Re dimenticato Gudú. Il libro di Ana María Matute che mi ha segnato per tutta la vita.

Re dimenticato Gudú, di Ana María Matute

Re dimenticato Gudú, di Ana María Matute, significa molto per me. Tant'è che, più che una recensione, vorrei raccontarvi la storia di come mi sono innamorato delle storie. Anche se con qualche informazione sull'autore, ovviamente, visto che è lei la vera protagonista. Sarò sincero: fino a pochi secondi fa ero molto sicuro di quello che volevo scrivere, ma ora che sono davanti al computer faccio fatica a mettere insieme alcune parole. Come potrei semplicemente dirti cosa provo questo libro, cosa mi ha fatto ridere e piangere negli anni? Come potrei spiegarti che è un'opera in anticipo sui tempi e che, dal mio punto di vista, supera anche i romanzi fantasy come Il Signore degli Anelli o uno qualsiasi di Canto del ghiaccio e del fuoco?

Forse questi dubbi sono tipici di chiunque si trovi di fronte a una pagina bianca. C'è qualcosa di magico, qualcosa di unico nel mettere in parole i pensieri che scorrono nella tua mente. Ecco cos'è per me la letteratura: incontrare una ragazza di cui sei molto innamorato, e che ogni volta che vai a trovarla provi paura, eccitazione e nervosismo, perché non vuoi deluderla. Ma vado in giro per la boscaglia, quindi cercherò di raccogliere i miei pensieri. Immagino che, come la maggior parte delle storie, sia meglio ricominciare tutto da capo.

Re dell'oblio

"Non mi fermerò mai, finché vivrò", si disse, guardando quella terra vasta, disabitata e orribilmente solitaria, "finché nemmeno un centimetro di terra sarà nascosto ai miei occhi e calpestato dal mio piede. Non sopporto la sensazione di ignoranza. Sventrerò il mondo e ne vedrò il bottino; e qualunque cosa mi piaccia o serva, la terrò; e ciò che considero superfluo, o dannoso, lo distruggerò. E i miei figli continueranno la mia opera, e il mio Regno non avrà fine per sempre: perché il mondo, di generazione in generazione, conoscerà il re Gudú, del suo potere e della sua gloria, della sua intelligenza e del suo coraggio, e il mio nome continuerà di bocca in bocca e di ricordo in ricordo (più a lungo di mio padre) dopo la morte ". Questa ambizione lo ha ispirato con un'avidità infinitamente più grande di tutti i tesori della terra.

Si Re dimenticato Gudú occupa un posto speciale nel mio cuore, tra tutti i libri che mi sono passati tra le mani, è perché era il primo romanzo adulto che ho letto. Ma questa spiegazione è troppo semplicistica e suggerisce che l'amore che ho per il lavoro potrebbe essere il risultato solo ed esclusivamente della nostalgia. Non è certo così, poiché l'ho riletto più volte nel corso della mia vita, e ad ogni nuova lettura mi sembra migliore.

Ricordo quando ero bambino mia madre mi raccontava le storie che apparivano nel romanzo. Mi ha parlato dello Stregone, del Goblin del Sud, della Città e del Castello di Olar, della Corte Nera e della coraggiosa regina Ardid. Quei personaggi e le ambientazioni hanno risvegliato la mia fantasia a tal punto che l'ho pregato di farmi leggere il libro.

Mia madre, con la prudenza che la caratterizza, dapprima rifiutò; anche se sono sempre stato un bambino molto testardo, così sono riuscito a farla franca. Dopotutto, ed è qualcosa che ho realizzato nel corso degli anni, Re dimenticato Gudú È una storia meravigliosa, ma anche cruda, perché mostra le miserie di cui sono capaci gli esseri umani. Forse a questo libro devo la mia passione per le storie agrodolci - forse la parola migliore per descrivere lo stile di Matute - quelle che mescolano malinconia e ottimismo.

Regno di Olar

Mappa del Regno di Olar, dove la trama di Re dimenticato Gudú.

Fantasie dall'altra parte

«Non disprezziamo così tanto la fantasia, non disprezziamo così tanto l'immaginazione, quando goblin, goblin, creature del sottosuolo ci sorprendono spuntando dalle pagine di un libro. Dobbiamo pensare che in qualche modo quegli esseri erano una parte molto importante della vita di uomini e donne che calpestavano il terreno ".

Discorso di ingresso all'Accademia Reale Spagnola della Lingua letto da Ana María Matute.

Molto tempo dopo, ho appreso che Matute non ha scelto questa tonalità per il suo lavoro per un capriccio estetico. Non sarebbe affatto un'esagerazione dirlo gran parte sopravvive tra le sue pagine. Ed è che questa donna ha sofferto molto durante la sua vita, al punto da avere una depressione, quell'orribile disturbo dell'umore che pochissimi arrivano a capire. UN vuoto, come lo chiamava lei, che le tolse la voglia di vivere e di scrivere. Nelle sue stesse parole, con le quali mi sono sentito terribilmente identificato, “non mi interessava, non mi importava. Tutto non aveva importanza per me.

Ora che sono adulto, e come uno che ha dovuto lottare per anni contro quel cane nero, rileggere l'opera di Matute mi commuove fino alle lacrime. En Re dimenticato Gudú c'è tutto il suo dolore, la sua solitudine, la sua incomprensione di un mondo così ingiusto, di uomini così crudeli ed egoisti, insieme alla sua speranza, lo spirito eterno di una ragazza innocente e sensibile che sognava di perdersi nella Foresta, quella da con cui parlava sempre, e che lui comprendeva come la porta di un altro mondo. Questo libro è il testamento di Ana María Matute, il suo particolare specchio di Alicia che ci conduce in un mondo parallelo. E per quanto mi riguarda, è il libro per cui volevo essere uno scrittore.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sergio suddetto

    Per prima cosa devo dire che amo leggere, ma è difficile per me concentrarmi, soprattutto con i 3 bambini che corrono per casa, e lo dico perché la mia mente non dà più, e lo stile di Matute non aiuta, lo è un modo molto particolare per formare le descrizioni, quindi devi essere concentrato per capirlo bene, almeno dal mio punto di vista.
    Detto questo, lo adoro, ti assorbe in un modo che ti fa sentire diverso dalle altre letture, e penso che sia perché ti concentri più sui sentimenti e sulle descrizioni basate sulle emozioni che sulle descrizioni fisiche.