Il drammaturgo Harold Pinter è morto

Drammaturgo, poeta, sceneggiatore e attivista politico Harold Pinter È morto mercoledì scorso 24 all'età di 78 anni, vittima di un cancro, secondo la moglie Antonia Fraser. al quotidiano Guardian. Pinter ha scritto poesie, sceneggiature di film, sceneggiature per la radio, narrativa in prosa e persino ha interpretato un attore, ma deve la sua fama soprattutto alle commedie che ha firmato, tra le quali La Sala (1957) La festa di compleanno (1957) Il ritorno a casa (1964) o Tradimento (1978) sono forse alcuni dei più noti.

Durante la sua carriera, Harold Pinter ha ricevuto numerosi premi. La nomina a Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico in 1966, il Premio Laurence Olivier nel 1996 il Premio Fiesole ai Maestri del Cinema nel 2001 e un lungo eccetera. Uno dei più importanti è stato il Nobel, nel 2005. Non ha potuto raccoglierlo a causa del suo precario stato di salute, ma non ha perso l'occasione di far sentire la sua voce da una tribuna così prestigiosa. Nel suo discorso di accettazione, quello registrato In video, vista l'impossibilità di fare la sua comparsa, ha iniziato parlando della verità nell'arte drammatica (in relazione alla genesi di nuove creazioni) per finire a stabilire un legame con il piano politico - «Da cittadino devo chiedere : Cos'è la verità? Cos'è una bugia? ”- qualcosa che lo porta a fare una condanna frontale della guerra in Iraq e una dura critica ai governi guidati da George Bush e Tony Blair.

Ha intitolato il saggio con un eloquente Arte, verità e politica (Arte, verità e politica) evidenziando tre vocazioni di fondamentale importanza per il suo autore: quella di creatore, quella di rigore e quella di attivismo politico. L'esempio migliore, un lavoro che sintetizza come queste tre aspirazioni convergono in Pinter: nel 2003 ha pubblicato un compendio di poesie contro la guerra, dal titolo Guerra (Guerra), in coincidenza con le turbolenze che hanno preannunciato la guerra in Iraq e con le prime effettive manifestazioni di violenza.

L'assegnazione del premio forse più prestigioso al mondo per la letteratura, il Nobel, è arrivata quattro anni dopo che gli era stata diagnosticata la malattia che Pinter ha combattuto negli ultimi sette anni. Il cancro non lo ha fermato, e infatti tra il 2001 e il 2008 la sua produzione è notevole. Nelle parole del critico teatrale Marcos Ordóñez, “i medici hanno commesso un errore nel 2001, quando gli hanno diagnosticato un cancro esofageo allo stadio terminale. Da allora fino alla sua morte ha sviluppato un'attività sovrumana, come scrittore, regista teatrale, sceneggiatore (…), attivista politico (determinato a ottenere la condanna di Tony Blair come criminale di guerra) e anche attore ".

Si dice spesso del suo lavoro che possa essere inquadrato nel cosiddetto teatro dell'assurdo. C'è chi si affretta a mettere in luce le caratteristiche che li legano ai giovani arrabbiati, il gruppo di intellettuali britannici che a metà del XX secolo volevano esprimere, attraverso le loro creazioni in diversi campi della cultura, la delusione che la società causava loro quello che dovevano vivere. Altri, come lo stesso Ordóñez, preferiscono semplicemente dire che "il suo teatro è un concentrato estremo di realtà" e negano etichette come assurdo o simbolico. Quello su cui quasi tutti sono d'accordo è mettere in evidenza Pinter come uno dei più importanti drammaturghi della seconda metà del XX secolo; senza dubbio, è uno dei più premiati.

Nella dichiarazione che Antonia Fraser ha inviato al quotidiano britannico The Guardian, la seconda moglie di Harold Pinter ha dichiarato che era stato "un privilegio vivere con lui per 33 anni" ed era convinta che "non sarà mai dimenticato". Probabilmente, molti dei tuoi lettori o telespettatori hanno avuto la stessa convinzione quando hanno sentito la notizia.

Riferimenti


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.