Racconti brevi: cosa sono, caratteristiche e come scriverne uno

Storie brevi.

Storie brevi.

I racconti sono racconti estremamente brevi in ​​cui viene affrontato un singolo argomento. In generale, non hanno limiti sull'argomento appropriato e vanno da storie di fantasia a testi di natura suggestiva o insolita. Le micro-storie tendono quasi sempre a questioni soprannaturali o descrizioni di una realtà impressionante.

In ogni caso, i due elementi fondamentali all'interno di questo sottogenere letterario sono l'originalità e la concretezza. In questo modo, il racconto avrà la capacità di sorprendere o ammaliare il lettore (e non sarà un racconto "facilmente dimenticabile"). Cioè, l'autore deve avere la capacità di catturare i suoi spettatori dalla prima all'ultima frase.

Caratteristiche del racconto

Le seguenti qualità definiscono una breve storia:

conciso

Ovviamente, un racconto breve non ha lo stesso spazio per sviluppare descrizioni dell'ambiente rispetto ad altri generi letterari (come il romanzo, ad esempio). Inoltre, non c'è spazio per introdurre i personaggi in profondità e non c'è tempo per riflettere sulle loro motivazioni. Di conseguenza, lo sviluppo della storia è compattato al massimo.

Numeri ridotti

Un racconto non ha mai più di tre personaggi, di solito il filo narrativo è portato dal monologo discorsivo del protagonista. In consecuense, nella micro-storia non c'è tempo per “contemplare” l'ambiente o per diversi colpi di scena nella trama (Ce ne può essere solo uno, alla fine).

Intenso

Un racconto inizia senza dettagli gongolanti o "superficiali"; l'azione va dritta al punto. In questo senso, le voci di questo tipo di testi sono solitamente anticipazioni di un momento culminante o di un passaggio carico di tensione. In effetti, le migliori micro-storie si caratterizzano sfruttando e aumentando l'impatto o l'impressione generata in anticipo e mantenendola fino alla chiusura.

È "una storia dentro un'altra storia"

L'indispensabile tensione narrativa di un racconto breve è raggiunta dagli autori attraverso l'uso del ritmo. Allo stesso tempo, la sequenza dinamica degli eventi richiede un controllo preciso della quantità di informazioni trasmesse. Il motivo è semplice: l'obiettivo è quello di indurre il lettore a “intravedere” privilegiato una storia successiva molto più ampia.

Stile discorsivo

La maggior parte dei racconti sono narrati in modo vocale. Ciò è particolarmente evidente nelle micro-storie scritte in prima persona. Sono simili a dichiarazioni, sfoghi o ritratti esaltati del protagonista.

Tipi di storie

Conto realistico

Come suggerisce il nome, è un racconto breve ispirato da un fatto fattibile. La sua argomentazione parte quindi dall'osservazione ravvicinata di un determinato ambiente o da un'indagine reale. Tuttavia, il lavoro documentario precedente non è obbligatorio. Una delle forme più comuni di storia realistica è la polizia, in cui viene presentato al lettore un aneddoto riguardante un crimine.

Racconto fantastico

Sono quelli in cui tutti i tipi di eventi irreali hanno un posto (anzi, eventi e / o personaggi impossibili sono trattati come se esistessero davvero). Allo stesso modo, ci sono micro-storie di meta-finzione aneddotico in natura. Questi sono basati su un evento storico, sebbene con una trama parzialmente o totalmente inventata dallo scrittore.

Raccomandazioni per scrivere un racconto

Leggi molti testi di questo tipo

Ci sono innumerevoli autori che sono veri maestri di questo sottogenere letterario, sono il miglior riferimento possibile quando si scrive un racconto. Tra quei grandi nomi in spagnolo ci sono Soledad Castro, Julio Cortázar, Jorge Luis Borges, Mario Benedetti, Julio Ardiles, Vicente Huidobro e Gabriel García Márquez.

Jorge Luis Borges.

Jorge Luis Borges.

Focus esclusivo sugli eventi da raccontare

Essendo un tipo di narrazione condensata, concreta e intensa, è necessario selezionare attentamente quali passaggi hanno vera rilevanza all'interno di una trama. Uno dei modi per arrivare a questo punto è passare da macro a micro, qualcosa come "un sommario di un sommario". Le sottotrame sono senza dubbio tralasciate.

Allo stesso tempo, non puoi omettere qualche elemento cruciale perché rende l'intera storia priva di significato. Quindi, delineare un buon racconto breve è un perfetto equilibrio tra un enorme volume di informazioni - raccontate in un ritmo coerente e comprensibile - e la minore lunghezza possibile.

Accurata selezione dei personaggi

Quando un racconto ha due o tre personaggi, il consiglio è di differenziarli molto chiaramente. Tuttavia, poiché non c'è spazio per descrizioni dettagliate, le caratteristiche principali dovrebbero essere evidenti in poche parole (meno sono e meglio è). In questi casi, il contrasto tra i caratteri potrebbe essere utilizzato per far riflettere o dubitare il lettore.

Dichiarazione strutturata dei fatti

L'organizzazione super compatta del racconto non lo esime dal mostrare al lettore i suoi elementi di base:

  • Una voce (introduzione)
  • Uno sviluppo
  • Un epilogo

Ovviamente, ciascuna di queste parti del testo è di solito solo una o due frasi e portano una sequenza cronologica. Altrimenti, il rischio di mettere insieme una storia incomprensibile è piuttosto alto.

Un inizio scioccante, una conclusione memorabile

L'inizio dovrebbe catturare il più possibile l'attenzione del lettore. Quindi, l'ingresso deve essere emozionante e accattivante. Allo stesso modo, la svolta finale rappresenta un'opportunità per lasciare lo spettatore in soggezione. Per ottenere entrambi gli effetti, è necessario pianificare e selezionare attentamente le informazioni visualizzate in ciascuna riga del testo.

Scelta del narratore

A causa della brevità del testo, c'è spazio solo per un unico relatore. In questo senso, i più adatti per una micro-storia sono il narratore principale e il narratore onnisciente. Inoltre, il tipo di narratore consente determinati giochi con il linguaggio che dipendono molto dall'originalità dell'autore.

La sorpresa sta nei dettagli

Gabriel Garcia Marquez.

Gabriel Garcia Marquez.

Nonostante il limitato margine a disposizione per cogliere alcuni dettagli, si consiglia di non farne a meno completamente. A tal proposito - ancora una volta - la capacità di concretezza dello scrittore è essenziale per condensare quelle descrizioni indispensabili per la coerenza della storia. Inoltre, questi elementi chiave possono aumentare le tue possibilità di ottenere un finale straordinario.

Infine, il titolo

Dopo aver condensato, rivisto e debug con attenzione il contenuto ... è ora di dare un titolo al testo. A questo punto il consiglio è di scegliere un titolo intrigante, interessante e stimolante. Dopo tutto, una o due cose su un racconto dovrebbero rimanere nella mente del lettore: il titolo e il pensiero o la preoccupazione che ha prodotto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Ottimo articolo, è davvero una guida molto preziosa.
    -Gustavo Woltmann.

  2.   Alberto pace suddetto

    Ho appena letto "La luce della nostalgia e altre storie" di Miguel Angel Linares. Un libro di racconti, aforismi e frasi altamente consigliato. Molto romantico e malinconico. Consigliato a chi ama i racconti.