"Quando si è svegliato, il dinosauro era ancora lì"

Non è favoloso, mai detto meglio, che un finito, rotondo, essere così breve da servire come titolo a un messaggio su se stessa?

L'autore di questa mini-storia l'ha intitolata Il dinosauro. "Quando si è svegliato, il dinosauro era ancora lì." La brevità di Augusto Monterroso, che considera un peso, poiché vorrebbe essere in grado di scrivere opere di grandi dimensioni, è stato tuttavia segnalato da alcuni critici come elemento essenziale di originalità e qualità. «Delirio laborioso e impoverente per comporre libri vasti; quella di espandere in cinquecento pagine un'idea la cui perfetta presentazione orale si inserisce in pochi minuti ”, come direbbe Jorge Luis Borges (come scriveva nella prefazione al Finzioni).

Dinosauro giocattolo :)

Stock jerryr924 / Jerry Russell.

Il fatto che il personaggio stesse dormendo non fa che aumentare nel lettore proprio quella sensazione di essersi perso qualcosa. Infatti: Cosa c'è di più inquietante? Che appaia un dinosauro o cosa è successo al personaggio mentre dormiva? È impressionante quante riflessioni possono sorgere (e che sono sorte e continuano a sorgere, ovviamente) intorno a sole sette parole. Tanto che non sorprende che questa storia sia usata come punto di partenza per gli esercizi in classe. Serve come scusa per porre ai bambini domande dirette come "Cosa sono i dinosauri?" "Come sono?" ma anche per altri che non sono così diretti, e che portano con sé sforzi letterari intrinseci: «Cosa è successo prima? Poi? Com'era la situazione? "La capacità di scegliere un compito e l'assenza di risposte corrette possono portare all'immaginazione e a molte risposte individuali in cui gli studenti possono trarre vantaggio dalle associazioni e dal vocabolario stabiliti tra loro", spiega il professor Ingunn Hansejordet.

Il peso della narrazione ricade sul non detto, che proprio favorisce la molteplicità delle interpretazioni. Il lettore è sopraffatto dalla sorpresa, dall'ambiguità, spesso confuso dalla breve narrazione. La sensazione che qualcosa ci sfugga ci costringe ad accendere la macchina dell'interpretazione, l'immaginazione. «La storia avrebbe un taglio fantastico se prendessimo il dinosauro come qualcosa di reale, come congiunzione del passato preistorico, dove vive questa creatura, con il presente di un mondo logico e razionale, dove vive l'uomo. In altre interpretazioni, ci troveremmo di fronte a un mistero o una narrativa poliziesca, se il dinosauro fosse un soprannome per un uomo. Potrebbe anche essere una commedia, o anche avere un contenuto politico, se diamo questa connotazione al termine 'dinosauro' ”. Così lo spiega nell'articolo Faustino Gerardo Cerdán Vargas Augusto Monterroso e la mini-storia. L'opera letteraria è sempre il mezzo di chi la scrive, il mezzo di chi la legge e la interpreta.

La trasgressione di Monterroso è andata bene. Chiunque sostenga ancora che il racconto o le microstorie siano un genere minore, dovrà dare molti più argomenti per sostenersi dopo la pubblicazione di Il dinosauro. E chi ancora non ci vuole credere, guarda la lista dei seguaci, dello scrittore Pablo Urbanyi (ha fatto qualcosa che è, allo stesso tempo, una parodia e un omaggio: «Quando si svegliò, sospirò di sollievo: il dinosauro non c'era più.») Ai tanti e vari autori che ne sono stati ispirati e può essere trovato sullo stesso Internet in cui trionfa Twitter.

Riferimenti

  • Faustino Gerardo Cerdán Vargas. Augusto Monterroso e la mini-storia. Sopra: La parola e l'uomo. Rivista della Universidad Veracruzana numero 125.
  • Ingunn Hansejordet. Lavora con testi letterari in classe.
  • Paolo Urbani
  • Risposta: tutto sugli Oscar 2009

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

7 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   marisol suddetto

    Bene, come spiegare dicendo qualcosa di così breve ci fa pensare, se interpretassimo questa mini-storia con realismo, ti renderesti conto che c'è molto da dire.

  2.   pepote suddetto

    Non si chiedevano chi o cosa si fosse svegliato?

  3.   Andreita suddetto

    Non hai sentito che ti succede in una sbornia?

  4.   Cesar CC suddetto

    Un sogno felice dove già mancavano i dinosauri ... e quando si svegliò erano ancora lì. Il dinosauro ... realtà di violenza, disordini, insicurezza, corruzione e gran parte della società in declino senza principi e valori.

  5.   Txomin Goitibera suddetto

    Ancora più breve quello di Giulio Cesare: vieni, vidi, vici. Ritmo, progressione, esposizione, metà e fine. ha tutto.

  6.   Cesar Girón suddetto

    la storia ha una struttura?

  7.   maxwell suddetto

    quindi questa è la miseria a cui si riferivano nella conferenza.
    «Inciampo, che sono, ragiono. Non ha mai saputo di non aver ragionato! "