Gloria Fuertes: poesie

Poesie di Gloria Fuertes

Fonte foto Gloria Fuertes: Poesie - Facebook Gloria Fuertes

Non c'è dubbio che Gloria Fuertes sia una delle scrittrici più conosciute al mondo. Le sue poesie sono quasi sempre ricordate perché siamo cresciuti con loro. Ma la verità è che era più di una poetessa per bambini. Sia la forte figura di Gloria che le sue poesie perdurano nel tempo.

ma, Chi era Gloria Fuertes? Quali sono le poesie più importanti che hai scritto? Come è stato?

Chi è Gloria Fuertes

Gloria Fuertes

Fontana. Zenda

Nelle parole di Camilo José Cela, Gloria Fuertes era un "angelo stronzo" (mi scusi). Non ha avuto una vita facile, e anche così è riuscita a scrivere alcune delle più belle poesie per bambini.

Gloria Fuertes è nato a Madrid nel 1917. È cresciuta nel quartiere di Lavapiés, in seno a una famiglia umile (madre sarta e padre portiere). La sua infanzia è stata trascorsa tra varie scuole, alcune delle quali ha raccontato nelle sue poesie.

All'età di 14 anni, sua madre la iscrive all'Istituto di Educazione Professionale per le Donne, dove ottiene due diplomi: Stenografia e Dattilografia; e quello di Igiene e Puericultura. Invece di andare a lavorare, però, decise di iscriversi a Grammatica e Letteratura.

Il tuo obiettivo e ciò che aveva sempre voluto essere, era una scrittrice. E ci riuscì nel 1932, all'età di 14 anni, quando pubblicarono una delle sue prime poesie, «Infanzia, giovinezza, vecchiaia...».

Il suo primo lavoro è stato come contabile in una fabbrica, che gli ha dato il tempo di scrivere poesie. Fu nel 1935 che ne pubblicò una raccolta, Isola ignorata, e iniziò a tenere recital di poesia su Radio Madrid. Tuttavia, non ha lasciato il suo lavoro. Dal 1938 al 1958 ha lavorato come segretaria fino a quando non è riuscita a smettere. Ed è che oltre a quel lavoro ne aveva anche un altro come redattrice in una rivista per bambini. Quel genere è stato quello che è riuscito ad aprire le porte alla fama, che gli è arrivata nel 1970 quando La televisione spagnola l'ha inserita nei suoi programmi per bambini e ragazzi e fece conoscere le sue poesie in tutto il mondo.

Infine, e poiché è una delle poesie in cui lei stessa parla della sua vita, vi lasciamo così come si è presentata.

Autobiografia

Gloria Fuertes è nata a Madrid

a due giorni di età,

Beh, il parto di mia madre è stato molto laborioso

che se è trascurato muore per vivere per me.

A tre anni sapeva già leggere

Conoscevo già il mio lavoro alle sei.

Ero buono e magro

alto e un po' malato.

All'età di nove anni sono stato catturato da un'auto

già a quattordici anni la guerra mi colse;

A quindici anni mia madre è morta, se ne è andata quando avevo più bisogno di lei.

Ho imparato a contrattare nei negozi

e andare nelle città per le carote.

Da allora ho iniziato con l'amore,

-Non faccio nomi-,

grazie a questo, sono stato in grado di farcela

la mia giovinezza di quartiere.

Volevo andare in guerra, per fermarla,

Ma mi hanno fermato a metà

Poi è uscito un ufficio per me,

dove lavoro come se fossi stupido,

"Ma Dio e il fattorino sanno che non lo sono."

scrivo di notte

e vado molto in campo.

Tutti i miei sono morti da anni

e sono più solo di me stesso.

Ho pubblicato versi su tutti i calendari,

Scrivo su un giornale per bambini,

e voglio comprare un fiore naturale a rate

come quelli che danno a volte a Pemán.

Le migliori poesie di Gloria Fuertes

Le migliori poesie di Gloria Fuertes

Fonte: Facebook Gloria Fuertes

Di seguito abbiamo compilato alcune poesie di Gloria Fuertes in modo che, se non li conosci, puoi vedere come ha scritto. E, se li conosci, sicuramente vorrai rileggerli perché sono tra i migliori della poesia.

Quando ti nominano

Quando ti nominano,

mi rubano un po' del tuo nome;

sembra una bugia,

che una mezza dozzina di lettere dice tanto.

