I migliori libri spagnoli della storia

I migliori libri spagnoli della storia

La nostra letteratura, che finisce nei Pirenei e talvolta diventa surreale nelle Isole Canarie, che salta da Valencia all'Estremadura passando per una Mancha piena di grandi miti e storie, stabilisce un mondo di lettere che non smette mai di reinventarsi. Evolvere. Questi i migliori libri spagnoli della storia lo confermano.

I migliori libri spagnoli della storia

La Celestina, di Fernando de Rojas

La Celestina di Fernando de Rojas

Sebbene le prime versioni dell'opera arrivassero al tempo dei monarchi cattolici, non sarebbe stato fino al XIV secolo quando una delle opere più importanti della nostra letteratura avrebbe raggiunto il successo che l'avrebbe catapultata come un genere a sé stante, un letterario e fenomeno culturale. Trattato come "tragicommedia', La Celestina racconta la storia di due giovani, Calisto e Melibea, uniti dai trucchi di una prostituta detta «Celestina». L'opera fu proibita durante i tempi dell'Inquisizione, riemergendo qualche tempo dopo.

Lazarillo de tormes

Lazarillo de tormes

Sebbene non sia nota una data esatta di pubblicazione, le versioni precedenti di uno di le grandi opere della letteratura spagnola risalgono al 1554. Un'epoca in cui il protagonista, Lazarillo de tormes, è costretto a sopravvivere da un'infanzia miserabile fino al suo matrimonio, passando per incontrare personaggi come il famoso cieco che inganna durante una parte della narrazione. Considerato come un'ode al disincanto di un'epoca e all'ipocrisia di una società corrotta dal clero, Lazarillo de Tormes fu vietato fino al XIX secolo da un'Inquisizione contro la quale ha tentato l'autore anonimo chi ha scritto la commedia.

Don Chisciotte della Mancia, di Miguel de Cervantes

Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes

Pubblicato all'inizio del 1605, Don Chisciotte avrebbe cambiato per sempre non solo il corso letteratura in Spagna, ma anche in tutto il mondo. La storia del nobile la cui lettura eccessiva di romanzi cavallereschi ha portato a confondere i mulini a vento della Mancia con i giganti era qualcosa di più di un romanzo burlesco, un amalgama di riferimenti a un tempo e di un carattere polifonico, le cui diverse visioni dei protagonisti ha rivoluzionato il modo di narrare e affrontare il realismo. Indubbiamente, il lavoro più universale dei nostri testi.

Non hai letto «Don Chisciotte"?

Fortunata e Jacinta, di Benito Pérez Galdós

Fortunata e Jacinta di Benito Pérez Galdós

Considerato da molti come il miglior lavoro di Galdós, forse anche influenzato da la Regenta, pubblicato poco prima dall'amico Leopoldo Alas Clarín, Fortunata e Jacinta parla di due donne. Uno, Fortunata, è bruto e di paese, mentre Jacinta è delicata e di buona famiglia, due poli opposti che finiscono per incontrarsi per un tragico errore del destino. Il lavoro è stato pubblicato nel 1887 dopo anno e mezzo di creazione di Galdós, che in questo lavoro ha investito i maggiori sforzi della sua carriera.

Ti piacerebbe leggere Fortunata e Jacinta?

Canne e argilla, di Vicente Blasco Ibáñez

Canne e argilla di Vicente Blasco Ibáñez

Nel 1902, la Spagna rimase delusa da se stessa. Avevamo perso Cuba, ultima roccaforte di un grande impero che ci ha spinto a guardare verso il nostro Paese, di valori ed eredità alterati che nessuno voleva. Parte dell'essenza di questa era definisce Canne e fango, un'opera di Blasco Ibáñez ambientata nel L'Albufera di Valencia che tesse una storia di ribellione tra il protagonista, Tonet, verso il nonno e il padre, due umili contadini, e la sua storia d'amore con Neleta. Parte fondamentale di naturalismo, Cañas y Barro è un romanzo con coloranti tradizionali tanto solidi quanto avvincenti.

La famiglia Pascual Duarte, di Camilo José Cela

La famiglia di Pascual Duarte di Camilo José Cela

La letteratura spagnola Ci ha permesso di avvicinarci alla realtà di ogni tempo e altri erano incaricati di riunire tutti questi passaggi nello stesso lavoro. Questo è il caso di il miglior romanzo di Camilo José Cela, pubblicato nel 1942 e un ritratto di un uomo dell'Estremadura rurale dal 1882 al 1937, un periodo di una Spagna politicamente travagliata. Una striscia del tempio che, a sua volta, racchiude le tinte del naturalismo, realismo e romanzo sociale quello ha definito un tempo che è esploso in una guerra civile di conseguenze miserabili per la Spagna.

sottovento La famiglia di Pascual Duarte.

Nada, di Carmen Laforet

Nada, di Carmen Laforet

Andrea è una giovane donna che va a Barcellona per studiare filosofia e letteratura. Un nuovo episodio in cui viene dibattuto tra i conflitti interni della sua famiglia e le relazioni che nascono nella sua esperienza universitaria. Voce di un tempo così com'era dopoguerra, Nada è diventato vincitore della prima edizione del Premio Nadal aprendo nuove porte alla letteratura e, in particolare, ad alcuni scrittori di cui Laforet divenne un esempio da seguire.

Cinque ore con Mario, di Miguel Delibes

Cinque ore con Mario, di Miguel Delibes

Dopo aver perso il marito, una donna si prende cura del suo corpo di notte. Sul comodino ci sono testi della Bibbia sottolineati dal marito, un innesco che porta la protagonista a mormorare un monologo disordinato in cui esprime le passioni e le goffaggine di una vita. Un'occasione che serve per riassumere il ruolo delle donne spagnole nel XX secolo in un modo unico e intelligente ... così Delibes.

Cinque ore con Mario È un vero prodigio.

Cuore così bianco, di Javier Marías

Cuore così bianco di Javier Marías

«Non volevo saperlo, ma ho saputo che una delle ragazze, quando non era più una bambina e da poco tempo era tornata dal viaggio di nozze, entrò in bagno, si fermò davanti allo specchio, si aprì la camicetta , si è tolta il reggiseno e ha raggiunto il cuore con la punta della pistola ... »

Questo inizio mitico è la pistola di partenza per uno dei grandi opere contemporanee della nostra letteratura e un successo di vendite dopo la sua pubblicazione nel 1992. Cuore così bianco, la cui ultima edizione è stata lanciata nel 2017 in occasione del suo 25 ° anniversario, racconta di un protagonista da poco sposato la cui luna di miele all'Avana riserva più di una sorpresa per il suo matrimonio.

Soldati di Salamina, di Javier Cercas

Soldati di Salamina di Javier Cercas

Definito da molti come un esempio di fazione (fatto + finzione), Soldati di Salamina, pubblicato nel 2001, è nato da L'ossessione di Cercas per il soldato che salvò Rafael Sánchez Mazas, scrittore per la Falange spagnola e amico di Franco, sfuggito a una sparatoria di massa a Barcellona durante il crepuscolo della guerra civile spagnola. Un connubio perfetto tra fantasia e realtà che, più che un tentativo di avvicinarsi alla grande guerra spagnola del XX secolo, punta sul piacere di "rivivere" in un momento di disperazione.

Quali sono per te i migliori libri spagnoli della storia?

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.