Intervista a Jose F. Alcántara, autore di La società di controllo: «La tecnologia no sirve per controllare la cittadinanza. La tecnologia Usato per controllare i cittadini ".

L'intervista che segue è peculiare in quanto, nelle risposte, si riflette la precisione di un ricercatore del Laboratorio Laser dell'Università di Malaga (che non solo non è affatto in contrasto con la plasticità degli esempi che tira fuori quando è necessario, ma è anche apprezzato, visto l'argomento trattato). Jose F. Alcántara è l'autore del libro La società di controllo e dal blog versi, tribune da cui parla di privacy, di cyber-diritti, delle implicazioni che la tecnologia ha in relazione alla libertà e al controllo.

Tali implicazioni, lungi dal portare a una fobia, lo hanno portato a riflettere. Nelle loro risposte, poi, c'è una difesa dell'anonimato, quando è spesso considerato uno dei mali di Internet; un impegno per la distribuzione di informazioni, in un momento in cui le reti centralizzate come Facebook battono i record di visitatori; un chiaro dardo contro ciò che si qualifica come "Newspeak", in riferimento al concetto coniato da Orwell; eccetera. Un'analisi interessante, insomma, su "certi sogni repressivi" che a suo avviso rende possibile la tecnologia, come anticipazione di quanto spiega nel saggio La società di controllo.

Ti consideri un tecnofobo? Per quanto riguarda l'uso delle nuove tecnologie per controllare i cittadini, intendo ...

Technophobe? Niente affatto, amo la tecnologia (penso che mi piacciano quasi tutti). La tecnologia no sirve per controllare la cittadinanza. La tecnologia Usato per controllare la cittadinanza. Ed è usato, a sua volta, per molte altre cose molto benefiche. Quello che si deve ottenere è che diventiamo consapevoli di questi usi dannosi, perché solo in questo modo potremo limitarli. E limitare gli usi non è un problema tecnico, ma legale. Abbiamo bisogno di leggi che agiscano come il firewall di una montagna: difendere i nostri diritti di fronte alle minacce.

Chi guarda il guardiano?

Più persone di quanto crede il vigilante 🙂 Nella rete e per le strade, il vigilante può essere osservato solo da noi. Concentrati sugli abusi di potere che, come nel caso dei governi statali, sono detenuti da e per il popolo (o almeno così si suppone), proprio perché continui a usare il potere da e per il popolo e non contro il popolo.

Sulla copertina del libro La società di controllo Appare un'immagine simile a quella del videogioco Pacman, in cui il labirinto è come una prigione, i fantasmi sono poliziotti e individui dall'atteggiamento sospettoso. E in quelli c'è l'aquilone, che cerca di andare d'accordo. Data la forza dell'immagine, la domanda è inevitabile: perché quel titolo? Perché quella copertina?

La tecnologia rende possibili certi sogni repressivi. Se la democrazia contemporanea nasce nelle macro-città come Parigi, dove la popolazione potrebbe perdersi nell'anonimato, la tecnologia permette di sapere tutto sulla comunicazione delle persone, oltre che di conoscere la loro ubicazione in modo ragionevolmente preciso (a volte estremamente preciso, con incertezze di meno di 1 m nel caso del GPS o appena un centinaio di metri nel caso del nostro telefono cellulare, purché ci troviamo in un nucleo urbano popolato). Tutta quella sorveglianza ha, che ne siamo consapevoli o meno, un effetto repressivo. Inibisce la normale comunicazione delle persone, il modo in cui comunicheremmo. Se sai che può essere usato contro di te, misurerai molto le tue parole, oltre a chi ti stai rivolgendo. È l'ideologia del panopticon, estesa alle strade. La polizia e la punizione di Foucault. La società del controllo: un ecosistema in cui la ritorsione, inevitabile dopo la perdita dell'anonimato, inibisce ogni risposta al potere. E sappiamo tutti che la differenza tra una democrazia occidentale e una dittatura africana non è che i nostri leader siano meno corrotti (guarda la politica interna, o politica europea, per verificarla), ma che qui c'è un'opinione pubblica a cui si può opporre a quella corruzione e porre fine ad essa. E se tutta l'opposizione venisse vendicata grazie alla perdita dell'anonimato?

