Nacho Runner

Nacho Runner

Nacho Runner

Nacho Corredor è un politologo, analista politico, consigliere, consulente, insegnante e autore spagnolo. Nel corso della sua vasta esperienza in queste aree, ha collaborato con media come oggi, Al Rojo Vivo y El Programma Ana Rosa. Il suo lavoro lo ha portato a lavorare sia nel settore pubblico che in quello privato, ottenendo la prospettiva necessaria per sostenere la tesi del suo primo libro.

Lo è, niente di più e niente di meno che Attivismo silenzioso. Un manifesto soggettivo a favore della convivenza, un titolo in cui l'autore riversa tutta la sua conoscenza sugli eventi che ha vissuto nell'ultimo decennio e che lo hanno aiutato a capire come funziona la democrazia spagnola e perché si è mantenuta nonostante le ideologie concorrenti dei partiti al potere.

Breve biografia di Nacho Corredor

Nacho Corredor è nato nel 1990, in Catalogna, Spagna. Ha studiato Scienze Politiche all'Università Pompeu Fabra.. Da quel momento in poi, ha iniziato a partecipare a riunioni politiche in vari media. Come tutti i giovani cresciuti nell'era dell'immediatezza, l'autore ha iniziato a utilizzare il social network X – ex Twitter – per esprimere le sue opinioni.

Le sue argomentazioni, commenti e discorsi hanno avuto sinergia con un ampio settore della popolazione giovane adulta spagnola, portando Corredor ad essere seguito da più di 45,1 mila persone. Lo scrittore si definisce “miglior allenatore che giocatore”, quindi, in generale, la maggior parte del suo lavoro si distingue per la sua consulenza e tutoraggio nell'area politica e di gestione pubblica.

Lo spettro occupazionale di Nacho Corredor

Durante gli ultimi dieci anni, Il politologo ha lavorato in diversi ambiti nel settore pubblico e privato. Tra questi, il Governo spagnolo si distingue nel Ministero delle Politiche Territoriali e della Funzione Pubblica, nel Comitato Organizzatore del Summit sul Clima COP25 e in Llorente & Cuenca, la principale multinazionale spagnola nel settore delle comunicazioni, dove ha guidato progetti di competitive intelligence.

Grazie a questo progetto ha ricevuto il Bronze Award da The International Business Awards (2017). Inoltre, È fondatore e presidente di deba-t.org, nonché vicepresidente di +Democracia e membro del comitato consultivo dell'Associazione per la comunicazione politica (ACOP). Collabora anche come docente in corsi post-laurea presso istituzioni come l'Università Ramon Llull (URL) o la Barcelona School of Management (BSM-UPF).

Assistenza mediatica

Nel corso degli anni, l'autore ha collaborato con media come Telecinco, TVE, Quattro, Il giornale, Catalunya Radio, telemadrid, TV3 y RAC1. Nel complesso è stato membro del Grup Repensar les Polítiques Socials del deputato Carles Campuzano, della Societat d'Estudis Econòmics de Foment del Treball e del Consiglio consultivo di Jaume Collboni presso il sindaco di Barcellona.

D'altra parte, è membro del Cercle d'Economia e di Barcelona Global. Alumni dell'Aspen Institute Spagna. Gli studi, le ricerche ed i vari lavori effettuati gli hanno aperto la strada alla pubblicazione della sua opera d'esordio., che si traduce come un compendio delle sue conoscenze e del suo orientamento verso politica attuale.

Attivismo silenzioso. Un manifesto soggettivo a favore della convivenza

Il primo libro di Nacho Corredor è stato pubblicato il 23 febbraio 2022 dalla casa editrice Arial. Il materiale affronta le scienze politiche, umane e sociali che si sono materializzate in Spagna nell'ultimo decennio. Questo non è un manifesto filosofico o una critica politica, ma piuttosto un appello a lottare per la libertà e i diritti civili in un contesto di estrema tensione.

Allo stesso modo, l'autore parla dell'aumento di una visione reazionaria da parte dei cittadini, che, almeno per il momento, è un fenomeno storico per la comunità iberica. Tutto questo è presentato dall’analisi in prima persona e dall’impegno politico, con l'obiettivo di essere un manifesto “a favore di una convivenza che si schiera senza essere di parte”, anche se è sempre soggettivo.

La soggettività di a Millennial

Anche se è vero che le idee di Nacho Corredor sono... Attivismo silenzioso Si basano sulle loro esperienze e conoscenze, è anche vero che questo libro non è una tesi di dottorato. Si tratta piuttosto di un saggio: è un titolo personale sulle idee estremamente intime dell'autore, come un gigantesco thread su Twitter diventato un bestseller, che sostiene la vita comunitaria.

A questo proposito l'autore afferma: “Vale la pena ricordarlo, perché La democrazia è un’eccezione nella storia della Spagna e la sua perpetuità non è garantita. La democrazia, infatti, costituisce un’eccezione nella storia del mondo. Come lo è stato il processo di integrazione tra Stati che l’Unione Europea ha rappresentato. O com’è, non solo nella storia ma nel mondo, il sistema di welfare europeo”.

Tutto è successo il 23 aprile

Per tutto il primo capitolo, L'autore riassume diversi eventi storici accaduti il ​​23 aprile, tutti in anni diversi e ugualmente importanti per l'affermazione dell'idea di democrazia in Spagna.

Ad esempio: all'inizio si dice che 44 anni prima del 23 aprile 2021, Giornata internazionale del libro, Centomila persone manifestarono nell'allora Plaza Sant Jaume di Barcellona. Ciò allo scopo di chiedere il ripristino dello Statuto di Autonomia della Catalogna sospeso dalla dittatura franchista.

Allo stesso modo, un anno prima della fondazione del giornale Oggi, il primo giornale pubblicato in catalano dalla fine della Guerra Civile. Proprio come questi due fatti, Ci sono molti riferimenti storici a favore della libertà dei diritti, soprattutto nel caso dei sindacati.

Indice di attivismo silenzioso

  1. Quando era necessario rivendicare la democrazia in un dibattito presidenziale;
  2. Quando i giovani alzavano la voce dentro e fuori l’università;
  3. Quando il Madrid arrivò al punto di ebollizione e quasi non si sviluppò;
  4. Quando il Re irruppe in televisione e un programma mi svegliò alle sei;
  5. Quando il sistema si rivoltò contro un economista socialdemocratico;
  6. Quando i sedicenti costituzionalisti delegittimarono la Costituzione;
  7. Quando la Spagna ha avuto (e ha) l’opportunità di ristabilirsi;
  8. Quando discutevamo se tornare a casa per Natale.

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.