"Il gioco delle perle" o l'integrazione del tutto ...

Paesaggio disegnato da Hermann Hesse

In questo lavoro di Hermann Hesse, "Il gioco degli abalori" ci troviamo con il desiderio proprio dell'autore di trovare un modo per integrare tutto in un qualcosa di semplice, questa volta un gioco, in cui si inseriscono le conoscenze scientifiche, culturali, musicali e di ogni tipo, poiché tutto può essere tradotto nel linguaggio di questo gioco.

Il romanzo, che è temporaneamente ambientato nel lontano 2.400, è ambientato in Castalia, grande fonte di conoscenza e culla del suddetto gioco, a cui si accede solo per selezione, cosa che viene svolta attraverso un meticoloso follow-up di tutti i bambini alla scoperta di quei talenti eccezionali che meritano questo onore.

Castalia, tuttavia, si sta sistemando troppo in lei mondo elitario e immaginario e suppone una spesa considerevole per lo Stato, che porta il protagonista dell'opera a riflettere sulla legittimità di detto luogo nonché sulle sue norme ea mettere a confronto la sua esperienza con persone del "mondo reale", soprattutto con chi viene come ascoltatori di Castalia ma hanno vita fuori di lì, tra i quali troverai il tuo vero contrappunto, qualcosa che ti segnerà per tutta la vita e che sarà sempre legato al tuo destino ...

Maggiori informazioni - "Siddhartha", di Herman Hesse

Foto - ABC


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Bast Vicente suddetto

    Se l'ingenuità e picaresco a volte del giovane "Siddharta", la riservatezza e la curiosità di "Demian" e l'atteggiamento indipendentista, ma preoccupato sullo sfondo de "Il lupo delle steppe", esce con la maturità del tempo una Santissima Trinità chiamata "Il gioco degli abalori". È un lavoro denso proprio a causa di quest'ultimo, l'intenzione utopica (o "matura") di combinare le stesse vecchie idee, di sognare quasi una sorta di "mondo ideale in un lontano futuro" - e con gli inconvenienti imprevedibili che ciò comporta anche elevando - con una plasticità letteraria nel linguaggio, testi lunghi e "idee sospese" all'estremo del buon gusto per gli amanti della prosa estetica. ESSENZIALE - tenendo conto di quanto è stato detto.

  2.   douglas thielen suddetto

    il mio libro sul comodino….