I problemi della lettura in un mondo audiovisivo.

Librería

Negli ultimi anni, molte persone mi hanno detto che questo o quel libro lo era noioso perché non stava succedendo niente per le prime venti pagine. E questo, quindi, avevano smesso di leggerlo. Quello che mi rattrista in momenti come questo è che, per mancanza di pazienza, queste persone hanno perso storie incredibili. Ripensandoci, me ne sono reso conto oggi siamo viziati. I problemi di lettura in un file mondo audiovisivo è quello che abbiamo troppi stimoli esterni, che producono emozioni immediate e vogliamo provare ora, ora, istantaneamente. Cerchiamo storie che arrivino al punto, senza mezzi termini.

Non sarò così ipocrita nel dire che la parola scritta è sempre superiore, dal momento che mi piacciono anche una moltitudine di serie e film. Tuttavia, queste forme d'arte hanno fatto dimenticare a molte persone come godersi il storie che richiedono tempo, che crescono con cura e affetto. Nel caso di coloro che sono anche più giovani di me, può anche accadere che non sappiano nient'altro.

Quando c'era meno rumore

Ho mangiato la civiltà, mi ha fatto ammalare e mi sono ammalato.

Aldous Huxley, "Brave New World".

Sono nato all'inizio degli anni Novanta, in un mondo per lo più analogico, almeno a livello domestico. Non avevo internet, né il cellulare, quindi quando giacevo a letto con un libro niente e nessuno poteva distrarmi. Oggi, a metà dell'anno 2018, non si può aprire un romanzo senza ricevere quattro messaggi da WhatsApp e sei notifiche di Twitter. Anche mentre scrivo questo articolo, non ho avuto altra scelta che controllare più volte il mio cellulare.

Non voglio demonizzare la tecnologia, tutt'altro. Internet ci permette di contattare persone a migliaia di chilometri di distanza e scoprire forme d'arte che altrimenti non conosceremmo. Ma è anche un file fonte di distrazioni che ci impedisce di immergerci nell'introspezione e nel silenzio che un lungo romanzo richiede. Ed è qualcosa che capiscono quelli della mia generazione, che sono nati in un'era predigitale, e ancor di più quelli delle generazioni precedenti.

il potere delle parole

Non so se tu, che mi stai leggendo, hai dodici o settant'anni. Ma in entrambi i casi propongo quanto segue: la prossima volta che metti giù un libro perché sulla prima pagina non c'è stata un'esplosione o un epico duello all'ultimo sangue, Continua a leggere. Ricorda che molte delle grandi storie richiedono tempo per farti conoscere i personaggi e le regole del loro mondo. E questa è di per sé un'avventura utile.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Nishi suddetto

    Ottimo articolo. Penso che abbiamo più in comune di quanto sembri. Sono totalmente d'accordo sul fatto che oggi tutto sia più immediato, c'è una sovrastimolazione dei sensi che ci rende sempre più difficile godere di ciò che richiede tempo. Onestamente, penso che sia un peccato, perché tutte le grandi storie che ho letto (o visto, non dimentichiamo che ci sono anche film o serie che si muovono lentamente) sono facili. Lo vedo come una vera virtù. A volte, più veloce e più veloce non significa migliore, perché si finisce per non entrare in empatia con la storia, con i personaggi o con l'azione stessa, almeno a livello narrativo.

    Saluti.

  2.   MRR Escabias suddetto

    Grazie per essere passato e per aver commentato qui, Nishi, sono d'accordo con tutto quello che hai detto.

    Saluti.

  3.   Jorge suddetto

    Ricordo che da bambino andavo a letto alle sette del pomeriggio, leggendo un libro alla luce di una piccola lampada sul comodino. Mi mancano quei giorni, mi sembra che fossero molto ricchi a livello di formazione intellettuale. Ora mi sembra tutto fabbricato. Anche scrivere questo commento è stato difficile, non ho più la stessa scioltezza che avevo quando ho letto di più.

  4.   MRR Escabias suddetto

    Ti capisco perfettamente, Jorge.