I migliori libri di filosofia

Citazione di Friedrich Nietzsche

Citazione di Friedrich Nietzsche

I migliori libri di filosofia sono quelli che riflettono l'ideologia di molti dei più grandi intellettuali della storia umana. È il pensiero di studiosi come Seneca o René Descartes, per citarne alcuni tra i più noti. In tempi più recenti, le opere di Friedrich Nietzsche, Simone de Beauvuoir, Osho e Jostein Gaarder, tra gli altri, sono inevitabili.

Allo stesso modo, i testi filosofici che sono in realtà compilazioni completate nel corso di diversi secoli possono essere acquistati nelle librerie di tutto il mondo (Tao Te Ching, È uno di loro). Tutti I libri di filosofia hanno in comune uno scopo ponderato, profondo, degno di essere analizzato con calma e contemplazione. Pertanto, in questo tipo di lettura la fretta è completamente priva di significato. Ecco un elenco dei migliori lavori in questo campo.

Tao Te Ching (VI secolo a.C.)

Indicato anche come Dao Dé Jīng o Tao Te Re, È un'antica scrittura cinese. Il suo sviluppo può essere dedotto dal suo nome; bene Dao significa "via", ditale simboleggia "potere" o "virtù" e jing si riferisce al "libro classico". Secondo la tradizione cinese, fu realizzato nel VI secolo a.C. C per Laozi - tradotto Lao Tzu, "vecchio insegnante" - Archivista della dinastia Zhou.

Tuttavia, molti studiosi mettono in dubbio la paternità e l'età di questo testo. D'altro canto, le dichiarazioni del Tao Te Ching ha posto la maggior parte dei canoni del taoismo filosofico. Di conseguenza, questo manoscritto ha influenzato in modo significativo altre discipline o scuole spirituali nel continente asiatico (neo-confucianesimo e legalismo, per esempio).

Connotazioni e interpretazione

Questo scritto è pieno di precetti ambigui, applicabili in diverse situazioni di vita, dagli argomenti più comuni e quotidiani alle raccomandazioni per la classe politica. Perciò, la cosa più consigliabile per i lettori è prendere le nozioni di Dao Dé Jīng senza cercare di essere assoluto o completamente obiettivo.

concetti fondamentali

  • Il Tao comprende la concezione di infinite domande, è perpetuo, non ha forma o suono definiti. Né può essere descritto a parole.
  • El Dao Dé Jīng si associa a Yin —Il lato femminile, oscuro e misterioso delle cose— con la fluidità dell'acqua o morbidezza. In contrasto con la rusticità e la solidità di una roccia o di una montagna (Yan).
  • La nozione di "ritorno" in Dao Dé Jīng è sinonimo di "riflessione", "Senno di poi" o "ritiro" su se stesso. In nessun caso si riferisce a un ritorno a quanto accaduto.
  • Il Nulla rappresenta il nucleo del Tao e dell'Essere, il suo scopo. Di conseguenza, è necessario mettere da parte l'ego, i preconcetti e le preoccupazioni mondane se l'aspirazione è la vera integrità mentale.

Della brevità della vita (55 d.C.)

Di brevitate vitae era uno dei testi che componevano dialoghi, il libro di filosofo Seneca dedicato a Paulino. Nel lavoro, l'autore sostiene che la vita - nonostante sembri così - non è breve; è la persona che produce quella percezione non sapendo come trarne vantaggio. Per questo motivo, gli storici indicano il pensatore romano come un riferimento inequivocabile per gli autori dell'età dell'oro spagnola.

concetti fondamentali

  • Il tempo è preziosoPertanto, non dovrebbe essere sprecato indagare su questioni che alla fine sono irrilevanti.
  • Un individuo che non desidera una vita percepita fugacemente non dovrebbe tenersi occupato.
  • La vita scorre in tre tempi: passato, presente e futuro. Da loro, il presente è solo un battito di ciglia — quasi inesistente— il futuro è pieno di incertezze e il passato è l'unica cosa innegabile.
  • Qualcuno veramente saggio - secondo Seneca - è un essere che ricorda coscienziosamente il passato, approfitta del presente e sappi come guidare il tuo futuro.
  • Chi relega il passato, trascura il presente e affrontano il futuro con dubbi e paure.

Discorso del metodo (1637), di René Descartes

Questo saggio è considerato uno dei pilastri della filosofia occidentale e un testo con enormi implicazioni per lo sviluppo della scienza. Il titolo completo di quest'opera è (tradotto dal francese) Discorso sul metodo per condurre bene la propria ragione e cercare la verità nella scienza.