La mia follia sarebbe disfare i muri con il tuo nome,

andrei a dipingere tutte le pareti,

non ci sarebbe un pozzo

senza che mi mostri

per dire il tuo nome,

né montagna di pietra

dove non urlerò

insegnando l'eco

le tue sei lettere diverse.

La mia follia sarebbe,

insegna agli uccelli a cantarlo,

insegna al pesce a berlo,

insegna agli uomini che non c'è niente,

come impazzire e ripetere il tuo nome.

La mia follia sarebbe dimenticare tutto,

delle restanti 22 lettere, dei numeri,

dei libri letti, dei versi creati. Saluta con il tuo nome.

Chiedi del pane con il tuo nome sopra.

- Dice sempre la stessa cosa - dicevano al mio passaggio, ed io, così orgoglioso, così felice, così allegro.

E andrò nell'altro mondo con il tuo nome sulla bocca,

a tutte le domande risponderò al tuo nome

- i giudici e i santi non capiranno niente-

Dio mi condannerebbe a dirlo senza sosta per sempre.

Vedi che sciocchezza?

Vedi che assurdità,

Mi piace scrivere il tuo nome

riempi le carte con il tuo nome,

riempi l'aria con il tuo nome;

dì ai bambini il tuo nome,

scrivi a mio padre morto

e digli che il tuo nome è così.

Credo che ogni volta che lo dico, mi ascolti.

Penso che sia buona fortuna.

Vado per le strade così felice

e non porto altro che il tuo nome.

Autobio

Sono nato molto giovane.

Ho smesso di essere analfabeta all'età di tre anni,

vergine, a diciotto anni,

martire, a cinquant'anni.

ho imparato ad andare in bicicletta,

quando non mi hanno raggiunto

piedi sui pedali,

baciare, quando non mi raggiungevano

seno alla bocca.

Ben presto ho raggiunto la maturità.

A scuola,

il primo in Urbanità,

Storia Sacra e Declamazione.]

Né Algebra né suor Maripili mi andavano bene.

Mi hanno licenziato.

Sono nato senza peseta. Ora,

dopo cinquant'anni di lavoro,

Ne ho due.

Il gallo si sveglia

Kikiriki,

Sono qui,

il gallo ha detto

Colibrì

Il gallo colibrì

era rosso,

ed era il suo vestito

di bel piumaggio.

Kikiriki.

alzati contadino,

che il sole è già lì

sulla strada.

-Kikiriki.

alzati contadino,

svegliati con gioia,

il giorno sta arrivando.

-Kikiriki.

Bambini del villaggio

svegliati con l'ole,

ti aspetta alla "scuola".

La città non ha bisogno di un orologio

il gallo vale l'allarme.

Nel mio giardino

Sull'erba gli alberi mi parlano

del divino poema del silenzio.

La notte mi sorprende senza sorrisi,

mescolando nella mia anima i ricordi.

* * *

Vento! sente!

in attesa! non andare!

Da che parte sta? Chi ha detto questo?

Baci che aspettavo, mi hai lasciato

Sull'ala dorata dei miei capelli

Non andare! Illumina i miei fiori!

E io so, tu, amico del vento messaggero;

rispondigli dicendo che mi hai visto,

con il solito libro tra le dita.

Mentre te ne vai, accendi le stelle,

hanno preso la luce, e io a malapena vedo,

e lo so, vento, malato dell'anima mia;

e portagli questo "appuntamento" con un volo veloce.

... E il vento mi accarezza dolcemente,

e lascia insensibile al mio desiderio...

Le migliori poesie di Gloria Fuertes

Fonte: Gloria Fuertes Facebook

Indovina, indovina...

Indovina, indovina...

Indovina, indovina...

Indovina, indovina:

sta cavalcando un asino

è basso, grasso e di pancia,

amico di un signore

di scudo e lancia,

conosce i detti, è intelligente.

Indovina, indovina...

Chi è? (Sancho Panza)

Preghiera

Che sei sulla terra, Padre nostro,

Che ti sento sulla punta del pino,

Nel torso azzurro dell'operaio,

Nella ragazza che ricama curva

La parte posteriore, mescolando il filo sul dito.

Padre nostro che sei in terra,

Nel solco

In giardino,

Nella miniera,

Nel porto,

Al cinema,

nel vino

A casa del dottore.

Padre nostro che sei in terra,

Dove hai la tua gloria e il tuo inferno

E il tuo limbo; che sei nei caffè

Dove i ricchi bevono la loro soda.

Padre nostro che sei in terra,

Su una panchina nella lettura del Prado.

Tu sei quel vecchio che dà le briciole agli uccelli sulla passeggiata.

