Emily Brontë. Tre poesie d'amore per i suoi 200 anni

Ritratto di Emily Brontë di suo fratello Patrick Bramwell Brontë. Manoscritto delle poesie di Gondal.

Oggi, 30 luglio, celebriamo un nuovo compleanno di Emily Brontë, il romanziere e poeta inglese, appartenente a uno dei le linee letterarie più famose e brillanti delle lettere sassoni. Una celebrazione molto speciale perché lo sono 200 anni . Sarà eternamente ricordato come autore di quel classico della letteratura romantica vittoriana che è Wuthering Heights, il suo unico romanzo. Ma è anche necessario sottolineare il suo aspetto poetico meno conosciuto, o oscurato, per la sua grandezza di romanziere. Pertanto, li salvo tre poesie d'amore tuo per lodare ancora una volta la tua memoria.

Emily Brontë

Nato il 30 luglio 1818 en Thornton, Yorkshire, è accanto alle sue sorelle Charlotte (Jane Eyre) Y Anne (Agnes Gray), uno dei principali riferimenti della letteratura romantica vittoriana. La sua esistenza, come quella delle sue sorelle, era segnata da a infanzia difficile, un carattere molto introverso, la perdita prematura di sua madre e delle sorelle maggiori, la austerità di un padre pastore anglicano e della vita travagliata del fratello minore Branwell. Ho appena vissuto 30 anni e ha lasciato un magra ma incommensurabile eredità letteraria nella sua qualità e conseguente influenza.

poesie

Con un germe nato da un mondo immaginario chiamato Gondal, che ha condiviso con sua sorella Anne, le poesie of love di Emily Brontë mescolano una sensazione traboccante e l'essenza di poesia romantica con molte delle caratteristiche che sarebbero poi diventate fondamentali nel poesia vittoriana.

Anche il fattura e intensità dei suoi personaggi e dei suoi versi lo sono precedente di quello che più tardi sarebbe stato il suo passaggio al romanzo con Wuthering Heights. Nello specifico, i personaggi di Heatcliff, Catherine Earnshow o Edgar Linton sono già riconosciuti in alcuni. Ma prima che quelle poesie lo fossero pubblicato congiuntamente dalle tre sorelle sotto pseudonimi maschili. E sebbene non abbiano avuto successo, hanno piantato il seme.

Questi sono tre di loro firmati da Emily.

Vieni a camminare con me

Vieni a camminare con me
solo tu hai un'anima immortale benedetta.
Amavamo la notte invernale
Vagando nella neve senza testimoni.
Torneremo a quei vecchi piaceri?
Le nuvole scure si precipitano
adombrando le montagne
proprio come tanti anni fa,
finché non morirò nell'orizzonte selvaggio
in giganteschi blocchi impilati;
mentre la luce della luna si accende
come un sorriso furtivo e notturno.

Vieni, cammina con me;
non molto tempo fa esistevamo
ma la morte ha rubato la nostra compagnia
(Mentre l'alba ruba la rugiada)
Una ad una portò le gocce nel vuoto
finché ne rimasero solo due;
ma i miei sentimenti continuano a lampeggiare
perché in te rimangono fissi.

Non rivendicare la mia presenza
Può l'amore umano essere così vero?
Può il fiore dell'amicizia morire prima
e rivivere dopo tanti anni?
No, anche se con le lacrime sono bagnati,
I tumuli funerari ne coprono il fusto,
La linfa vitale è svanita
e il verde non tornerà mai più.
Più sicuro dell'orrore finale
inevitabile come le stanze sotterranee
dove vivono i morti e le loro ragioni,
Il tempo, implacabile, separa tutti i cuori.

***

La tomba della mia signora

L'uccello dimora nell'aspra alba,
L'allodola traccia l'aria in silenzio,
L'ape danza tra le campane dell'erica
Che nascondono la mia bella signora.

Il cervo selvatico sul suo petto freddamente,
Gli uccelli selvatici alzano le loro ali calde;
E sorride a tutti indifferentemente,
L'hanno lasciata sola nella sua solitudine!

Ho pensato che quando il muro scuro della sua tomba
Ha mantenuto la sua forma delicata e femminile,
Nessuno evocherebbe la felicità che taglia
L'effimera Luce della gioia.

Pensavano che l'ondata di tristezza sarebbe passata
Senza lasciare traccia negli anni futuri;
Ma dove sono adesso tutte le angosce?
E dove sono quelle lacrime?

Lascia che combattano per l'onore del respiro,
O per il piacere oscuro e forte,
L'abitante della terra della morte
È anche volubile e indifferente.

E se i tuoi occhi devono guardare e piangere
Fino a quando la fonte del dolore si prosciuga
Non tornerà -dal suo sonno tranquillo-
Né restituirà i nostri vani sospiri.

Soffia, vento dell'ovest, sopra il tumulo arido:
Mormorio, ruscelli d'estate!
Non c'è bisogno di altri suoni
Per proteggere la mia signora nel suo riposo.

***

Quando dovrei dormire

Oh, nell'ora in cui devo dormire,
Lo farò senza identità,
E non mi importerà più come cade la pioggia
O se la neve mi copre i piedi.
Il paradiso non promette desideri selvaggi
Possono essere soddisfatte, forse la metà.
L'inferno e le sue minacce
Con le sue inestinguibili braci
Non presenterà mai questa volontà.

Perciò dico, ripetendo la stessa cosa,
Eppure, e finché non morirò dirò:
Tre dei in questa piccola cornice
Combattono giorno e notte.
Il paradiso non li manterrà tutti, però
Si aggrappano a me;
E saranno miei fino all'oblio
Copri il resto di me.

Oh, quando il tempo cerca il mio petto per sognare,
Tutte le battaglie finiranno!
Perché verrà il giorno in cui dovrò riposare,
E questa sofferenza non mi tormenterà più.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   karla andreine suddetto

    Ciao come va

  2.   Catena di rugiada suddetto

    Amo l'arte nelle sue diverse espressioni perché sono sicuro che mettono a nudo l'anima del suo autore.