Edgar Allan Poe. Nuovo compleanno del genio di Boston. Congratulazioni.

208 ° compleanno di Master Poe.

Oggi, 19 gennaio, Edgar Allan Poe incontra 208 anni . Pochissimi. Ha lasciato tutto nella sua eternità come uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi. Non importa il sesso, il tempo e i secoli lasciateli passare attraverso il suo lavoro. È stato uno dei migliori e continuerà ad esserlo fino a quando il mondo non affonderà nell'oscurità della sua maledizione. Come la casa degli Usher.

Impossibile scrivere di più su di lui o su quell'opera enorme e spettacolare. Così che? L'importante è leggerlo. Prima o poi, da bambino, da adulto, ogni volta. Ma leggilo. Festeggiamo solo questo giorno. Due secoli fa e non molto tempo dalla fredda città di Boston vide nascere il più illustre, grande e condannato dei suoi figli. Cosa possiamo scegliere da quelle storie e storie? Può? Non la penso così.

Gatti neri, coleotteri dorati, corvi inquietanti, case infestate, ritratti di morte, cuori rivelatori, morti rosse, gorilla assassini, detective infallibili ... Impossibile elencare così tanti concetti, immagini, sensazioni e sentimenti. Tanta follia e terrore. Tanta paura e paura. Tanta fantasia e realtà. Così tanto bene. Tutta la nostra parte di spiriti romantici, gotici, misteriosi, paurosi, appassionati o squilibrati vibra ad ogni parola della penna di Poe.

Il suo sguardo, il suo sfogo (indotti o meno dai loro fantasmi e debolezze), dalla loro maestria per narrare inferni e deliri, per invocare l'immaginazione più oscura, ha superato tutti i limiti. Come ha fatto con la propria esistenza, è diventato un personaggio affascinante e tragico, tanto ammirato quanto compassionevole. Tanto idolatrato quanto rinnegato. Perché, come per tutto, ci sono persone a cui non piace Poe. Comprensibile (o no). Accettabile anche.

Un genio o un ubriacone. Un disturbato o un disturbatore. Un debole o un eroe. Che differenza fa. Ha scritto storie che trascendevano se stesse. Ha scrutato le profondità più profonde e oscure della natura umana come nessun altro. Forse perché voleva accedervi di sua spontanea volontà. E lui ci riesce. La sua burrascosa esperienza di vita o semplicemente la sua visione del mondo che lo circonda, di quella vita. Cosa è stato detto. Non importa. Bastava con quello e con l'essere portato via dalla sua immaginazione.

nostro ha lasciato nomi indelebili in memoria di e influenzare milleuno scrittori e artisti segnati dalla loro scia di amore e terrore in egual misura. Influenze e successive ricreazioni che, negli anni, hanno fatto del suo lavoro.

Chiunque sia stato in grado di scrivere "Plague King" ha cessato di essere un essere umano. Per amor suo, e mossi da una pietà infinita verso un'anima così perduta, ci piace darlo per morto.

È quello che ha scritto Robert Louis Stevenson in un saggio su Poe. Quello che Stevenson non sapeva è che Poe, o lui stesso, non sarebbero mai più morti. Questo è ciò che accade quando ciò che fai nella tua vita riesce a lasciare il segno su tutta l'umanità che ti legge nel tempo. E che oggi gran parte di quell'umanità vorrebbe che nascesse un Poe ogni giorno. O cosa era proprio lui che tornava da quelle tenebre e da quegli inferni che sapeva descrivere così bene. Più di uno addirittura pagato, ne sono sicuro.

Berenice, Arthur Gordon Pym, Prospero, Ligeia, Madeleine Usher, Augusto Dupin... E tanti altri nomi. Tanti brividi e maledizioni, naufragi e tragedie. O Annabel Lee, quel nome del protagonista di una delle poesie più sublimi che ci sia, e che non è stato riscritto, né verrà scritto. Amore allo stato puro di disperazione e disperazione, di sconfitta e abbandono, di passione e dolore senza limiti.

Nessun giorno come oggi per festeggiare questo compleanno diventando il dono di leggere anche solo una riga de Il pozzo e il pendolo, di I crimini di rue Morgue, di Il caso del signor Valdemar o da Tamerlano.

O nessun giorno come oggi per guarda uno delle centinaia di adattamenti delle sue opere nel cinema. In particolare, quelli girati dall'immortale produttore britannico Hammer, con il regista Roger corman alla testa. E niente di meglio che vedere e ascoltare i volti, le figure e le voci migliori che hanno infuso vita e morte nei loro personaggi e nelle loro storie. Vincent Price e Christopher Lee sono per me i narratori e gli interpreti più ideali del lavoro di Poe. Ma ci sono milleuno versioni, come quelle intervallate in questo articolo.

Congratulazioni, signor Poe. Nell'inferno più terribile o nel paradiso più glorioso. Ci rivedremo tutti un giorno. In uno dei due posti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.