Guadalupe Grande. 4 delle sue poesie in sua memoria

Fotografia: writers.org

Guadalupe Grande, poeta Madrileno, saggista e critiche, è morto a Madrid non appena ha iniziato questo 2021 a causa di a cardiopatia, con 55 anni. figlia unico anche dei poeti Felix Grande e Francesca Aguirre, con lei finisce un eccezionale lignaggio letterario. Nella sua memoria, va questo selezione di 4 poesie appartenente al suo lavoro.

Guadalupe Grande

Laurea in Antropologia sociale dall'Università Complutense, durante la sua carriera ha partecipato a eventi letterari come il Primo spettacolo di poesia iberoamericana e il Festival internazionale di poesia di Medellín, o il festival INVERSO di Madrid. Come critico letterario, ha lavorato a El Independiente, El Urogallo, Reseña o El Mundo, tra gli altri giornali e riviste.

Ha lavorato anche nell'area comunicazione del Teatro reale ed è stato responsabile per l'attività poetica del Università popolare José Hierro, a San Sebastián de los Reyes.

Nel 1995 le è stato conferito il Premio Rafael Alberti by Il libro di Lilith, e ha anche pubblicato i libri di poesie La chiave della nebbia, Mappe di cera y Hotel per ricci.

4 poesie

La cenere

Dizionario dell'inventario
elenca un numero preciso
calcolo di una lingua
che non possiamo capire

Dico che non c'è oblio;
c'è la morte e le ombre dei vivi,
Ci sono naufragi e pallidi ricordi
c'è paura e incoscienza
e ancora ombre e freddo e pietra.

L'oblio è solo un artificio del suono;
solo una fine perpetua che va
dalla carne alla pelle e dalla pelle alle ossa.
Così come le prime parole sono fatte d'acqua
e poi fango
e dopo la pietra e il vento.

Immediato

Camminare non è abbastanza
la polvere della strada non fa la vita
Lo sguardo lontano
Acqua su carta
e schiuma sulla parola

Sei un crack nel tempo, padre:
niente in te dura e tutto rimane.

Pronuncia la prima parola
e il disastro fu tutto uno,
in quel momento in cui ti disegniamo
il volto dei giorni.

Non potrebbe essere,
non potrebbe mai essere
non avrebbe mai potuto essere
eppure tenaci sono le ombre
nella sua vocazione di carne,
ostinato il tuo respiro
e ostinata la sua parola.
La vita non ha nome.

La traccia

Siamo una questione di stranezza
chi ci avrebbe detto
che abbiamo sofferto così tanto
Ma la nostra memoria non brucia
e non sappiamo più come morire

Memoria della vita,
memoria dei giorni e della vita,
coltello che apre il mondo
diffondendo un po 'di coraggio che non riesco a decifrare.

Memoria dei pomeriggi e della luce,
illumini lo sguardo
sei la vedetta implacabile,
la severa bussola, il testimone della prigione
che annoda il tempo nella sua prigione.

Cosa stai cercando, memoria, cosa stai cercando.
Mi segui come un cane affamato
e tu porti il ​​tuo sguardo pietoso ai miei piedi;
annusando, pernicioso, in arrivo
la traccia dei giorni che furono,
che non sono più e che non lo saranno mai.

Gli stracci della beatitudine ti vestono
e la desolazione ti ha reso prudente;
memoria della vita, memoria dei giorni e della vita.

Vicino alla porta

La casa è vuota
e il profumo della speranza malvagia
profumare ogni angolo

Chi ce l'ha detto
mentre ci stendevamo nel mondo
che avremmo mai trovato
rifugio in questo deserto.
Chi ci ha fatto credere, fidarsi,
-peggio: aspetta-,
che dietro la porta, sotto la coppa,
in quel cassetto, dopo la parola,
in quella pelle,
la nostra ferita sarebbe guarita.
Che ha scavato nei nostri cuori
e più tardi non sapeva cosa piantare
e ci ha lasciato questa fossa senza seme
dove c'è solo speranza.
Chi è arrivato dopo
e ci ha detto a bassa voce,
in un istante di avidità,
che non c'era angolo da aspettare.
Chi era così spietato, chi,
che ha aperto questo regno senza coppe,
senza porte né ore miti,
senza tregue, senza parole con cui forgiare il mondo.
Va bene, non piangiamo più
la sera scende ancora lentamente.
Facciamo l'ultimo giro
di questa misera speranza.

Fuentes: Il Mondo - Poesie dell'anima


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Che belle poesie e che donna eloquente ed esemplare.
    -Gustavo Woltmann.