Gli errori di ortografia più comuni

errori di spelling

Immagina di aver appena fatto il tuo curriculum. O una lettera di presentazione. Orgoglioso, lo mandi al responsabile della selezione perché ritieni di avere il profilo che stanno cercando. La persona che lo riceve, legge il tuo curriculum e ne rimane colpita. È proprio quello che stavano cercando. Quindi, procedi con la lettura della lettera e… quello che segue è un messaggio che ti ringrazia per la tua candidatura ma che si rifiuta di offrirti un lavoro. Quello che è successo? Spesso, si commettono errori di ortografia senza rendersene conto, e possono avere o meno un lavoro; passare o meno un soggetto; o anche dando una buona immagine.

Ai vecchi tempi, coloro che erano veramente considerati "scrittori" sapevano scrivere e non avevano mai errori di ortografia. Ma oggi puoi trovare libri pubblicati, dallo stesso autore o da editori, che hanno errori di ortografia comuni. E cosa sono questi? Ebbene oggi parliamo di tutti loro. In questo modo imparerai a non commetterli!

Errori di ortografia comuni: non farli!

Errori di ortografia comuni: non farli!

Che si tratti di un lavoro, di un esame, di una lettera di presentazione o di qualsiasi testo che si rispetti, se non vuoi dare una brutta immagine, non devi solo curare i dettagli del paper, il modo in cui è scritto o il testo. Anche questo non ha errori di ortografia.

E, per questo, devi sapere quali sono i soliti che si impegnano affinché non ti succeda. Quindi prendi nota.

La virgola di separazione

Questo è un errore molto comune. Sebbene sia più normale vederlo nei testi scritti dai latinoamericani, la verità è che anche in Spagna stiamo prendendo questa mania, e deve essere sradicata come può. Fin da piccoli ci insegnano che le frasi hanno un soggetto e un predicato. Sono, in un certo senso, una coppia. E molti insistono nel separarli con una virgola.

Ad esempio:

La ricetta del roscón de nata è una delle migliori in Spagna.

La frase è bellissima. Tranne quella virgola di separazione che uccide il tutto. La cosa giusta?

La ricetta del roscón de nata è una delle migliori in Spagna.

Nessuna virgola. Perché non puoi separare un soggetto da un predicato, è qualcosa che non va.

Dov'è la tilde?

Un altro degli errori di ortografia comuni durante la scrittura è ignorare che il passato ha accenti. Hai ragione. Inoltre, devi ricordare che i verbi al passato sono solitamente parole acute perché terminano con l'accento sull'ultima sillaba. E lo sappiamo già le parole acute hanno sempre un accento se terminano in -n, -s o vocale. Così: lui ha guardato, ha sbattuto le palpebre, ho parlato, ho baciato, ho annuito, mi sono sottomesso ... porteranno una tilde. PER SEMPRE.

Il fatto che ti butterà fuori

Divertente vero? Ma forse non è tanto se significa che hai un lavoro o no. Perché sì, sembra che "fatto" e "fatto" siano la stessa cosa, ma in realtà non lo sono.

Ad esempio:

Compiti a casa fatti / Compiti a casa fatti

L'unica cosa che differenzia queste due frasi è la "h" (e quella mancante da "echo"), giusto? Tuttavia, il significato di entrambe le frasi è diverso.

  • Da un lato, "Compiti a casa" significa che hai terminato un compito che avevi, ovvero del verbo fare.
  • D'altra parte, "mi mancano i compiti" significa che hai "buttato via" i tuoi compiti. In altre parole, che li hai "gettati" nella spazzatura, che li hai gettati ...

Come puoi vedere, non significa lo stesso. Eppure è uno degli errori di ortografia più comuni che vengono fatti.

Errori di ortografia: soprattutto / soprattutto

Errori di ortografia: soprattutto / soprattutto

Prima la RAE ti permetteva di indossare il soprabito, perché capiva che doveva essere scritto insieme. Ora devi scriverlo separatamente. sì perché il soprabito è in realtà un sinonimo di cappotto. E se lo usi nella frase, ad esempio:

Mi piace soprattutto la vaniglia ...