Struttura del discorso e sinossi

È diviso in sei parti:

  • Il primo è un'autobiografia intellettuale, in cui l'autore dubita della sua conoscenza precedente, critica le scienze e la teologia del suo tempo. Lì conclude affermando che l'unica via per la verità è in se stessi.
  • Nella seconda sezione, Descartes spiega rapidamente le basi del suo nuovo metodo attraverso quattro regole:
    • La prova come requisito essenziale a sostegno di una domanda.
    • Dividere un problema in tante parti quante sono necessarie per il suo esame approfondito e la proposta delle rispettive soluzioni.
    • Idee di rango; in ordine crescente secondo la loro complessità.
    • Rivedi il lavoro svolto per "essere sicuro di non perdere nulla".
  • Nella terza parte, esorta il pensatore moderno a coltivare permanentemente la sua ragione e parla di una "moralità transitoria che governa la sua vita". Riguardo a questo codice provvisorio, menziona quattro slogan ineludibili:
    • Rispetta le leggi nazionali, rispetta le tradizioni del paese, mantieni la tua religione e ascolta le opinioni più conservatrici.
    • Sii deciso e determinato nelle azioni da compiere, anche in quelle che generano dubbi.
    • L'unica cosa veramente sotto il controllo di una persona sono i propri pensieri.
  • Nella quarta sezione, Descartes stabilisce il principio del "dubbio metodico" e crea il suo famoso slogan "Penso, quindi sono", che riconosce l'esistenza di Dio.
  • Nella quinta parte, l'intellettuale francese traccia un'organizzazione dell'universo e attribuisce l'anima solo agli esseri umani (esclusi gli animali).
  • Nella sesta sezione, Descartes afferma che la conoscenza scientifica deve essere divulgata. Infine, espone il suo desiderio di non diventare "qualcuno di importante nel mondo" per evitare distrazioni e concentrarsi completamente sui suoi studi.

Così parlò Zarathustra (1883), di Friedrich Nietzsche

È considerato il capolavoro di Friedrich Nietzsche. Così parlava Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno (titolo completo) esplora le idee principali del filosofo tedesco. Questi pensieri sono incarnati in una sequenza di storie e saggi lirici che si concentrano sulle esperienze e le riflessioni del profeta Zarathustra (lo Zoroastro dei Persiani).

In realtà, Nietzsche ha usato una figura immaginaria di Zarathustra - non la figura storica - come portavoce delle sue dottrine. Lo presenta come un essere illuminato il cui giudizio supera quello di qualsiasi essere umano e in modo antagonista ai precetti della Chiesa cattolica.

tema

La morte di Dio

Rappresenta quel momento in cui l'uomo raggiunge un tale livello di maturità da non aver bisogno di un Dio per segnare le linee guida della sua esistenza. A quel punto, la moralità è sostituita dalla verità e l'uomo è interamente responsabile del proprio percorso.

La volontà di potere o Übermensch

È l'argomento centrale del lavoro, derivato dalla filosofia presocratica, con evidenti tratti vitalistici e naturalistici. Tuttavia, Nietzsche mostra sempre una chiara ambiguità riguardo alla profondità del suo libro "nato dalla più intima ricchezza di verità". Ed è che, allo stesso tempo, evita ogni pretesa di "migliorare l'umanità".

L'eterno ritorno della vita

Infine, Zarathustra esorta gli uomini ad abbracciare la vita nella sua interezza, piuttosto che speculare sull'aldilà. Allo stesso modo, Nietzsche afferma che la debolezza dell'essere umano è cercare prosperità e realizzazione spirituale dopo la morte.

Alcuni dei più importanti libri filosofici del XX secolo

Il secondo sesso (1949), di Simone de Beauvoir

Si tratta di un saggio abbastanza ampio nato dalla ricerca dell'autore francese sulla concezione storica e sul ruolo delle donne nella società. Grazie alle sue affermazioni rivoluzionarie - oltre a diventare un impressionante successo editoriale - questo libro ha gettato le basi del corrente femminista di equità.

Allo stesso modo, è considerato un testo enciclopedico a causa del focus sull'identità delle donne da diverse prospettive teoriche e scientifiche. Tra le discipline affrontate ci sono: sociologia, antropologia, psicologia, biologia e anatomia riproduttiva (con le sue implicazioni nella relazione affettivo-sessuale).

Il mondo di Sofia (1991), di Jostein Gaarder

Sebbene questo titolo sia classificato come un romanzo, L'autore norvegese ha approfittato di questo contesto per fare una revisione storica della filosofia occidentale. Il risultato è stato un libro più venduto al mondo, tradotto in più di sessanta lingue e adattato per il cinema (1999) sotto la direzione di Erik Gustavson.

Le correnti filosofiche spiegate (a Sophie, la protagonista)

  • Rinascimento
  • romanticismo
  • Esistenzialismo
  • Le idee di Marx
  • Inoltre, viene descritta la teoria del Big Bang e compaiono alcuni personaggi di fantasia della letteratura classica (Cappuccetto Rosso, Ebenezer Scrooge e una signora del Fratelli Grimm Fairy Tales).

Consapevolezza (2001), di Osho *

Va notato che Osho non è un autore nel senso stretto del termine. I suoi libri sono stati tratti dalle trascrizioni di discorsi e conferenze improvvisati tenuti in un periodo di trentacinque anni. In loro, vengono presentate le sue riflessioni su temi che vanno dalla ricerca di se stesso, alle deliberazioni sulla politica e sulla società.

En Consapevolezza, il filosofo indù esorta le persone a rimanere vigili nel "qui e ora". In questo modo, l'essere umano sarebbe in grado di comprendere l'irrilevanza di emozioni come risentimento, rabbia, gelosia e sentimenti possessivi. Inoltre, menziona l'accettazione e l'unione delle polarità (gioia e pianto, ad esempio) come percorso verso il pieno equilibrio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   SC suddetto

    Ottimo articolo, ma difficile da leggere in alcune parti perché la tipografia è molto chiara.