Herman Hesse. 141 anni di scrittore essenziale. Alcune frasi

Herman Hesse era uno scrittore, poeta, romanziere e pittore, e divenne uno dei autori più rilevanti e letti del XX secolo. Sono nato Tedesco una giornata come quella di oggi 1877 ma è stato nazionalizzato svizzera nel 1924. Ha scritto titoli così significativi come Siddartha o Lupo della steppa. Ma io resto con Sotto le ruote, una delle sue prime opere e letture della mia adolescenza che ho riletto più di una volta. Rivedo i suoi lavori con a selezione della frase.

Herman Hesse

I suoi viaggi al India In varie occasioni, dove il padre era missionario, furono determinanti perché la cultura orientale influenzasse in maniera determinante la sua opera, soprattutto in una delle più importanti e lette, sicuramente la più celebre, Siddartha.

Lavorare come Libraio mentre scriveva. Demian, pubblicato in 1919 era il suo primo successo. E mostra uno dei suoi temi ricorrenti: lo sviluppo di propria individualità e su ribellione di fronte alle convenzioni sociali.

Quando ha condannato la partecipazione di Germania in prima guerra mondiale, Hesse ha deciso di andare in esilio a Svizzera e lì scrisse il suo lavoro forse più influente: Lupo della steppa. Gli hanno concesso il Premio Nobel per la letteratura nel 1946.

Opere e frasi

Peter camezind (1904)

  • Nonostante tutto, ho continuato a vedere nei miei sogni un obiettivo, una felicità, una maggiore perfezione davanti a me.
  • Ancora oggi so che al mondo non c'è niente di più delizioso di una vera e leale amicizia tra uomini.
  • Ancora una volta avevo la convinzione di non essere tagliato per la vita familiare e riposante tra gli uomini.
  • Forse era il mio destino essere un estraneo a quella società a cui appartenevo per tutta la vita.
  • Due settimane dopo è annegato facendo il bagno in un piccolo fiume.
  • Ho camminato dopo molti sogni, nessuno dei quali si è avverato.

Demian (1919)

  • La vita di ogni uomo è un percorso verso se stesso, il tentativo di un percorso, il contorno di un percorso.
  • Quando odiamo qualcuno, odiamo a sua immagine qualcosa che è dentro di noi.
  • Quando qualcuno è temuto, è perché gli abbiamo dato potere su di noi.
  • Tutti portano con sé, fino alla fine, le viscosità e i gusci d'uovo di un mondo primordiale.
  • Nessun uomo è mai stato completamente se stesso; ma tutti aspirano a diventarlo, alcuni oscuramente, altri più chiaramente, ognuno come meglio può.

Siddharta (1922)

  • Il morbido è più forte del duro; l'acqua è più forte della roccia, l'amore è più forte della violenza.
  • Com'è bello provare di persona quello che c'è da sapere, viverlo in prima persona, non conoscerlo solo con la memoria, conoscerlo con i miei occhi, con il mio cuore, con il mio stomaco.
  • Non ho il diritto di giudicare la vita degli altri. Devo solo giudicare me stesso e scegliere o rifiutare in base alla mia persona.
  • La saggezza non è comunicabile. La saggezza che un saggio cerca di comunicare agli altri suona sempre folle.
  • Quel sorriso, perenne, calmo, fine, impenetrabile, forse gentile, forse beffardo, saggio, multiplo ... è così che sorridono gli esseri perfetti.
  • Un uomo non è mai totalmente santo o peccatore.
  • Respirò per un attimo, e per un attimo sentì freddo e rabbrividì. Non c'era essere più solo di lui.

Lupo della steppa (1927)

  • È stato anche tentato dal suicidio quando era ancora un bambino.
  • Questi immortali non voltarono le spalle alla vita, ma costruirono mondi ammirevoli attraverso un'amorevole sublimazione delle inezie che costituiscono anche l'esistenza.
  • Aveva pensato più degli altri uomini, possedeva una serena obiettività in fatto di spirito.
  • Quello sguardo ha toccato il cuore di tutta l'umanità.
  • Haller era un genio della sofferenza.
  • Devi essere orgoglioso del dolore; tutto è un promemoria della nostra condizione elevata.
  • La maggior parte degli uomini non vuole nuotare prima di sapere.
  • L'uomo potente al potere soccombe; l'uomo dei soldi, nel denaro; il servile e l'umile, nel servizio; colui che cerca il piacere, nei piaceri. E così il lupo delle steppe cedette alla sua indipendenza.

Sotto le ruote (1906)

Sì, tengo questo lavoro. Forse perché l'ho letto in un'età simile a quella del protagonista di questo libro, molto più semplice e facile da leggere che Siddartha o Lupo della steppa, per esempio. O forse perché è stato uno dei primi che mi ha toccato profondamente il cuore.

Ci racconta la vita di Hans giebenrath, un ragazzo molto intelligente e sveglio. Le circostanze circostanti come il ferrea autorità di suo padre e dei suoi insegnanti Saranno fondamentali per quella mancanza di libertà di fare ciò che vuoi e prendere il controllo della tua vita. Così decisivi che porteranno alla distruzione totale della tua personalità magnifica e di gran lunga superiore.

Tieni il file feroci critiche che Hesse fa contro l'oppressione sociale Questo soffoca quelle personalità fantastiche. A volte è l'ambiente, ma molte volte di più è a causa dell'invidia e dell'incapacità delle personalità più deboli intorno. È una denuncia, un manifesto a favore dell'intelligenza e della vita di per sé come progetto personale e unico di ciascuno.

  • Ma aveva vissuto anche quelle poche ore che per lui significavano più di tutte le gioie perdute dell'infanzia, ore piene di ambizione ed entusiasmo e di voglia di vincere, in cui aveva desiderato e sognato se stesso in un cerchio di esseri superiori.
  • Sarebbe stato una di quelle persone volgari e povere che disprezzava e che voleva decisamente superare.
  • Se lo avesse saputo, avrebbe potuto facilmente essere il primo.
  • Gli altri erano molto al di sotto di lui. Aveva ottenuto il suo meritato premio.
  • Era solo tormentato dall'idea di non aver raggiunto il numero uno all'esame.
  • Gli sembrava di essere ricevuto lui stesso a quell'ora nella cerchia di coloro che cercano la verità.
  • Protetto contro il terribile spettacolo della vita mondana.
  • Tutti i beni spirituali non rappresentavano altro che un valore relativo.
  • Nessuno aveva mai pensato che la scuola e l'ambizione barbara di un padre e degli insegnanti avessero condotto un essere così fragile in una situazione del genere.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.