Emilio Lara. Intervista all'autore di Sentinel of Dreams

Fotografia: Emilio Lara, profilo Twitter.

Emilio lara ha pubblicato quest'anno Sentinella dei sogni, il suo ultimo romanzo. L'autore jiennense è diventato uno dei più importanti del genere storico grazie a La confraternita dell'Invincibile Armada, L'orologiaio di Puerta del Sol o Tempi di speranzaVi ringrazio molto per la vostra gentilezza e per aver trovato uno spazio per questo intervista dove ci racconta un po 'di tutto.  

Emilio Lara - Intervista

  • LETTERATURA CORRENTE: Il titolo del tuo romanzo è Sentinella dei sogni. Cosa ci racconti a riguardo e da dove nasce l'idea?

EMILIO LARA: Il grilletto letterario è il massacro effettuata dagli inglesi non appena il Seconda Guerra Mondiale. Durante i primi dieci giorni di settembre 1939, furono soppressi più di 800.000 cani e gatti Evitare, se i tedeschi hanno bombardato Londra e altre città e i proprietari degli animali sono stati uccisi o feriti, gli animali domestici essere impotente. Era un sacrificio di massa motivato dall'amore, anche se paradossale. ho incontrato il episodio storico leggendo un servizio in un supplemento domenicale, e mi sono reso conto che c'era un storia piena di emozioni. Così inizia il mio romanzo.

  • AL: Ricordi il primo libro che hai letto? E la prima storia che hai scritto?

IL: Era un vorace lettore di fumetti, e il primo libro che ho letto è stato Platero e io, e anche i romanzi d'avventura di Julio Verne, un autore che mi affascinava quando studiavo EGB.

  • AL: Un capo scrittore? Puoi sceglierne più di uno e di tutte le epoche. 

IL: Sono ancora entusiasta di Miguel Delibes e lvaro Cunqueiro. Nel tempo, altri si sono uniti: Philip Roth, Robert Graves, García Márquez, Vargas Llosa, Juan Slav Galán, Arturo Perez-Reverte...

  • AL: Quale personaggio in un libro ti sarebbe piaciuto incontrare e creare?

IL: Qualsiasi della trilogia di Mantella del Hilary su Enrico VIII.

  • AL: Qualche abitudine o abitudine speciale quando si tratta di scrivere o leggere?

IL: Non sono strano per questo. mi piace leggere in a sedia, con una buona luce naturale o artificiale. scrivo nel mio ufficio al computer, e prendere note a mano nei quaderni. Leggo e scrivo molto perché Organizzo il mio tempo E cerco di non sprecarlo in cazzate.

  • AL: E il tuo luogo e momento preferito per farlo?

IL: Ho detto prima che mi piace scrivere nel mio ufficio, dove ho un computer e trovo un'atmosfera di tranquillità. come ho grande capacità di astrazione Dal rumore e dall'ambiente, posso leggere ovunque: mi immergo in una bolla, me stesso.

  • AL: Ci sono altri generi che ti piacciono?

IL: Certo. Sarebbe un peccato (e un'assurdità) che come scrittore di romanzi storici non leggesse altri generi. Leo romanzo nero, quello che potremmo definire un romanzo letterario, autofiction, classico della narrazione e molto saggio e storia.

  • AL: Cosa stai leggendo adesso? E la scrittura?

IL: Proprio adesso Disastro, il nuovo saggio di Niall Ferguson; italiano, di Perez-Reverte,  y Torna dovedi Antonio Muñoz Molina. Ho iniziato a scrivere a romanzo ambientato nell'età moderna.

  • AL: Come pensi che sia la scena editoriale? 

EL: Tornando indietro dopo la terrificante crisi economica iniziata nel 2008. La pandemia di coronavirus ha comportato un miglioramento dell'indice di acquisto di libri, il che è positivo per un settore editoriale che, in Spagna, vedo stabilizzato. so che c'è disagio tra i nuovi autori e quelli che aspirano ad esserlo, perché trovano tante difficoltà a pubblicare, ma tutti i tempi sono stati difficili da pubblicare per la prima volta. Quello che succede è che ora il numero di persone che vogliono vedere pubblicato il loro romanzo si è moltiplicato.

  • AL: Il momento di crisi che stiamo vivendo è difficile per te o riuscirai a mantenere qualcosa di positivo per le storie future?

IL: Non è stato particolarmente difficile per me a causa del mio lavoro di scrittrice e insegnante, anche una certa pausa nei tour promozionali è tornata utile, in quanto mi ha permesso di leggere con più calma e scrivere senza alcun onere. E qualsiasi situazione avversa è buona per trarne una performance letteraria. Tutto dipende dalla creatività e dall'attenzione che lo scrittore vuole assumere. Si Certamente, Non sono affatto interessato ai romanzi che potrebbero uscire sul coronavirus o sulle epidemie di epoche passate. Che poca originalità!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.