I migliori libri asiatici di sempre

I migliori libri asiatici di sempre

La letteratura asiatica è sempre stato visto da lettori e critici come enigmatico e bizzarro. Un personaggio esotico associato a una percezione dell'Occidente a cui le lettere d'Oriente impiegavano molto tempo per arrivare. Dall'India, dalla Cina o dal Giappone, questi i migliori libri asiatici di sempre nascondono storie esuberanti che, a loro volta, ci permettono di conoscere la testimonianza di un certo paese e della sua cultura.

I migliori libri asiatici di sempre

Il dio delle piccole cose, di Arundhati Roy

Il dio delle piccole cose di Arundhati Roy

Nell'India meridionale, c'è un posto chiamato Kerala formato da centinaia di palme e canali solcati da vecchie risaie dove si masticano storie magiche. Di origine siriana, l'autore indiano Arundhati Roy si è occupato di rendere omaggio a questa terra con Il dio delle piccole cose, romanzo pubblicato nel 1997 con il quale ha vinto il prestigioso premio booker. Attraverso le pagine, il personaggio metaforico dell'autore ci immerge nella storia di due gemelli separati da una tragedia avvenuta nel 1963, non senza un realismo magico e un finale tremendo.

Dream in the Red Pavilion, di Cao Xueqin

Sogna nel Padiglione Rosso di Cao Xueqin

Considerato come uno dei capolavori della letteratura cinese, Sogno nel padiglione rosso È stato scritto a metà del XVIII secolo da Cao Xueqin, un membro della dinastia Qing. Un libro che è la migliore testimonianza di un'epoca attraverso la percezione dell'autore delle donne che hanno formato la sua vita, l'ordine gerarchico della società cinese di quel tempo e, quindi, l'ascesa e la caduta della sua stessa dinastia. Un intero classico.

notti arabe

notti arabe

Nessuno sapeva quali autori li scrissero, ma la verità è che quando Le Mille e una notte arrivarono in Occidente nel XNUMX ° secolo, niente era più lo stesso. Il mondo è stato conquistato da quelle storie di tappeti magici, bazar colorati o geni rinchiusi in una lampada orchestrata dall'astuzia di Scheherazade, la fanciulla che ogni notte raccontava al sultano una nuova storia in modo che non le tagliasse la testa. Proveniente da paesi come India, Siria o soprattutto Persia, notti arabe ci trasportano in quel magico Oriente che tutti abbiamo sognato una volta.

Figli di mezzanotte, di Salman Rushdie

Figli di mezzanotte di Salman Rushdie

Considerato come uno dei gli autori più controversi della storiaSalman Rushdie, almeno per alcuni fanatici iraniani che stanno solo aumentando il prezzo sulla sua testa dopo la pubblicazione di The Satanic Verses nel 1988, Salman Rushdie divenne noto in tutto il mondo dopo l'uscita di Figli di mezzanotte. L'opera, un'ode al post-colloanesimo e al realismo magico, racconta la storia di Saleem Sinai, nato a mezzanotte 15 agosto 1947, la data in cui l'India ottenne l'indipendenza dall'impero britannico. Il libro ha vinto sia il Booker Prize che il James Tait Black Memorial Prize.

Tokio Blues, di Haruki Murakami

Tokyo Blues di Haruki Murakami

Se c'è un autore asiatico a cui inchinarsi, è Murakami. L'eterno candidato per Letteratura Nobel ci ha lasciato alcune delle migliori storie giapponesi, a metà tra il magnetismo, il mistero e l'intimità che caratterizzano questo autore. Anche se le sue opere potrebbero benissimo essere divise in quelle più realistiche e altre più metafisiche, ci resta Tokyo Blues, quell'ode alla giovinezza incarnata da un fragile triangolo amoroso in Giappone negli anni '60.

L'arte della guerra, di Sun Tzu

L'arte della guerra di Sun Tzu

Alcuni libri potrebbero essere stati pubblicati troppo tempo fa, ma la loro essenza rimane senza tempo. Questo è il caso di L'arte della guerra, prenotare scritto nel IV secolo aC dallo stratega militare cinese Sun Tzu, che attraverso le pagine di questo manuale di vita analizza le operazioni necessarie per immobilizzare il tuo nemico, prevenire gli attacchi e raggiungere i tuoi obiettivi. L'impatto del libro è stato tale che le scuole di business lo usano come una Bibbia particolare quando definiscono le loro strategie aziendali.

Il Lucky Star Club di Amy Tan

Il Lucky Star Club di Amy Tan

La diaspora è diventato un tema ricorrente nella letteratura degli ultimi decenni. In caso di la prima generazione di immigrati cinesi negli Stati Uniti, uno dei migliori libri è Il club delle buone stelle, debutto della scrittrice Amy Tan che è stato un successo nel 1989. Basato sulla storia dei suoi genitori, Tan ci racconta in questo romanzo l'incontro di quattro donne cinesi appena arrivate a San Francisco nel 1949 ei pomeriggi di nostalgia terra in cui non sarebbero mai tornati.

Spring Snow di Yukio Mishima

La neve primaverile di Yukio Mishima

Mishima era uno di  gli autori più controversi del XX secolo. Un pilota frustrato, misterioso e scontroso che ha vomitato la bellezza del proprio universo nelle sue opere. Prima del suo suicidio nel novembre 1970 a seguito di un antico rito samurai, lo scrittore lasciò in eredità il suo editore la tetralogia Il mare della fertilità, definitiva saga letteraria del XNUMX ° secolo in Giappone. Il primo volume, Neve primaverile, è una storia d'amore tra due giovani della nobiltà giapponese nei mesi successivi alla morte dell'imperatore Meiji.

The Good Land, di Pearl S. Buck

The Good Land di Pearl S. Buck

Figlia di missionari, Buck ha vissuto in Cina fino all'età di quarant'anni, diventando uno specchio fedele di una cultura troppo lontana dagli standard occidentali. La buona terra, lavoro con cui ha ottenuto il Premio Pulitzer nel 1932, l'autrice esplora la Cina dei suoi ricordi attraverso la storia di tre generazioni di una famiglia di contadini agli albori della rivoluzione cinese. Un romanzo che ci permette di conoscere le difficoltà e le disgrazie di una popolazione cinese che ha attraversato gran parte del XX secolo che avrebbe cambiato per sempre il destino del gigante orientale.

Prima hanno ucciso mio padre, da Loung Ung

Prima hanno ucciso mio padre da Ung Bun Loung

Oltre l'India, il Giappone o la Cina, il sud-est asiatico e paesi come il Vietnam, la Malesia o la Cambogia hanno molte storie da raccontare. Per quanto riguarda quest'ultimo, il libro più rappresentativo è Prima hanno ucciso mio padre, scritto dall'attivista cambogiano Loung Ung basato su un'infanzia segnata da Il regime genocida di Pol Pot alla guida dei Khmer rossi. Le memorie di Ung hanno attirato l'attenzione di Angelina Jolie, che ha realizzato un adattamento cinematografico.

Quali sono i migliori libri asiatici che hai letto?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)