Figure retoriche

Figure retoriche

Hai mai sentito parlare di figure retoriche? Sono molto comuni in poesia e infatti vengono spesso utilizzati senza accorgersene, conferendo ai testi una bellezza diversa, al di là dell'immagine o del sentimento che offre. In effetti, non sono solo uno strumento per la poesia, possono essere utilizzati anche in altri generi letterari.

ma, Cosa sono le figure retoriche? E quanti sono? Tutto questo, e alcuni esempi per chiarirti, è ciò di cui parleremo oggi con te in modo che tu non abbia dubbi sul loro concetto o su come trovarli nei diversi testi letterari.

Cosa sono le figure retoriche

Le figure retoriche, chiamate anche figure letterarie, non sono altro che strumenti o modi di usare le parole. Si chiamano così perché quello che fanno queste figure è che le parole acquistano bellezza, espressività, vita… in altre parole, cercano che le parole eccitino, sorprendono, spaventano… il lettore o l'ascoltatore che le ascolta.

Normalmente, ci vuole più di una parola per ottenere questo risultato, poiché è la creazione di frasi o una combinazione di parole che ottiene questo effetto.

Inoltre, qualcosa che non molti riconoscono è che, sebbene le figure retoriche sono strettamente legate alla poesia, la realtà è diversa. Questi possono anche essere presenti in altri generi, come il dramma, il saggio o anche la narrativa. Inoltre, anche in linguaggio colloquiale si possono trovare rappresentazioni di personaggi letterari, con espressioni o svolte.

Ma quali sono queste cifre? Ne parliamo di seguito.

Cosa sono le figure retoriche

Tipi di figure retoriche (ed esempi di esse)

Attualmente, ci sono più di 250 diverse figure retoriche, molti di loro oggi sono quasi sconosciuti a chi non è "studioso" di letteratura. Pertanto, parlare di tutti loro è molto complicato, poiché tenderemmo a annoiarti. Ma possiamo commentare alcune delle figure più usate e comuni nella letteratura, sia poetica che narrativa. E sono questi:

metafora

La metafora può essere intesa come a somiglianza che viene fatta tra due immagini, concetti, idee, ecc.

Ad esempio:

"I suoi occhi sono oscurità." In questo caso, indica che il colore degli occhi è nero, ma non ha realmente usato quella parola ma un'altra che poeticamente (o sonicamente) dice lo stesso ma aggiunge bellezza al testo.

Tipi di figure retoriche (ed esempi di esse)

Simile o confronto

È simile al precedente, ma in realtà diverso. Si riferisce alla creazione di un file rapporto di due elementi e da dire in cosa possono essere confrontati.

Ad esempio:

"È freddo come il ghiaccio."

"Gli cadde addosso come un'aquila sulla sua preda."

In entrambi i casi, ciò che si fa è confrontare un'azione, o un modo di essere, con qualcos'altro che ci dà chiaramente un esempio di ciò che accade. Questa figura retorica consente alla persona di evocare quel confronto e quindi sperimentare quei "sentimenti" dando un esempio di come dovrebbero sentirsi.

Figure retoriche: personificazione

La personificazione è una delle figure retoriche più utilizzate. Ed è fatto perché la personalità è data a un concetto oa un obiettivo. Ad esempio:

"La macchina si lamentava."

"L'allarme ha gridato."

Il vento gentile.

In realtà nulla di ciò che abbiamo detto può farlo, ma è comune vederlo nei testi, specialmente nella narrativa (nella fantasia, ad esempio, o nella finzione).

Figure retoriche: Hyperbaton

L'iperbate è in realtà un file figura retorica che altera l'ordine delle parole. Questo è qualcosa di comune nella poesia, poiché in questo modo è più facile costruire una rima o anche il metro. Ma non dobbiamo andare a questo per dare l'esempio. In effetti, c'è un certo personaggio di Star Wars, Yoda, che cambia l'ordine delle parole e che, senza rendersene conto, ci mostra cos'è un'iperbone.

Esempi di questa figura sono i seguenti:

"Se ricordo bene…". Invece di "Se ricordo bene ...".

"Ho paura che tornerà." Invece di "Ho paura che torni".

Tipi di figure retoriche (ed esempi di esse)

Figure retoriche: onomatopea

L'onomatopea nelle figure retoriche si riferisce al rappresentazione scritta di un suono. Ad esempio, quando un cane abbaia, fa "Wow" o quando viene "cliccato" un pulsante. Sono modi per far capire alla persona e anche per sperimentare lo stesso suono nella sua mente, ed è una risorsa ampiamente utilizzata, specialmente nella narrativa.

Ironia

L'ironia è qualcosa che teniamo molto a mente, non solo nei testi letterari, ma anche nella nostra vita quotidiana, attraverso le nostre conversazioni. Sono frasi che vogliono smascherare l'altra persona, ma senza insultarla, ma usando le solite parole, un velo di rabbia viene calata su di loro.

Ad esempio:

"Mi stavo godendo il pomeriggio mentre aspettavo che mi chiamassi." In questo caso si cerca di focalizzare l'attenzione sul pomeriggio passato in attesa di una chiamata che non è mai arrivata e che, indirettamente, l'ha resa noiosa.

Figure retoriche: iperbole

Questa cifra si riferisce a un file esagerazione o diminuzione esagerata di qualcosa. Ad esempio:

"Ho chiesto il tuo perdono mille volte." Quando in effetti potrebbe non essere il numero esatto che ha.

"Fino all'infinito e oltre." È un'espressione che viene usata spesso nel romanticismo (anche se il primo riferimento ad essa potrebbe venire dal film "Toy Story") ma davvero andare oltre l'infinito è impossibile.

Figure retoriche: Anafora

L'anafora è in realtà una ripetizione di alcune parole per dare maggiore enfasi alla frase o al paragrafo in cui è scritta.

Ad esempio:

Sa tutto. Fa tutto bene. Lui, sempre lui.

Allitterazione

Si riferisce a una ripetizione, non delle parole, come nel caso precedente, ma di uno o più suoni simili. In questo caso, è come se stessi usando parole che portano le stesse sillabe. Per esempio:

"Infame folla di uccelli notturni". Come puoi vedere, qui il tur si ripete, in folla e di notte, e durante la lettura il testo è dotato di bellezza ed espressività.

Figure retoriche: ossimoro

Questa figura poco conosciuta ma ampiamente utilizzata è in realtà un modo per generare una contraddizione o un'incoerenza in una frase.

Ad esempio:

"Meno è meglio".

"Silenzio assordante."

"Urla silenziose."

Infine, ti lasciamo il elenco di tutte le figure retoriche che esistono nella lingua spagnola.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.