Félix Garcia Hernan. Intervista all'autore di Pastors del mal

Fotografia: Félix García Hernán, profilo Facebook.

Félix Garcia Hernan, di Madrid nel 55, è albergatore di professione, ma scrive anche. E dopo Scava due fosse (2020), che è stato ben accolto dalla critica e dal pubblico ed è sulla strada per la produzione cinematografica, ora presenta pastori del male, che va anche al cinema. In questo intervista Ci racconta di lei e di altre cose. Grazie mille per il tempo dedicato e la gentilezza.

Felix Garcia Hernan— Intervista

  • LETTERATURA ATTUALE: Il tuo nuovo romanzo si intitola pastori del male. Cosa ci racconti a riguardo e da dove nasce l'idea?

Félix Garcia Hernan Mi sono sempre chiesto cosa si nascondesse dietro una delle mostruosità più miserabili del genere umano: il abusi sui minori. Mentre facevo ricerche per documentarmi per un futuro romanzo, ho scoperto di cosa avevo paura. Come nel resto dei flagelli che dobbiamo subire (droga, traffico di armi e di esseri umani, ecc.), dietro si nasconde sempre la stessa cosa, alcuni mafie Vogliono solo guadagnare finanziariamente. Ma sono stato anche molto chiaro fin dall'inizio dovrebbe essere molto sottilee che, data la natura spinosa dell'argomento, se il lettore dovesse soffrire, dovrebbe farlo più per ciò che non dico che per ciò che dico. Fortunatamente, dalle prime recensioni hanno fatto eco che avevo raggiunto il mio scopo.

  • AL: Puoi tornare al primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

FGH: Mi piace questa domanda. Più del primo libro che ho letto, quello che ricordo molto chiaramente è il primo che mi ha messo fuori combattimento. Non c'è avventura come la lettura Les Miserables quando hai ancora 13 anni, credi ancora negli dei e, per la prima volta, scopri l'amore (Cosette) e la gelosia (Marius).

Circa la prima cosa che ho scritto, Mi vergogno a dire che non l'ho fatto prima già molto vecchio. Il mio lavoro come direttore d'albergo mi ha talmente assorbito che non ci ho nemmeno pensato. A 58 anni, e già più liberato, ho potuto catturare su carta a storia che mi passava per la testa e che non aveva niente a che fare con gli hotel, ma con uno dei miei passioni, opera.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche.

FGH: In passato, senza dubbio il grande maestro dei gialli in questo paese, Manuel Vazquez Montalban, Manuel Delibes e William Somerset Maughan. E ora mi piacciono molto Enrico Fiamme, Raffaello Melero y luigi rosso.

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

FGH: Chiaramente Quasimodo. Difficile trovare un personaggio così ben delineato, così piccolo manicheo e con così tanti spigoli.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

FGH: Scrivo senza scala, con alcune note dove annoto nomi e date. All'inizio di un romanzo ho solo un'idea chiara dell'ambientazione e un'idea piuttosto nebulosa della trama. penso che il modo migliore per il lettore di non indovinare il finale è che nemmeno l'autore lo sappia finché non lo scrivi.

Per quanto riguarda il lettura, Ho bisogno di essere concentrato. Allo stesso modo la musica mi aiuta molto a scrivere, quando leggo mi distrae da quello che ho tra le mani.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

FGH: scrivi al mattino e dedicare i pomeriggi alla correzione. lettura di notte e nel letto. È il modo migliore per iniziare a sognare prima di addormentarsi.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

FGH: Sì. Mi piace molto la lletteratura tradizionale e storica.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

FGH: Ebbene, in questo momento sto leggendo un romanzo storico che mi ha commosso tanti anni fa e che continua ad essere attualissimo: Il Dio della pioggia piange sul Messicodi Laszlo Passuth.

Sto dando l'ultimo Revisiono le bozze di bozza del mio prossimo romanzo, che uscirà a settembre, partecipando alle riprese di Delfini d'argento, dove sono co-sceneggiatore con il regista Javier Elorrieta e con Rodolfo Sancho nel ruolo di Javier Gallardo, e inizio a delineare il Sceneggiatura di pastori del male, i cui diritti sono stati acquisiti da Atlantia Films per una produzione imminente.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale e cosa ti ha deciso di provare a pubblicare?

FGH: Non noto molta differenza tra adesso e quando sono entrato in questo mondo, sette anni fa. Quando ho deciso di pubblicare, non avrei mai immaginato che sarebbe stato così complicato e che avrei trovato così tanta concorrenza. Forse questa è una delle attività in cui il fortuna ha tanto peso. Fortuna di cui hai bisogno fin dall'inizio per realizzare forse la cosa più difficile: essere letto da chi alla fine ti deve pubblicare.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

FGH: Scusa se sono così poco originale, ma non potrei essere più d'accordo con l'aforisma che una crisi è sempre un'opportunità. È interessante notare che la trama del mio prossimo romanzo ha molto a che fare con la tua domanda..


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.