Passando alla copertina, è il lavoro di Fernando Díaz, un designer molto bravo e talentuoso che dal primo momento si è appropriato della proposta di pac-man e l'ha portata oltre, e con più successo, di quanto io sappia.Non sarebbe mai successo me. Abbiamo scelto questa copertura perché penso che riassuma molto bene come possiamo trovarci se non facciamo qualcosa al riguardo chiedendo una difesa legale della nostra privacy.

Alla presentazione del libro, avvenuta a Madrid poche settimane fa, erano presenti diverse persone legate al mondo bancario, un mondo in cui le telecamere di videosorveglianza sono all'ordine del giorno. Quale politica consiglieresti loro di seguire, in relazione al rispetto della privacy, se ne avessi la possibilità?

La sicurezza non è una grandezza assoluta. Piuttosto, deve essere visto in equilibrio con il prezzo che paghiamo per questo. Se si tratta di assicurare l'oro depositato in banca, sicuramente ci sono misure che compensano (caveau blindati, timer di apertura, sistemi a chiave multipla,…). Se per aumentare la sicurezza della loro attività hanno bisogno di danneggiare i diritti delle persone, sia utilizzando videocamere o chiedendo che tu apra la tua vita privata come se fosse vetro trasparente prima di concedere gli aiuti, forse il prezzo che stanno pagando in immagine non li compenserà. Le banche violano la nostra privacy in modo molto più aggressivo rispetto alle loro videocamere. Quando ci chiedono dettagli molto lunghi su spese e entrate, quando per farci un'assicurazione (assicuratori e banche vanno di pari passo) chiedono tutti i tipi di garanzie (economiche, sanitarie, abitudini, storia) ci chiedono di dare loro la nostra privacy in un modo che mina totalmente la fiducia che l'utente ha nel settore bancario. La cattiva reputazione che hanno le banche è dovuta non solo alla loro mancanza di trasparenza, ma al fatto che la stessa trasparenza che non forniscono non è mai richiesta in anticipo e in dosi altissime da chiunque voglia fare affari con loro. Se potessi parlare con la banca, direi loro che hanno un problema di immagine perché non hanno capito che richiedono una trasparenza che non danno mai in seguito. Che a volte il rischio di conoscere un po 'meno il proprio cliente (rischiando di raccogliere un limone dal mucchio di pesche) è vantaggioso in termini di immagine e può pagarlo molto di più nel medio e lungo termine. Non dico che dare soldi a sciocchi e pazzi, che non sarebbe redditizio, ma forse sarebbe più rispettoso della privacy dei tuoi clienti.

Jose F. Alcántara, a un certo punto durante il suo discorso alla presentazione di La società di controllo.

La centralizzazione delle informazioni ha aspetti positivi, ad esempio la facilità di localizzazione. La distribuzione delle informazioni può essere utile, ad esempio per garantire che non vengano mai distrutte, consentendo di realizzare più facilmente le copie. Se ci sono pro e contro in entrambi i modelli, perché questa difesa del modello distribuito per proteggere la privacy? Non è solo una soluzione a mezzitoni, che si nasconde solo un po '?

Perché soprattutto questi modelli (quello centralizzato e quello distribuito) rappresentano due architetture informative radicalmente differenti. In uno, l'informazione discende piramidale da dove è centralizzata, passando i controlli che il controllore piramidale ha posizionato. Nel distribuito non c'è piramide, ci sono molti flussi, come in un disgelo, che scorrono attraverso la periferia dell'ecosistema informativo. Se qualcuno cerca di disattivare il rubinetto delle informazioni, le informazioni fluiscono in giro, perché ogni nodo è connesso a molti altri e le informazioni dipendono da un unico nodo centrale che ne consente l'accesso. I dati possono essere accessibili in un tempo un po 'più lungo, ma i profitti di un'organizzazione del genere superano di gran lunga questo prezzo da pagare: l'informazione è più persistente (a causa della ridondanza nell'archiviazione) ed è più difficile di una potenza interessata a filtrarla. riuscito a filtrarlo. Tutti i vantaggi.

Secondo te: qual è l'arma della società di controllo che viene già utilizzata e che passa inosservata?

Dalla semantica del combattimento (eufemismi, newspeak) intesa a venderci ogni misura di controllo come guadagno di sicurezza (anche se spesso l'esatto opposto), alle tecnologie di controllo ampiamente diffuse (videosorveglianza, chip RFID nei documenti ufficiali) alle leggi inevitabili che rendono possibili abusi senza che la cittadinanza possa far valere una "attività illegale di spionaggio" da parte dello Stato, poiché tutto è legalizzato. Se ci sono due leggi che dovrei evidenziare in tutto questo, metterei in evidenza quella che ha reso possibile l'accesso alla traccia privata delle telecomunicazioni senza controllo giudiziario e la legge di conservazione dei dati delle telecomunicazioni che, tra l'altro, ha posto fine all'anonimato nella telefonia mobile.

