Emilia Pardo Bazán. 100 anni dopo la sua morte. Frammenti di storia

Ritratto di Emilia Pardo Bazán. Di Joaquín Sorolla.

Emilia Pardo Bazán morì in un giorno come oggi 100 anni fa. La sua figura è uno dei massimi esponenti, non solo letterari, ma anche culturali in genere tra Ottocento e Novecento. Forse il suo più grande riconoscimento e la sua fama derivano dal suo lavoro I pazos de Ulloa, ma ha toccato tutti i bastoni, dal naturalismo al realismo, passando per il romanzo breve, racconto breve, articoli di giornale e racconti. È da alcuni di questi che traggo un file selezione di frammenti come una lettura da ricordare.

Storie d'amore

Il cuore perduto 

Andando un pomeriggio a fare una passeggiata per le vie della città, ho visto un oggetto rosso per terra; Sono sceso: era un cuore sanguinante e vivo che ho raccolto con cura. "Qualche donna deve essersi persa", pensai, osservando il candore e la delicatezza dei teneri visceri che, al tocco delle mie dita, pulsavano come se fosse nel petto della sua proprietaria. L'ho avvolto con cura in un panno bianco, l'ho riparato, l'ho nascosto sotto i vestiti e ho iniziato a scoprire chi fosse la donna che aveva perso il cuore per strada. Per approfondire mi sono procurato degli occhiali meravigliosi che mi hanno permesso di vedere, attraverso il corpetto, la biancheria intima, la carne e le costole - come attraverso quei reliquiari che sono il busto di un santo e hanno una finestrella di vetro sul petto -, il luogo del il cuore.

La Sirena

Non è possibile dipingere la cura e la vigilanza con cui la topina si prendeva cura della sua cucciolata di topi. Grassi e lucci li allevava, allegri e vivaci, e con un mantello cinereo così lucente che dava gioia; E non volendo lasciare il divino per l'umano, produsse sulla sua prole ammonimenti morali, saggi e retti, e li mise in guardia dalle insidie ​​e dai pericoli del mondo canaglia. "Saranno topi di cervello e buon giudizio", si disse il topo, vedendo come l'ascoltavano attentamente e come arricciavano piacevolmente il muso in segno di felice approvazione.

Ma qui vi dirò, molto segretamente, che i topi erano così formali perché non avevano ancora sporto la testa fuori dal buco dove li intratteneva la madre. La tana praticata nel tronco di un albero, li proteggeva meravigliosamente, era calda d'inverno e fresca d'estate, sempre morbida e così nascosta che i bambini della scuola non sospettavano nemmeno che ci fosse una famiglia di topi che viveva lì.

Racconti interni

Di un nido

Dover andare a Madrid per gestire una questione importante, uno di quelli in cui si sostengono interessi considerevoli e che costringono a passare mesi a pulire la polvere dalle panche delle anticamere con il sedile dei pantaloni, ho chiesto di una pensione economica, e in essa mi sono sistemato in una stanza "decente" , affacciato sulla strada di Preciados.

I compagni della tavola rotonda hanno cercato di stabilire tra di noi quella familiarità di cattivo gusto, quella sparatoria di barzellette e polemiche che di solito degenera in vera importunità o totale scortesia. Sono entrato nel guscio. L'unico ospite che si è mostrato riservato è stato un ragazzo di circa ventiquattro anni, molto taciturno, di nome Demetrio Lasús. Arrivava sempre tardi a tavola, si ritirava presto, mangiava poco, a tutto campo; Beveva acqua, rispondeva educatamente, ma non faceva mai pettegolezzi, non era mai curioso o invadente, e queste qualità mi rendevano comprensivo.

Racconti sacroprofani

La valuta del mondo

C'era una volta un imperatore (non sempre si deve dire un re) e aveva un solo figlio, buono come il buon pane, candida come una fanciulla (di chi è ingenua) e con un'anima piena di lusinghiere speranze e di credenze tenerissime e dolci. Non l'ombra di un dubbio, né il minimo accenno di scetticismo offuscarono lo spirito giovane e puro del principe, che a braccia aperte all'umanità, un sorriso sulle labbra e la fede nel cuore, percorreva un sentiero di fiori.

Tuttavia, Sua Maestà Imperiale, che era, ovviamente, più vecchia di Sua Altezza, e aveva, come si suol dire, una zanna più contorta, era infastidita dal fatto che il suo unico figlio credesse così tanto nella bontà, nella lealtà e nell'adesione di tutte le persone. scoperto lì. Per metterlo in guardia contro i pericoli di una tale fiducia cieca, consultò i due o tre saggi più rinomati del suo impero, che mischiavano libri, innalzavano cifre, disegnavano oroscopi e tessevano predizioni; Fatto ciò, chiamò il principe e lo avvertì, in un discorso prudente e molto concertato, di moderare quella propensione a giudicare bene di tutti, e di capire che il mondo non è altro che un vasto campo di battaglia dove gli interessi combattono contro interessi e passioni. contro le passioni, e che, secondo l'opinione di filosofi antichi molto famosi, l'uomo è un lupo per l'uomo.

Fonte: Albalearning


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.