Charlotte Brontë è nata 200 anni fa

Charlotte Bronte

Il 21 aprile 1816, la scrittrice Charlotte Brontë venne al mondo senza sospettare un briciolo di ciò che la sua futura vita di scrittrice le avrebbe portato.

La perdita della madre, il suo successivo trasferimento nelle aspre terre dello Yorkshire, o il suo internamento in una scuola dove si ammalerebbe di tubercolosi sono alcuni degli episodi che avrebbero ispirato il lavoro di una delle pioniere della letteratura femminista e, nello specifico , da Jane Eyre, il suo romanzo più famoso.

Sorella di Agnes ed Emily Brontë, autrice di quell'altro essenziale della letteratura romantica come Cime tempestose, Charlotte Brontë avrebbe compiuto 200 anni oggi.

Brontë e il femminismo prematuro

Jane Eyre

Non sono un uccello, né sono intrappolato in una rete: sono un essere umano, con una volontà mia

La citazione di Jane Eyre non solo ha definito le intenzioni di uno dei i personaggi femminili più accattivanti della letteratura piuttosto, in un certo senso, esprimeva parte della visione di una donna, Charlotte Brontë, nascosta sotto uno pseudonimo maschile in un momento in cui essere donna e scrittrice erano due concetti di un'unione piuttosto stretta.

Nata nel 1816 a Thronton, nello Yorkshire (Gran Bretagna), Charlotte Brontë aveva cinque fratelli, alleati con i quali alleviò la noia delle desolate terre della campagna inglese scrivendo storie e immaginando mondi alternativi, soprattutto dopo essersi trasferita nella città di Haworth .

Quando sua madre morì nel 1921, Charlotte sarebbe stata mandata insieme alle sue sorelle alle Clergy Daughters, una scuola nel Lancashire dove si ammalarono di tubercolosi. L'atmosfera inquietante della stanza sarebbe servita da ispirazione per il Lowood Centre di Jane Eyre.

Dopo la morte di due delle loro sorelle a causa della tubercolosi, Anne, Emily e Charlotte sarebbero diventate una particolare "trinità letteraria", ciascuna delle quali scriveva romanzi che cominciavano a inviare agli editori con pseudonimi maschili. La prima ad essere pubblicata fu Jane Eyre (1947), una storia raccontata in prima persona da una giovane donna maltrattata che si innamora del misterioso padrone di casa della tenuta dove lavora come governante, il signor Rochester.

Il romanzo, pubblicato da Smith, Elde & Company, è diventato un successo di vendita, suscitando curiosità nei lettori che volevano conoscere l'identità di Currer bell, uno pseudonimo maschile usato da Charlotte in un'epoca vittoriana quando essere una scrittrice non era così ben vista.

Dopo aver reso pubblica la sua identità, la critica entusiasta intorno al romanzo è diminuita, sebbene il libro abbia continuato a vendere bene negli anni successivi, seguito da edizioni successive.

A sua volta, Charlotte, piccola amica degli incontri sociali e del trambusto di Londra, ha continuato a scrivere il suo secondo romanzo dallo Yorkshire, Shirley (1849), che sarebbe seguito Villette (1853) o Il professore, romanzo scritto prima di Jane Eyre ma pubblicato nel 1857.

Dopo aver sposato Arthur Bell Nicholls, il guaritore di suo padre, Charlotte rimase incinta fino al 31 marzo 1885, quando morì con il bambino che si aspettava dal tifo.

Eredità di Charlotte Brontë

Bront Sisters

Ritratto delle sorelle Brontë esposto alla National Portrait Gallery di Londra. Da sinistra a destra: Agnes, Emily e Charlotte.

Jane Eyre è una di i romanzi più influenti della letteratura inglese, un brano ricorrente nelle scuole superiori e fonte di ispirazione per altri scrittori contemporanei come Sylvia Plath, perché oltre ad essere inglese, Jane Eyre era un romanzo femminista evocato dai "più profondi sospiri dell'anima", come un critico ha dichiarato un pochi mesi dopo la pubblicazione.

A sua volta, il lavoro più importante di Charlotte Brontë ha ispirato canzoni, film (l'ultima versione, con Mia Wasikowska e Michael Fassbender) e persino spettacoli teatrali.

Approfittando del bicentenario della sua nascita, la National Portrait Gallery di Londra espone l'unico ritratto delle sorelle Brontë, trovato nel 1906.

A sua volta, la vecchia casa di famiglia a Haworth, nel West Yorkshire, è stata restaurata come museo, ospitando visite guidate dalla Brontë Society, che ha recuperato tutti i tipi di oggetti appartenenti alla famiglia.

Oggi ricorre il 200 ° anniversario della nascita di Charlotte Brontë, ideatore di quella che è considerata una delle grandi opere della letteratura inglese e simbolo di un femminismo letterario che, nonostante i tanti pregiudizi dell'epoca vittoriana, raggiunse un XX secolo in cui avrebbe manifestato la sua piena influenza sulla cultura e la cultura.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Victor M. Valdés Rodda suddetto

    Sembra che ci sia un problema con la data, non è oggi ma il 30 luglio, presumibilmente è nato quel giorno ma dal 1818

  2.   Victor M. Valdés Rodda suddetto

    Correggo perché stanno parlando di Charlotte e non di Emily

bool (vero)