"Dove dimora l'oblio"

Dove dimora l'oblio

"Dove dimora l'oblio" è un lavoro di Luis Cernuda il cui titolo è tratto da una strofa di Bécquer e che a sua volta dà il nome a una canzone del cantautore spagnolo Joaquín Sabina. L'oblio, che ovviamente produce dolore alla fine di un amore, è l'asse attorno al quale ruota l'intera raccolta di poesie. È una sorta di morte, una cancellazione dei ricordi che porta il poeta a sentirsi frustrato da ciò che è rimasto di quella che una volta era una bella sensazione.

Questa è la parte negativa di amor, della conseguenza, di ciò che rimane quando cessa di esistere, e in un certo modo è ciò a cui è esposto qualsiasi essere un amante, poiché nulla è per sempre e la fine della fase dell'amore lascerà inevitabilmente il posto all'oblio che porterà sentimenti negativi in ​​contrapposizione alla positività della fase precedente in cui gioia e benessere erano i pilastri fondamentali.

Come l'opposizione tra amore e crepacuoreTra memoria e oblio, tra gioia e frustrazione, compare nell'opera un'altra antitesi, quella tra angelo e diavolo, che appaiono come voci poetiche che bisbigliano al lettore.

Questo lavoro è il più riconosciuto da Luis Cernuda che, sebbene non abbia ottenuto una buona critica nelle sue prime raccolte di poesie, ha ricevuto tutti gli elogi con la pubblicazione del libro di cui ci occupiamo ora.

Dove vive l'oblio, il libro

Il libro di Luis Cernuda Dove dimora l'oblio fu pubblicato nel 1934, nonostante le poesie in essa contenute siano state scritte tra il 1932 e il 1933. Tra queste, una delle più note è senza dubbio quella che dà il nome al titolo.

Questa raccolta di poesie appartiene alla fase giovanile dell'autore, quando ha subito una delusione d'amore e il motivo per cui scrive sull'amore come se fosse qualcosa di brutto o con sentimenti amari nei suoi confronti.

Inoltre, è noto che il titolo che ha dato alla poesia, così come alla sua raccolta di poesie, non era in realtà una sua invenzione, ma piuttosto che guardò un altro autore, Gustavo Adolfo Bécquer, che in Rima LXVI, in il suo quindicesimo verso, dice "dove dimora l'oblio".

Il libro è composto da diverse poesie, ma praticamente tutte con sentimenti negativi e pessimistici sull'amore e sulla vita. Nonostante il fatto che i primi lavori di Luis Cernuda abbiano ricevuto molte critiche, ha continuato a provare e ad evolversi, qualcosa che ha raggiunto anni dopo.

Analisi di dove dimora l'oblio

All'interno della raccolta di poesie, quella che porta lo stesso nome del libro è la più conosciuta di tutte, ed anche quella che condensa tutti i temi che l'autore affronta in quest'opera. Pertanto, leggerlo può dare un'idea del momento che stava attraversando e del motivo per cui tutte le altre poesie rasentano il pessimismo, la solitudine, il dolore, ecc.

Dove vive l'oblio 22 versi che si dividono in 6 stanze. Tuttavia, il metro non è effettivamente lo stesso in tutti i versi, ma c'è irregolarità e alcuni versi sono molto più lunghi di altri.

Né le stanze sono tutte uguali per numero di versi. Il primo è composto da 5 versi mentre il secondo da 3; il terzo di 4 ... lasciando l'ultimo con solo 2. Quello che usa abbastanza bene sono diverse figure retoriche come:

  • Personificazione. Attribuire una qualità umana, un'azione o qualcosa del genere a un oggetto o un'idea.

  • Immagine. È una figura retorica che cerca di descrivere a parole una cosa reale.

  • Anafora. Si tratta di ripetere una o più parole sia all'inizio del verso che in una frase.

  • Similitudine. Confronta due parole che hanno una qualità comune tra loro.

  • Antitesi. Si riferisce all'esposizione dell'opposizione di un'idea che di solito si riflette anche nella poesia.