Padre nostro che sei in terra,

Nella cicala, nel bacio,

Sulla punta, sul petto

Di tutti quelli che sono buoni.

Padre che abita ovunque,

Dio che penetra ogni buco,

Tu che togli l'angoscia, che sei sulla terra,

Padre nostro ti vediamo

Quelli che dobbiamo vedere dopo,

Ovunque, o là nel cielo.

Dove vai, falegname? (CAROLA)

-Dove vai falegname

con la nevicata?

-Vado in montagna a fare legna

per due tavoli.

-Dove vai falegname

con questo gelo?

-Vado in montagna per la legna da ardere,

mio padre aspetta.

-Dove stai andando con il tuo amore

Figlio dell'alba?

-Salverò tutti

quelli che non mi amano.

-Dove vai falegname

così presto la mattina?

-Vado in guerra

per fermarlo.

Sul bordo

Sono alto;

nella guerra

Devo pesare quaranta chili.

Sono stato sull'orlo della tubercolosi

ai margini della prigione,

sull'orlo dell'amicizia,

ai confini dell'arte,

sull'orlo del suicidio,

sull'orlo della misericordia,

sull'orlo dell'invidia,

sull'orlo della fama,

ai margini dell'amore,

sul bordo della spiaggia,

e, a poco a poco, mi ha fatto venire sonno,

e qui sto dormendo sul bordo,

sul punto di svegliarsi.

coppie

Ogni ape con la sua compagna.

Ogni anatra con la sua zampa.

A ciascuno il suo tema.

Ogni volume con la sua copertina.

Ogni ragazzo con il suo tipo.

Ogni fischio con il suo flauto.

Ogni fuoco con il suo sigillo.

Ogni piatto con la sua tazza.

Ogni fiume con il suo estuario.

Ogni gatto con il suo gatto.

Ogni pioggia con la sua nuvola.

Ogni nuvola con la sua acqua.

Ogni ragazzo con la sua ragazza.

Ogni ananas con il suo ananas.

Ogni notte con la sua alba.

Il cammello

Il cammello è stato punto

con un cardo stradale

e il meccanico Melchor

gli ha dato del vino.

Balthazar

è andato a fare rifornimento

oltre il quinto pino...

e il grande Melchiorre era inquieto

consultò il suo "Longino".

-Non siamo arrivati,

non siamo arrivati,

ed è arrivato il Santo Parto!

-sono le dodici e tre minuti

e tre re sono andati perduti.

Il cammello zoppo

più mezzo morto che vivo

la sua peluche si insinua

tra i tronchi degli ulivi.

Avvicinandosi a Gaspare,

Melchiorre gli sussurrò all'orecchio:

-Buona birra di cammello

che in Oriente ti hanno venduto.

All'ingresso di Betlemme

il cammello singhiozzò.

Oh che tristezza così grande

nel suo belfo e nel suo tipo!

La mirra stava cadendo

lungo il cammino,

Baltasar porta le casse,

Melchiorre stava spingendo l'insetto.

E già all'alba

-gli uccelli stavano già cantando-

i tre re rimasero

a bocca aperta e indecisa,

sentire parlare come un uomo

a un neonato.

-Non voglio oro o incenso

né quei tesori così freddi,

Amo il cammello, lo amo.

Lo amo, - ripeté il Bambino.

A piedi i tre re tornano

abbattuto e afflitto.

Mentre il cammello si sdraia

solletica il bambino.

Nella mia faccia tonda

Nella mia faccia tonda

Ho gli occhi e il naso

e anche una piccola bocca

parlare e ridere.

Con i miei occhi vedo tutto

con il mio naso faccio achis,

con la mia bocca come come

Popcorn.

povero asino!

L'asino non smetterà mai di essere un asino.

Perché l'asino non va mai a scuola.

L'asino non diventerà mai un cavallo.

L'asino non vincerà mai le gare.

Qual è la colpa dell'asino che è un asino?

Nella città dell'asino non c'è scuola.

L'asino passa la vita a lavorare,

tirare una macchina,

senza dolore né gloria,

E i fine settimana

legato alla ruota panoramica.

L'asino non sa leggere,

ma ha memoria.

L'asino arriva per ultimo al traguardo,

Ma i poeti cantano per lui!

L'asino dorme in una capanna di tela.

Non chiamare asino l'asino,

chiamalo "aiutante dell'uomo"

o chiamalo persona

Conosci altre poesie che vale la pena ricordare di Gloria Fuertes?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.