La gente penserà che tu abbia un cappotto di vaniglia, ma non che tu voglia indicare che ti piace particolarmente il cappotto di vaniglia.

Quindi, ogni volta che vuoi mettere qualcosa che non è sinonimo di cappotto, andrà separato.

La parte che non va "da una parte all'altra"

Un altro degli errori di ortografia comuni, e in effetti si vede anche in scrittori già affermati, è quello di scrivere separatamente; vale a dire "a parte". Anche, Sebbene la parola significhi "separato", la verità è che la scrittura dovrebbe mettere tutto insieme.

Ora, ci sono altri "a parte" che forse sono separati, ma perché la parola stessa non ha lo stesso significato della parola separata. Sono due parole che agiscono da sole.

Errori di ortografia: perché, perché, perché, perché

Non ci siamo fermati, ma in realtà ci sono quattro ragioni, o perché, o perché. E ognuna è diversa e quindi il suo utilizzo è in un certo modo. Come fai a sapere quale usare? Bene:

  • perché: Di solito è usato nelle frasi interrogative, ma non significa che devi sempre usare punti interrogativi per metterlo, può anche essere indiretto. Ad esempio: perché non mi hai chiamato? / Voglio sapere perché non mi hai chiamato.
  • Perché: di solito è la risposta a quanto sopra. Perché hai fatto una cosa? Perché ... quello che fa è dare un senso a una frase che spiegherà qualcosa.
  • Perché: questo è solitamente sempre accompagnato da un articolo specifico o indeterminato. Il perché, il perché ... E cosa significa? Bene, potresti cambiarlo per "il motivo". Ad esempio: non conosco il motivo del suo atteggiamento (non conosco il motivo del suo atteggiamento).
  • Perché: Come ti abbiamo detto prima, con separato e separato, perché separato e senza accentuazione si riferisce a due parole diverse che agiscono in modo diverso da come pensiamo.

Errori di ortografia: il punto "di riserva" dopo un punto interrogativo o esclamativo

Il punto "rimanente" dopo un punto interrogativo o esclamativo

Sicuramente l'hai notato più di una volta. O l'hai fatto da solo. Si tratta di mettere una frase tra domande o esclamazioni e subito dopo averle chiuse, inserire un punto. Tale che:

Dove dici che pioverà?

Oh mio Dio, come sta la ragazza!

Bene, lo sai è un grave errore di ortografia. Perché il punto stesso del punto interrogativo finale e dell'esclamazione finale funge già da punto. Non c'è bisogno di aggiungere altro. Tuttavia, Un altro dei grandi problemi che sorgono è quando, in una frase, viene messo un punto interrogativo o esclamativo e inizia con una lettera maiuscola perché si ritiene che quel punto di partenza sia un punto fermo. Qualcosa del genere:

Sì, ma perché devo indossarlo?

Anche in questo caso troviamo uno degli errori di ortografia più comuni, perché in questo caso quel punto di ¿o di ¡non significa un punto. È un punto senza di più, non agisce in modo che tu debba mettere le lettere maiuscole.

Quindi, sarebbe: Sì, voglio, ma perché devo indossarlo?

E questo è tutto l'ultima goccia sarebbe impegnare "due in uno":

Sì, ma perché devo indossarlo?

Quindi scrivilo bene. Questo NON è fatto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo Woltman suddetto

    Un ottimo articolo. Ho fatto diversi errori, quello con le virgole e l'ultimo dei punti, grazie mille per la correzione.
    -Gustavo Woltmann.

  2.   Ricardo VMB suddetto

    Interessante l'argomento dei punti interrogativi e dei punti esclamativi al centro di una frase, ho letto in un altro libro di ortografia che per scrivere in minuscolo dopo un punto interrogativo o esclamativo bisognava usare una virgola. Esempio: sì, ma perché devo indossarlo?

    Non avrebbero dovuto usare una tilde nel "sì"? Perché è affermativo, non condizionale e negli esempi che ci hanno fornito lo hanno scritto senza accento.