Diario dell'anno della peste

All'inizio del XVIII secolo, nel 1722, il libro Diario dell'anno della peste dello scrittore e giornalista britannico Daniel Defoe. Così, lo scrittore noto anche per il suo romanzo Robinson cruose, narrava quanto accadde durante la grande pestilenza di Londra nel 1665. Pertanto, va notato all'inizio che questo romanzo di fantasia fu pubblicato mezzo secolo dopo l'epidemia avvenuta in Inghilterra.

Pertanto, sebbene l'autore appaia come un narratore testimone, la verità è che quando la peste colpì Londra, aveva solo cinque anni. Vale a dire, il lettore si trova davanti a un capolavoro della storia dettagliata ed "esperienziale", basato su eventi reali (mai vissuti dal suo autore). Tuttavia, è un lavoro giornalistico con testimonianze e registrazioni reali dell'epoca.

Biografia di Daniel Defoe

Daniel Defoe, a quanto pare, nacque a Londra il 10 ottobre 1660 e morì in quella città il 24 aprile 1731. È anche considerato uno dei pionieri del genere romanzesco, universalmente riconosciuto per la sua prima opera di narrativa. Robinson Crusoe (1719). anche Si è distinto come giornalista, al punto da essere l'ideatore della cosiddetta stampa economica.

Inoltre, ha dedicato la sua vita ad attività commerciali molto diverse, che includevano il settore tessile o la vendita di mattoni, per esempio. In precedenza aveva intrapreso la carriera ecclesiastica, ma l'aveva abbandonata a causa della sua costante motivazione imprenditoriale. Dopo, Faceva parte del governo attraverso i servizi segreti del suo paese, lavorare in una rivista a sostegno di un determinato settore politico.

Daniel Defoe: l'uomo

Lo scrittore britannico era figlio di genitori presbiteriani, noti per dissentire da importanti dottrine della Chiesa d'Inghilterra. Suo padre James era un macellaio dedicato, mentre all'età di 10 anni rimase orfano da sua madre Annie. In particolare All'età di sette anni inizia la sua formazione accademica in varie scuole, abbandonandola per diventare commerciante.

Tuttavia, il fallimento nella sua vita di commerciante è ampiamente noto, segnato da un forte e permanente indebitamento che lo ha portato in prigione. Nonostante ciò, si sarebbe impadronito di una barca e di un po 'di terra, senza ottenere risultati benefici. A parte questo, ha insistito per tentare la fortuna nella sua vita amorosa; nel 1684 sposò Mary Tuffley, dalla quale ebbe otto figli.

Vita politica e letteraria

Nell'anno 1701, Daniel Defoe ha pubblicato il primo lavoro con il quale avrebbe ottenuto un certo riconoscimento, Vero inglese. Per quanto riguarda questa pubblicazione, va notato che lo scrittore britannico ha preso posizione in difesa del re Guglielmo III. In questo modo sarebbe stata confermata la sua disposizione da opuscolo (per il quale era molto conosciuto e aveva problemi davanti alla legge).

Infatti, Defoe è stato incarcerato a causa dell'opuscolo La via più breve con i dissidenti, una parodia sui Tories of the Church. Poiché mise i suddetti "alla gogna" e li espose al pubblico scherno (da lì nacque il suo Inno alla gogna). Il lettore può utilizzare questi due testi per comprendere il carattere politico dei suoi testi prima dei romanzi che lo avrebbero reso famoso.

Il suo romanziere

Per quanto riguarda le opere di narrativa pubblicate da Daniel Defoe, un romanzo del 1719 intitolato Robinson Crusoe. Grazie a questo titolo Defoe ha ottenuto un riconoscimento universale. In esso racconta le situazioni estreme di un uomo che ha fatto naufragio. (Ispirato alla storia vera del marinaio Alexander Selkirk che aveva fatto naufragio su un'isola del Pacifico).

