Il compleanno di Eduardo Mendoza. Selezione di frammenti e frasi

Immagine segnaposto Eduardo Mendoza nasce in un giorno come quello di oggi del 1943. Con una lunga e fortunata carriera che comprende a Premio Cervantes nel 2016Il suo stile narrativo, semplice e molto diretto, si distingue anche per la ricchezza e l'uso di un umorismo molto particolare. Tra le sue opere più note ci sono La verità sul caso Savolta (con cui ottiene il suo primo successo), La città delle meraviglie, nessuna notizia da Gurb, la serie di romanzi con protagonista quel grottesco detective senza nome che include titoli come Il labirinto degli ulivi, il mistero della cripta stregata, La lotta della borsa e della vita o L'avventura nel bagno delle donne Il fantastico viaggio di Pomponio Flato, Catfight, e la trilogia Il re riceve, Il commercio yin e yang e il trasbordo a Mosca. Esta es una selezione di frasi e frammenti leggere e festeggiare.

Eduardo Mendoza - Selezione di frasi e frammenti

Nessuna notizia da Gurb

Perché i catalani parlano sempre della stessa cosa, cioè di lavoro ... Non ci sono persone sulla Terra più appassionate del lavoro dei catalani. Se sapessero come fare qualsiasi cosa, sarebbero i padroni del mondo.

Il fantastico viaggio di Pomponio Flato

E qual è la verità? A volte l'opposto della bugia; altre volte, il contrario del silenzio.

La città dei prodigi

Sulla via del ritorno alla pensione Onofre andò incontro a Delfina.
"Stavo facendo una passeggiata," disse il ragazzo alla fanciulla, "e per caso ti ho vista arrivare." Posso aiutare?
«Mi basta e mi avanza», disse la donna, accelerando la marcia, come a dimostrare che il peso delle ceste stipate non la appesantiva.
"Non ho detto che non avresti potuto con l'acquisto, donna." Stava solo fingendo di essere gentile ", ha detto Onofre.
-Come mai? chiese Delfina.
"Non c'è perché", ha detto Onofre. Sei gentile senza motivo. Se c'è ragione, non è più gentilezza, ma interesse.
"Parli troppo bene," interruppe la ragazza. Vai via o ti pungolo sul gatto.

Il labirinto degli ulivi 

Ho aperto la valigetta come chi non la vuole, ho lasciato che i suoi occhi si impregnassero della visione del denaro che conteneva e l'ho richiusa. Quando mi guardò in faccia, non solo la sua espressione era cambiata, ma la circonferenza del torace era visibilmente aumentata.

«Per favore, seguimi», balbettò.

Ho approfittato del viaggio in ascensore, come sono abituato a fare negli ultimi tempi, per rimuginare su quanto sia potente il denaro e quante porte non possa aprire, quante catene da rompere, quante percezioni offuscare e quanta malizia trasformarsi in pettegolezzo. La verità è che mai, in tutti gli anni che ho camminato per questa valle arida, sono stato in possesso del vile metallo, come lo chiamano chi non lo ama, e non sono, quindi, autorizzato a pontificare sugli effetti deleteri che coloro che lo conoscono gli attribuiscono. Posso parlare di ambizione e avidità, perché le ho viste da vicino. Di soldi, no. Proprio, come so per esperienza, serve ad evitare che chi ce l'ha contatti appiccicosi con chi non ce l'ha. E con tutta onestà confesso che non mi sembra male: i poveri, a meno che le statistiche non mi manchino, sono brutti, sboccati, maldestri nel trattamento, scarmigliati nei vestiti e, quando il caldo incalza, abbastanza pestilenziali. Abbiamo anche, dicono, una scusa che, a mio avviso, non altera affatto la realtà. Non è meno vero che siamo, in assenza di un'altra credenziale, più portati a lavorare sodo e ad essere loquaci, distaccati, modesti, cortesi e affettuosi e non aspri, egoisti, petulanti, rozzi e rozzi, come saremmo senza dubbio se dovessimo Per sopravvivere non dipenderemmo tanto dalla caduta in disgrazia. Penso, per concludere, che se fossimo tutti ricchi e non dovessimo lavorare per guadagnarci i ceci, non ci sarebbero calciatori o toreri o copleristi o puttane o salsicce e la vita sarebbe molto grigia e questo pianeta sarebbe molto piazza triste.

Il mistero della cripta infestata

Da quel momento ricordo di aver gettato con gioia il tempo in mare, sperando che la mongolfiera prendesse il volo e mi portasse in un futuro migliore. Desiderio pazzesco, perché saremo sempre quello che già eravamo.

Lotta tra gatti

Quando il futuro è incerto, azioni e sentimenti si concentrano nel presente che in tempi normali si svilupperebbe con più calma e con più decoro.

L'anno del diluvio

È nella natura umana vacillare quando i sogni iniziano a materializzarsi.

Il segreto del modello mancante

La tua missione è trovare il cucciolo e restituirlo sano e salvo al suo proprietario. Se lo fai prima che faccia buio, ti daranno uno spuntino e avrai l'effimera e sicuramente rara, ma mai trascurabile, gratitudine delle persone influenti. Altrimenti, ti picchiamo prima di rispedirti dallo strizzacervelli. Vedrai.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.