Che cos'è il "marketing online" per gli scrittori?

Come probabilmente saprai, attualmente tutto ciò che viene venduto, tutto ciò che si muove Internet, ogni azienda ha il suo campagna Marketing in giro. Ciò che questa campagna di marketing ottiene è che la nostra attività, il nostro negozio virtuale, il nostro blog, i nostri prodotti, raggiungono più persone in tutto il mondo e di conseguenza aumentano le visite e aumentano le nostre entrate.

Ebbene, nel mondo dell'editoria, nel mondo degli scrittori, il tema di 'marketing online' funziona allo stesso modo. Fatta eccezione per gli scrittori già noti a tutti, come Arturo Pérez Reverte, Paul Auster, Carlos Ruiz Zafón, ecc. che difficilmente hanno bisogno di pubblicizzare i loro libri, anche se lo fanno, gli altri, i più banali, quelli che stanno appena iniziando a pubblicare il loro primo libro, i meno conosciuti, hanno bisogno di avere un buon marketing online creato per promuovi il tuo lavoro. Perché? Perché per fortuna oggi ci sono tanti scrittori, a volte gli editori non danno abbastanza o non vogliono "rischiare" con i nuovi scrittori, perché ci autoproduciamo e abbiamo bisogno di lettori e di un pubblico che ci conosca, e così via.

Chiavi per un buon "marketing online" per gli scrittori

Cerchiamo di essere realistico: puoi essere molto bravo scrittore e avere un lavoro scritto della qualità di Chisciotte, per esempio, e non lasciare che nessuno ti compri. O al contrario, puoi essere un scrittore schifoso, ma dal momento che hai le capacità delle persone, hai una buona campagna di marketing online creato e anche tu ti sei trasferito e interessato a conoscere i dettagli di come funziona attualmente il mondo del libro, lo sei vendere libri come i churros.

L'ideale sarebbe ottenere il bene di ciascuna delle due opzioni, cioè essere uno scrittore favoloso e fare del bene 'marketing online' del tuo lavoro. Il primo si ottiene in aggiunta a talento, scrivendo molto, ogni giorno, essendo costante. Il secondo si fa seguendo una serie di suggerimenti che mettiamo di seguito:

  • Renditi un sito web professionale, dove non solo parli di te stesso come persona e scrittore, ma pubblichi regolarmente anche scritti e pubblicazioni delle tue opere.
  • All'interno del tuo sito web, lascia una sezione per blog: questo dovrebbe essere aggiornato frequentemente e alla ricerca di un profilo di lettore in base al quale potrebbero apprezzare i tuoi libri.
  • Avere un mailing list: Una mailing list è un indirizzo di posta elettronica, con la particolarità che quando un messaggio viene inviato a quell'indirizzo viene ricevuto da tutti coloro che sono iscritti alla lista. In questo modo, ti assicuri che i tuoi post e aggiornamenti dal web e dal blog vengano consegnati ai tuoi lettori.
  • Sii presente i social media e lavora con loro: attualmente tutto è sui social network, quindi il tuo libro non dovrebbe essere da meno. Lavora con Facebook, Twitter e pubblicizzare. Fai una campagna su te stesso come scrittore e sui tuoi libri.

Se ti accorgi di non essere in grado di farlo con le conoscenze informatiche che hai o pensi di sapere molto poco di questo mondo, ti consigliamo vivamente, se vuoi avere successo con i tuoi libri, di seguire un corso su marketing online per gli scrittori. Nella rete ne troverai infiniti. Non aspettare di più!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Jose Gomez Lora suddetto

    Paradossale. Sono uno scrittore e le reti mi distraggono davvero. Mi capita di pubblicare il mio lavoro e da lì lo passo a navigare. Sono anche professore all'Università di Buenos Aires. Voglio dire, quello che potrebbe essere qualcosa di utile per me (pubblicità su Facebook) mi fa smettere di scrivere. Un consiglio: evita Facebook. Ci vuole tempo per scrivere.

  2.   Silvia Zuleta Romano suddetto

    Sono d'accordo. Se devi studiare marketing per promuoverti, non scrivi più. La giornata ha 24 ore.