Giornata degli scrittori. Quanti ne abbiamo letti?

Una signora che scrive - Johannes Vermeer

Una signora che scrive - Johannes Vermeer

Oggi, 17 ottobre, celebriamo la Giornata degli scrittori, anche se potrebbe essere celebrata tutti i giorni perché c'è sempre motivo di leggerne una. Ce ne sono così tanti da evidenziare, recensire o consigliare che non finiremmo mai. Quindi do una rapida occhiata a quelli che sono stati in grado di apprezzarmi, influenzarmi e ispirarmi di più. Forse condividiamo i Mi piace.

Da Safo o il giapponese Murasaki Shikibu alla recente vincitrice del Planet, Dolores Redondo, ha piovuto molto. Ora, la manciata di poeti, scrittori, sceneggiatori, giornalisti straordinari e di successo è già un mucchio senza numero. Anche se c'è sempre l'eterna questione di se leggi più a loro che a loro. Ciascuno dia la sua risposta. Cominciamo.

Credo che tutta la nostra infanzia, o almeno tutta, Abbiamo letto le fiabe di Sophia Fyodorovna Rostopchina, la contessa di Ségur. E un po 'più grandi, sicuramente non ci perdiamo nessuna avventura dei Cinque. Le ragazze in particolare studiano non solo nelle nostre scuole, ma anche a Santa Clara e Torres de Malory, con i tanti compagni di classe creati dal prolifico scrittore inglese. Enyd Blyton.

E non lasciamo la Gran Bretagna perché in quell'adolescenza liceale più di una abbiamo scoperto il ricco ed elegante Mr. Darcy, il blando e tormentato ma paradigma del romantico più vittoriano che è Mr. Rochester. O il coraggioso e discreto colonnello Brandon che finge di essere la sognante Marianne Dashwood. Tutti fuori dalle menti di Jane Austen e Charlotte Brontë, mentre mi fanno notare, che tra queste sorelle e Austen e tutti i personaggi meravigliosi che hanno ideato, posso già mescolare Heatcliff di Emily con Emma nella stessa storia.

Potremmo ugualmente godere della natura e dell'amore più innocente e puro tra due fratelli indimenticabili, quelli che hanno creato Emilia Pardo Bazán nel suo così galiziano I Pazos de Ulloa. Mi sono appassionato al genere che più mi piace grazie alla regina del mistero, della suspense e del crimine, Agatha Christie. Nessuno può negare che a casa non ci sia una libreria con i libri di quella collezione.

Agatha Christie

Agatha Christie

Non lascio un libro che mi è piaciuto molto, anche se la letteratura fantastica non è la mia devozione. Il Re dimenticato Gudú, di Ana Maria Matute ha un posto privilegiato nella mia memoria.

Poi scopri e leggi le storie in un modo più "adulto". Di quelli che evidenzio Amato maestro, di Rosa Montero, che seguo molto nel suo ruolo di editorialista. Lei e Soledad Puértolas compongono una delle mie coppie di scrittori preferite.

Rosa Montero e Soledad Puértolas

Rosa Montero e Soledad Puértolas

lamentably il mio rapporto non è più così stretto con scrittrici, diciamo, media o bestseller. Devo confessare che non mi sono innamorato dei trucchi magici di Harry Potter di JK Rowling, né mi ha dato la febbre da vampiro di succhiasangue decaffeinato Stephanie Meyer (nemmeno nel più oscuro di Riso Ann). Né vengo dalle ombre di EL James. Ma lo attribuisco alla mia certa età e alla mia piccola passione per quei generi. Tuttavia, tolgo il cappello al suo lavoro e ai suoi successi.

Proprio come lo tolgo davanti alla pletora di autori di romanzi gialli che si sono fatti strada in questo genere difficile. Per citarne alcuni, il nordico Camilla Läckberg, Mari Jungstedt o Åsa Larsson; il francese Fred Vargas, il cui curatore Adamsberg è uno dei miei preferiti; il britannico Mo hayder (essenziale per scoprire il suo detective Jack Caffery) o il tedesco Nele neuhaus Hanno creato una nicchia importante e meritata in un panorama nero che i loro colleghi maschi dominano, o vogliono dominare. Ovviamente qui abbiamo Dolores Redondo, che con la sua trilogia di Batzán e il suo recente Planet si distingue meritatamente.

Camilla Låckberg, Mari Jungstedt, Åsa Larsson, Fred Vargas, Mo Hayder, Nele Nauhaus

Camilla Låckberg, Mari Jungstedt, Åsa Larsson, Fred Vargas, Mo Hayder, Nele Nauhaus

Vengo lasciato per ultimo da uno scrittore che mi ha ispirato molto quando scrivevo uno dei miei romanzi. Ho un affetto molto particolare per lui perché ricordo di aver visto i suoi libri sugli scaffali di casa mia da quando ho memoria. Ne ho letto alcuni quando ero piccolo e li ho riletti non molto tempo fa. Riguarda Perla S. Buck, lo scrittore, giornalista, attivista e sceneggiatore americano che ha trascorso quarant'anni in Cina. Ha vinto un Pulizter nel 1932 ed è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1938.

Ad ogni modo, potrei andare avanti all'infinito ma loro (noi) meritiamo più di uno speciale, giusto?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

6 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gaby buj suddetto

    Rochester è uscita dalla mente di Jane Austen? Veramente? E io che ho sempre creduto che fosse stato creato da Charlotte Brontë ...

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Grazie per la nota, Gaby. Rettificato e chiarito. Che tra tanti bravi personaggi come hanno creato l'uno e l'altro, già li attribuisco e li mescolo senza vergogna.

  2.   Isabel suddetto

    Ci sono anche super saldi che leggono bene. Mi piacciono molto Matilde Asensi e Julia Navarro, soprattutto quest'ultima, che con "Dimmi chi sono" mi ha fatto perdere il conto dei giorni e delle ore per finire il mio "culo" come se fosse un libro tascabile leggero.
    Maruja Torres, sia nella stampa che nei suoi libri, è un altro valore sicuro. La sua ironia e la sua età gli permettono di parlare di tanti argomenti che altri non oserebbero toccare o sotto pena di morte.
    Non posso con Lucía Etxebarria o Mercedes Abad. Sono già abbastanza grande per ricevere lezioni.

    1.    Mariola Diaz-Cano Arevalo suddetto

      Isabel, siamo d'accordo su Navarro e il suo "Dimmi chi sono" e anche su Torres, che mi piace molto sulla stampa. Anche in Etxebarría o Abad. Oh, avrei voluto dare più spazio a quanti sono.

    2.    Pedro suddetto

      Ottima lista, manca solo, a mio modesto parere: Santa Teresa. Allo stesso modo, come descrivi i personaggi degli scrittori britannici. Il caso delle tre sorelle Brontë, almeno per quanto ne so, è senza dubbio il più talentuoso degli scrittori all'interno della stessa famiglia, nella storia della letteratura. Saluti.

  3.   Nurilao suddetto

    Recensione femminile molto buona. Chi non ha letto di enanuja Enyd Blyton. Chi non è stato entusiasta delle donne vittoriane. E condivido con te, Mariola, la brava donna nera che sta facendo adesso da mani femminili. Ingresso molto buono !!!!