  • Simbolo. È usato per sostituire una parola con un'altra.

La struttura della poesia segue uno schema circolare poiché inizia con un'idea che viene imbastita fino alla fine. Infatti, una volta che guardi la poesia, vedrai che inizia con la stessa cosa che finisce, (dove vive l'oblio), stabilendo tre diverse parti al suo interno.

Parte 1 della poesia

In esso i versi da 1 a 8, le prime due stanze, sarebbero condensate. L'argomento trattato in questi riguarda il morte d'amore, una morte spirituale, ma a causa della sua delusione in amore, l'autore non si fida più di quel sentimento.

Parte 2 di Dove dimora l'oblio

In questa parte i versi da 9 a 15 sarebbero inclusi, cioè le stanze 3 e 4. È forse più pessimista in questa parte del poema poiché il suo desiderio è smettila di credere nell'amore, prova con tutti i mezzi a pensare a quella sensazione e rompi con tutto ciò che avevo pensato sull'amore.

Parte 3

Infine, la terza parte della poesia, dai versi 16 a 22 (strofe 5 e 6) parla di voler sbarazzarsi del sentimento d'amore, di non volendo viverlo di nuovo e che rimane solo come un ricordo in un ricordo, per sbarazzarsi di quella sensazione di voler essere accanto a una persona.

Cosa significa la poesia di Dove abita l'oblio

Dove dimora l'oblio divenne per Luis Cernuda un modo per esprimere il dolore che provava per la delusione d'amore che aveva provato. Per lui, infatti, significava voler non innamorarsi di nuovo, non credere di nuovo nell'amore e voler dimenticare tutto quello che era successo.

Tutti questi sentimenti sono condensati dall'autore in questa poesia, sebbene il libro ne abbia molti di più. Tuttavia, è forse quello che pone l'enfasi maggiore poiché parla dell'esistenza dell'amore, ma anche della sofferenza che deriva dal lasciarsi trasportare da esso. Per questo motivo, quando le cose non stanno andando come avrebbero dovuto idealizzare, ciò che lui vuole è scomparire, morire, perché anche se quell'angelo a cui può chiamare "Cupido" ha inchiodato una freccia d'amore, ha non lo stesso nell'altra persona.

Così, l'autore cerca di rifugiarsi nell'oblio per far cessare i pensieri negativi e smetterla di provare dolore e disperazione per il ricordo di quei momenti che hai vissuto.

Contestualizzazione della poesia

Luis Cernuda

Luis Cernuda è nato nel 1902 a Siviglia. È stato uno dei migliori poeti della generazione dei 27, ma ha anche sofferto molto, rendendo la sua poesia un riflesso dei sentimenti che ha provato nella sua vita.

La prima esperienza che ebbe con la letteratura fu tramite il suo grande amico Pedro Salinas, quando studiava legge all'Università di Siviglia (1919). In quel momento, ha iniziato a incontrare altri autori oltre a scrivere il suo primo libro.

Nel 1928 si recò per lavorare a Tolosa. Rimarrà per circa un anno, dal momento che nel 1929 inizia a vivere e lavorare a Madrid. È noto che ha lavorato dal 1930 nella libreria León Sánchez Cuesta, oltre a collaborare con altri autori come Federico García Lorca o Vicente Aleixandre. Fu in quegli incontri con gli autori che Lorca lo presentò a Serafín Fernández Ferro nel 1931, un giovane attore che ha rubato il cuore del poeta. Il problema è che voleva solo i suoi soldi da Cernuda e, non sentendosi ricambiato, fu il momento in cui ispirò la poesia Dove abita l'oblio (insieme al resto delle poesie che fanno parte della raccolta di poesie della stessa nome). A quel tempo aveva 29 anni, anche se le poesie sono classificate nella sua fase giovanile.

In effetti, ha dovuto segnarlo troppo poiché non si sa che avesse un altro amore diverso da quello, quindi è probabile che abbia rispettato quanto ha scritto nella poesia di Dove abita l'oblio, allontanandosi dall'amore e concentrandosi su altri sentimenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.