male che Círculo de Lectores non si sia adattato alle nuove tecnologie. Sono cresciuto con lui, mio ​​padre teneva la rivista, c'erano non meno di due o tre libri che erano rimasti a casa, lps di tutti i tipi di musica. Grazie Circle of Readers. Rimarrai nell'anima di quelli di noi che amano la lettura e la musica. Abbraccio da Bogotá.