Allo stesso modo, è necessario citare i suoi altri due importanti romanzi: Le avventure del capitano Singleton (1720) y Diario dell'anno della peste (1722). Nella prima si vede l'amore (gratitudine) di un uomo verso un altro che riesce a cambiare la sua vita di perdizione e di ostracismo sociale.

su Diario dell'anno della peste

Stile e scopo

In questo libro il lettore troverà una sorta di cronaca sugli eventi della grande peste londinese. Dove il narratore è interessato a raccontare in modo accurato, ma non sembra essere completamente coinvolto in ciò che è accaduto. In ogni caso, Si può notare che abbiamo a che fare con uno stile letterario giornalistico e investigativo molto ben elaborato.

Mentre Diario dell'anno della peste è un'opera di finzione, Defoe ha dimostrato le sue capacità investigative raccogliendo testimonianze reali e documenti ufficiali. Di conseguenza, il lettore può percepire una vicinanza dell'apparente protagonista con il narratore. Inoltre, il grande scopo era quello di lasciare ai posteri della memoria l'impatto della tragedia vissuta nel 1665 con la peste.

Il grande tema del romanzo

Questo romanzo inglese, la cui trama cronologica e narrazione in tono esperienziale, lavora sul tema storico della grande peste di Londra. Come è noto, l'Europa aveva già vissuto la tragedia della peste bubbonica sin dal XIV secolo. Tuttavia, i londinesi anticiparono la ripetuta esperienza della stessa epidemia nel 1665, con il 20% dei suoi abitanti che morirono.

La visione dell'autore della tragedia

Allo stesso modo, non si può dire che sia solo un romanzo con contenuti fittizi o aneddotici. Al contrario, Diario dell'anno della peste affronta la circostanza epidemica con alcuni fondamenti della medicina. Inoltre, Defoe ha supportato la questione con statistiche e prove di un evento che ha segnato una generazione.

Per questi motivi, il punto di vista del narratore è dotato di sufficiente oggettività e forza. Allo stesso modo, trattandosi di un romanzo senza dialoghi, il lettore vede una rappresentazione abbastanza attendibile dei dipinti (questo, a sua volta, conferisce all'opera maggiore rilevanza).

Riassunto di Diario dell'anno della peste

Quest'opera racconta con dettagli sorprendenti cosa accadde durante la grande peste londinese del 1665. A quel tempo, quella malattia era una paura latente tra la popolazione dell'Impero britannico ... che divenne un vero incubo. In un primo momento, Defoe - attraverso il narratore - fa sermoni sulla condizione umana e contro le presunte cause soprannaturali della peste.

Quindi, il relatore si dedica a descrivere in dettaglio le situazioni sociali quotidiane causate dalla diffusione della malattia. Sulla sua strada per le strade di Londra, lo scrittore non ha esitato a mostrare la parte più miserabile della metropoli attraverso piccole e sconvolgenti storie.

Legacy

Il contenuto di Diario dell'anno della peste ha una validità eterna. Nella storia dell'umanità si sono ripetuti due eventi di portata globale che lo confermano. La prima, l'epidemia di influenza (influenza aviaria, H1N1) del 1918. La seconda, la pandemia di Sars-Cov-2 iniziata nel 2020.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Estelio Mario PEDREAÑEZ suddetto

    La pandemia del 1918-1920 fu chiamata "L'influenza spagnola" perché attaccò i soldati che combattevano nelle trincee francesi durante la Grande Guerra (in seguito ribattezzata "Prima Guerra Mondiale") ma la prima a riferire fu la stampa spagnola, che era neutrale e non lo era soggetto a censura di guerra. Si dice che questo virus sia mutato negli Stati Uniti e sia stato diffuso dai soldati che andarono a combattere in Europa nel 1917, sebbene vi sia un'ipotesi di mutazioni del comune virus influenzale esposto ad armi chimiche (gas velenosi) usate da entrambe le parti in il distruttore, la guerra scatenata dalle ambizioni espansionistiche dei governanti europei. Milioni di morti a causa dell'ambizione di uomini avidi che non hanno mai esposto la loro vita sul campo di battaglia e quando hanno perso andarono in esilio come Guglielmo II di Germania, il genocidio impunemente che ordinò il massacro di Hereros e Namas nel 1904-1908 nel presente- giorno Namibia.