Falcó, di Arturo Pérez-Reverte. "Zoppico secondo il piede che mi calpestano."

Falcó, l'ultimo romanzo di Arturo Pérez-Reverte.

Falco, l'ultimo romanzo di Arturo Pérez-Reverte.

Questa è la frase che può riassumere il carattere morale del nuovo personaggio creato da Arturo Pérez-Reverte. Quello, o quello il suo capo, l'Ammiraglio, gli dice una notte quando lo vede in uniforme: "Va bene che tu appaia rispettabile di tanto in tanto, tanto per cambiare". Altrimenti, è la spia più attraente, elegante, efficiente e mortale. Nella Spagna del 1936, da poco presa in armi, nessuno come lui bighellonava sulla nave cainita travestito da idealismi in cui il paese è diventato.

In vendita dallo scorso 19 ottobre, L'ho preso quattro giorni fa, quelli che mi hanno portato a leggerlo. E sarebbe stato in meno tempo se il mio spirito particolare fosse stato più concentrato sul piacere della lettura. In ogni caso, È un romanzo breve pero non mi ha né emozionato né emozionato. E ha materiale per entrambi. Anche se ribadisco che gran parte di questa modesta opinione è dovuta al mio attuale spirito di lettura. O che ho già letto troppo simili. Quelli di noi che ammirano Reverte di solito amano il suo modo di raccontare la vita, ma questa volta ho voluto di più.

A proposito di Lorenzo Falcó

Ho letto quasi tutti i romanzi di Reverte, anche se devo ammetterlo da qualche anno preferisco la sua causticità, coraggio e modi di editorialista piuttosto che di scrittore. Quindi lo seguo di più sulla stampa con il suo Brevetto di corso e alla festa che di solito sono i suoi interventi su Twitter. Ma cerco di leggere ogni nuovo romanzo e questo Falco Ha attirato la mia attenzione più delle precedenti.

Per Falcó, parole come patria, amore o futuro non avevano senso.

Né patria, né bandiera, né amore, né onore né vergogna. Falcó è interessato solo a vivere la vita nel miglior modo possibile e con il meglio a portata di mano: lussi di ogni tipo e donne che cercano di farli bandiera. Ex trafficante di armi, agente dei servizi di intelligence e qualsiasi altra cosa sia coinvolta, purché implichi avventura e guadagno personale. Il tutto con pochi o nessun scrupolo.

Così, nell'autunno del 1936, Falcó lavorò per lo SNIO -National Information and Operations Service- e Gli affidano una missione delicata: far uscire dal carcere di Alicante un prigioniero molto importante per i cittadini. Per fare questo, avrà una squadra di falangisti (giovani e idealisti) che dovrà guidare. Ma niente e nessuno sarà quello che sembrano. Forse perché nella vita, e ancora di più nella vita in guerra, tutti possiamo smettere di essere ciò che siamo.

In tempi come questi, essere un lupo era l'unica garanzia. E non sempre. Ecco perché è stata utile una discreta pelliccia marrone. ha aiutato a sopravvivere. Per muoversi inosservati nella notte e nella nebbia.

Stile inconfondibile

Perez-Reverte racconta una storia di neri e spie conosciute mille volte a suo modo e stile, ben noto anche a chi di noi lo legge: frasi brevi intervallate da frasi più lunghe con apposizioni descrittive; dialoghi molto buoni, soprattutto quelli di Falcó e del suo capo, l'Ammiraglio, per me il personaggio migliore o quello che mi è piaciuto di più; e una trama con ritmo e colpi di scena che puoi anticipare (o meno). In tutta la narrazione il solito timbro dell'autore: la sua lucidità e conoscenza della condizione umana.

Definire Falcó un eroe o un antieroe è sciocco. Confrontalo anche con il personaggio per eccellenza di Pérez-Reverte, il capitano Alatriste. Lo scrittore di Cartagena ora preferisce prendere il carico più pesante dal suo zaino vitale, che ovviamente sono pochissimi che condividono al loro livello.

La mia libreria Pérez-Reverte

La mia libreria Pérez-Reverte

I miei ma

Che, lettore abituale del genere nero più nero, non ho sentito di avere nulla di nuovo tra le mani. Ci sono molti mascalzoni come Falcó, e presentarli in un conflitto banale come la guerra civile spagnola, non aiuta neanche il fattore novità. Sappiamo tutti che non sono mancati mascalzoni di tutti i lati e di tutti i colori. Ricordarlo, secondo me, è inutile e faticoso.

Quanto al male, alla mancanza di moralità e di scrupoli ... Sì, beh, tutti noi vorremmo sbarazzarcene in qualche occasione e la letteratura ci offre questa possibilità. Ma proprio perché ha mostrato quelle lettere così chiare fin dall'inizio, non sorprende che Falcó sia un figlio di puttana. Pertanto, non sorprende cosa fa o non fa, né lui né il resto dei personaggi. Secondo me, non contribuiscono più del (certo) interesse per come interagiranno, i tradimenti o meno quello sarà fatto e se se ne sbarazzeranno.

Non ti resta che approfittare, ancora una volta, dello stile dell'autore, della sua ottima e impeccabile prosa e della sua enorme cultura storica e vitale, così genuina. Ma Ho bisogno di più: più eccitazione, più entusiasmo, più impatto.

Non c'è da stupirsi che Reverte abbia voluto dare continuità al personaggio. Si presta a continuare a svuotare quello zaino del male visto e vissuto così intensamente. Ma, secondo la mia impressione, o varia l'approccio e riesce a renderlo più attraente di quanto intende, o Falcó rimarrà su quello, un più canaglia. Ed è un peccato. Tuttavia, la serie è appena iniziata. Potrebbe - e dovrebbe - dover dargli più forma.

Un amico pericoloso: Arturo Pérez-Reverte.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Thomas S. suddetto

    Ebbene, l'ho letto a Falcó in un solo pomeriggio, con entusiasmo, e mi sembra, a differenza del recensore, un modo molto originale di affrontare il romanzo di spionaggio sullo sfondo della nostra guerra civile. Forse accade che quello che dice sia vero, che non abbia voglia di apprezzarlo. Non credo che un romanzo come questo fosse mai stato scritto, né una guerra civile fosse mai stata scritta in modo così cupo ed efficace. E sono appena diventato un falcoadict, il personaggio mi ha completamente conquistato. Ho bisogno di una dose del prossimo, e quello che mi dà fastidio è quello che deve ancora essere pubblicato.