Vicente Blasco Ibáñez festeggia il suo compleanno. Alcune frasi delle sue opere

Ritratto di Blasco Ibáñez. Antoni Fillol i Granell (1900).

don Vicente Blasco Ibáñez è oggi il giorno del suo compleanno. Proprio ieri era il 90 ° anniversario della sua morte, ma senza dubbio è sempre molto meglio festeggiare le nascite. Quindi oggi ricordo questo scrittore valenciano con a guarda il suo lavoro e selezione di alcune frasi che troviamo in esso.

Vicente Blasco Ibáñez

È uno degli autori più popolare tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. La sua opera può essere considerata appartenente al naturalismo, ma ha anche elementi costumisti.

Ha studiato giurisprudenza, ma la sua carriera si è presto spostata verso il scrittura e politica. Era un sostenitore e difensore del repubblica ed è stato al Congresso dei Deputati in due occasioni. Non apparteneva a nessun movimento letterario, ma sviluppò una corrente chiamata blasismo che è stata la ragione del suo esilio in paesi come l'Italia o la Francia.

Gran parte del suo lavoro riflette perfettamente il Società valenciana dell'epoca come La baracca Canne e fango, ma con il grande successo a livello internazionale I quattro cavalieri dell'Apocalisse. Era un'opera venduta in tutto il mondo e trasformata in pellicola due volte.

Più I quattro cavalieri dell'Apocalisse, altre opere sono state portate al cinema come Sangue e sabbiaMare NostrumIl torrente o Tra gli aranciE inoltre I morti camminano y La maja nuda. E ovviamente dobbiamo evidenziare il file adattamenti televisivi di La baracca o Canne e fango Negli anni 70 e, più recentemente, Tra gli aranci o Riso e tartana.

Alcune frasi delle sue opere

La baracca

  • Erano più soli che in mezzo al deserto; il vuoto dell'odio era mille volte peggiore di quello della Natura.
  • Questa stanza, buia e umida, emanava un vapore di alcol, un profumo di mosto, che inebriava il naso e disturbava gli occhi, facendo pensare che l'intera terra sarebbe stata ricoperta da un diluvio di vino.
  • Come ha trovato anche nel suo ufficio, la povera huertana è entrata coraggiosamente nei vicoli sporchi, che a quell'ora sembravano morti. Sempre, entrando, provava un certo disagio, un disgusto istintivo per uno stomaco delicato. Ma il suo spirito di donna onesta e malata seppe superare questa impressione, e lei proseguì con una certa vanità superbia, con l'orgoglio di una femmina casta, consolandosi nel vedere che lei, debole e sopraffatta dalla miseria, era ancora superiore per gli altri.
  • Tegolava il frutteto al crepuscolo. Sullo sfondo, sopra le montagne scure, le nuvole erano colorate del bagliore di un fuoco lontano; in riva al mare le prime stelle tremavano all'infinito; i cani abbaiavano tristemente; con il monotono canto delle rane e dei grilli si confondeva lo stridio di macchine invisibili che si allontanavano su tutte le strade dell'immensa pianura.

Canne e fango

  • La foresta sembrava ritirarsi verso il mare, lasciando tra essa e l'Albufera un'estesa pianura ricoperta di vegetazione selvaggia, a tratti lacerata dalla cortina liscia di piccole lagune.

I quattro cavalieri dell'Apocalisse

  • Dove un uomo fa fortuna e costituisce la sua famiglia, lì è la sua vera patria.
  • Evviva la pace, il francese e la vita semplice! Quando un uomo può vivere comodamente e non corre il rischio di essere ucciso da cose che non capisce, ecco la sua vera patria!

Gli alberi di arancio

  • Gli aranci, ricoperti dal tronco alla sommità di fiori bianchi con la nitidezza dell'avorio, sembravano alberi di vetro filato.

Gli argonauti

  • Il mio dio non mi conosce, non conosce nessuno. È cieco e sordo agli umani, così come lo sono le forze della natura.

Oriente

  • Beati i popoli che mancano di immaginazione! La loro sarà la tranquillità e le virtù volgari!
  • Quando viaggi, lasci le città, non importa quanto sia piacevole, con una sensazione di gioia. È la curiosità che si risveglia, l'istinto ancestrale di cambiamento e movimento, che portiamo in noi come eredità dei nostri lontanissimi nonni, instancabili nomadi del mondo preistorico, cosa ci sarà oltre? Cosa ci aspetta nella prossima fase?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.