Permettetemi un paio di domande di attualità: cosa ne pensate di Facebook? Cosa diresti a qualcuno che rifiuta di rinunciare al proprio account perché consente un contatto con chi è lontano, ma è preoccupato per la propria privacy?

Come valutazione personale: penso che Facebook non contribuisca con nulla che non avevamo già su Internet (avevamo un sito web personale, avevamo forum e messaggistica istantanea e luoghi per caricare foto e video e blog con cui parlare i nostri amici), l'unica cosa che Facebook contribuisce è la centralizzazione di tutte quelle informazioni. Centralizzazione, ancora una volta. Ciò rende queste informazioni più facili da trovare, da te e da chiunque voglia molestarti. E so che il 99.99% delle persone non molesterà mai nessuno, dobbiamo essere pronti a non renderlo facile per quel rimanente 00.01%.

Sei preoccupato per la tua privacy e anche dopo aver letto questo vuoi continuare a utilizzare Facebook? Un caso raro, immagino. Se sei preoccupato per la tua privacy, ti direi di non mettere su Internet ciò che non metteresti su una cartolina. Se lo metti su Internet (anche su una pagina presumibilmente chiusa), dovresti essere pronto a rendere pubbliche quelle informazioni. Se sei preoccupato per la tua privacy, non dovresti nemmeno usare Facebook. Usa la posta o la messaggistica istantanea convenzionale, entrambi possono essere crittografati e sono più sicuri.

In relazione a quanto affermato nel libro, perché sei stato così critico nei confronti delle azioni dei governi in materia di influenza suina?

È dimostrato che questa influenza (come vuoi chiamarla, americana, suina o di tipo A) non è più virulenta dell'influenza convenzionale (ogni persona malata infetta, a sua volta, 2.5 persone - in media). È dimostrato che il tasso di mortalità è apparentemente inferiore all'influenza convenzionale. Ci sono stati appena un centinaio di morti per questo nuovo tipo di influenza, quando centinaia di migliaia di persone nel mondo muoiono di influenza ogni anno. Certamente, le cifre parlano contro l'allarme sociale. Perché tanto allarme? Non lo so, ma per lo meno possiamo accusare i governi (lo spagnolo per la vicinanza, il messicano per l'esagerazione della loro reazione) di aver effettuato una pessima valutazione del rischio in questo caso, di aver preso misure forse esageratamente drastiche . Credo che condurre un'accurata valutazione del rischio (e lo Stato deve avere professionisti in grado di farlo) sia redditizio dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista della tranquillità sociale: forse eviteremmo di far precipitare la popolazione in un panico ingiustificato .

Informazioni su Ediciones el Cobre (che pubblica La società di controllo), e sulla collezione Planeta 29: Cosa puoi dirmi? Sei soddisfatto del lavoro, del coinvolgimento, del risultato?

La verità è che tutte le parti funzionano molto bene e si vede. Nella collezione Planta 29 sono esemplari sia il lavoro della Sociedad de las Indias Electrónica (promotore dell'idea) che dello sponsor (BBVA). È molto rischioso lanciare una raccolta di saggi e lanciarla pubblicando tutti i libri direttamente nel pubblico dominio e consentendo il download gratuito del libro elettronico, quando il modello dominante opta per licenze sempre più restrittive. Eppure c'è Planta 29, con un modello radicalmente gratuito che dimostra (in più) che è possibile guadagnare con esso (alla fine del primo anno, la collezione ha mostrato dei benefici). Notevole anche il lavoro dell'editore, che ha meno peso apparente ma è molto importante perché implica una buona distribuzione delle copie. Non ci sono problemi a trovare il libro nelle principali città o nelle principali librerie come FNAC o Casa del libro.

Il libro, infatti, può essere acquistato in varie librerie (edita El Cobre, raccolta Planta 29), e, inoltre, scaricarlo gratuitamente, sul sito web dell'autore. Molte grazie a Jose F. Alcántara per il suo tempo e la sua attenzione.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Versv suddetto

    Grazie a te, Álvaro 🙂

bool (vero)