Francisco Narla. 10 domande per l'autore di Lain il bastardo.

Foto dell'autore: francisconarla.com

Francisco Narla È uno dei nostri migliori narratori di romanzi storici e ha un nuovo romanzo. Lain il bastardo è stato pubblicato a marzo ed è il vincitore del primo premio a Edhasa Historical Narrative. Sii solo nel passato Saint Jordi ed è ancora in fase di promozione. La prossima tappa sarà Fiera del libro di Madrid che inizierà alla fine di questo mese e dove chi scrive ne firmerà le copie già accese 9 e 10 giugno.

Non è la prima volta che Narla chatta con noi. Ora sei stato così gentile da rispondermi a queste 10 domande sulle tue letture, sui tuoi autori, sui tuoi nuovi progetti, sui consigli del tuo scrittore e sulla tua opinione sulla scena editoriale. Quindi di nuovo ti ringrazio molto da qui per il tuo tempo e spero di salutarti in quella Feria de Madrid.

1. Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

La verità è questa no, anche se suppongo che sarebbe un fumetto, quando ero molto piccolo amavo i fumetti Mortadelo e Filemon, Ho ancora una vasta collezione. E la verità è che di tanto in tanto ne rileggo alcuni e continuo a godermi le loro folli avventure.

Anche se suppongo che la domanda si riferisca al primo romanzo che ho letto e non mi è chiara neanche. Ricordo vagamente alcuni libri per bambini, anche se ricordo chiaramente le storie di Sandokan che mia nonna paterna mi ha regalato, da uno di Jules Verne, come Miguel Strogoff, anche dalla serie di i tre ricercatori de Hitchcock, quella di James Bond ... E, naturalmente, i romanzi d'avventura di Alberto Vazquez-Figueroa. Ho letto molto.

Per quanto riguarda la prima storia che ho scritto, non la ricordo neanche io, la verità è che l'ho fatta da quando ero bambino e non potevo specificare. Si potrebbe solo aggiungere che lo è qualcosa di così personale che non riesco a ricordare senza qualcosa in attesa di mettere su carta. Ho iniziato molto presto, prima di dieci anni portare sempre con me un taccuino in cui scrivere.

2. Qual è stato il primo libro che ti ha colpito e perché?

Nemmeno io lo ricordo. I libri sono sempre stati i miei migliori amici e non so dire quale sia stato il primo nello specifico. Posso dire che quel genere di avventura di cui parlavo anche nella domanda precedente mi ha segnato molto. Ha realizzato il file voglia di viaggiare, conoscere luoghi esotici, vivere esperienze incredibili, come gli eroi di quei romanzi della giovinezza.

3. Chi è il tuo scrittore preferito? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

Non so mai come rispondere a questo tipo di domande, Ho difficoltà a decidere su uno in particolare, ci sono molti. Inoltre, nel mio caso, le preferenze sono cambiate nel corso degli anni. Suppongo che, come molti altri lettori, ci siano stati classici che non ho potuto apprezzare fino alla maturità.

Ma ehi, cercherò di dare un elenco più o meno cronologico con alcuni di essi. Naturalmente, alcuni rimarranno in cantiere.

Homero, Julio César, la suora Egeria, Ramón Lull, Erasmo de Róterdam, Quevedo, Rosalía de Castro, Unamuno e per i contemporanei aggiungerò un pugno di quelli che non sono più con noi, poiché per quelli che stanno ancora scrivendo li metteremo da parte, per non entrare in giardini troppo fangosi. Vediamo, Delibes è senza dubbio un riferimento, Blasco Ibáñez, mittente...

Le verità sono tante e non si può dire che io sia un mitomane.

4. Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

Non credo che mi sarebbe piaciuto incontrare nessuno di loro, se fosse possibile toglierebbe molta magia, rovinerebbe la relazione. Ma ti tradirò per rispondere, mi sarebbe davvero piaciuto incontrare Antoine de Saint-Exupéry, che non solo ha scritto il meraviglioso Il piccolo principeInvece, si è fatto un personaggio nella sua commedia.

Per quanto riguarda il personaggio che mi sarebbe piaciuto creare, la verità è che Non ne ho idea, ma non credo sia un buon modo per affrontarlo, qualsiasi personaggio famoso lavora come un binomio con il suo autore, se fossero stati scritti da altri, non avrebbero raggiunto il successo o la rilevanza dell'originale.

5. Hai qualche hobby quando si tratta di scrivere o leggere?

Per quanto riguarda scrivere: no per niente, mi adatto facilmente a qualsiasi condizione e la verità è che mi interessa solo fare del mio meglio. Cerco sempre di migliorare, che ogni romanzo è un passo avanti.

Per quanto riguarda la lettura: o. Ci provo e basta leggere il più possibile, anche ciò che non mi piace. Aggiungo solo che lo scrittore deve sforzarsi di leggere da una prospettiva diversa rispetto al lettore che cerca di riempire il suo tempo libero. Chi scrive, secondo me, dovrebbe provare a leggere analizzando il testo, per imparare da esso.

6. E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

Non particolarmente, anche se mi piace molto leggere all'aperto, Vivo in campagna e mi piace molto leggere nella foresta.

Posso anche aggiungere che, nonostante stiano iniziando a rafforzarsi ora in Spagna, lo sono molto appassionato di audiolibri per anni, da prima che questa effervescenza fosse sperimentata. Uso gli audiolibri durante i viaggi in macchina da molti anni (percorro parecchi chilometri all'anno).

7. Quale scrittore o libro ha influenzato il tuo lavoro di autore?

Muchos, Molti. E non solo quelli che mi piacciono, ma anche quelli che non mi piacciono. In tutti i casi serve per imparare. Sono appresi da tutti, anche dai manoscritti incompiuti dei neofiti. Devi essere modesto, abbassa la testa e lasciati istruire da ciò che leggi.

8. I tuoi generi preferiti?

Leggo tutto e non ho hobby. Inoltre il genere è solo un modo per ordinare gli scaffali nelle librerie, la maggior parte dei romanzi sono, come si suol dire, trasversali.

9. Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

Sto leggendo una guida agli uccelli rapaci da Immagine segnaposto Antonio Manzanares, un libro sulla storia dei re di León de Ricardo Chao Prieto (Ho appena finito Cipotudas Lives di Jorge Robles) e per quanto riguarda i romanzi, in questo momento sto leggendo L'orologiaio di Puerta del Sol di Emilio Lara e non vedo l'ora di dare uno sguardo all'ultimo di Antonio Perez Henares.

10. Come pensi che sia la scena editoriale per tanti autori quanti sono o vuoi pubblicare?

Il panorama editoriale è complicato dal contrazione degli ultimi anni, le vendite sono diminuite in modo allarmante e il fenomeno di pirateria peggiora tutto. Questo crea una vetrina, piena di bordi e specchi, che è molto difficile da descrivere in poche righe.

La verità è che a volte ne ho la sensazione le persone vogliono scrivere ma non leggere. È divertente, mi imbatto in scrittori per la prima volta che leggono a malapena e, onestamente, non lo capisco.

In ogni caso, poiché credo che ciò che ci si aspetta da me sia dare consigli ai nuovi arrivati, lo dirò è importante perseverare; la leggenda narra che Bukowski abbia intonacato il bagno con rifiuti editoriali. Non arrenderti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.