Come scrivere una sceneggiatura

Come scrivere una sceneggiatura

Oltre a scrivere un libro, imparare a scrivere una sceneggiatura attira sempre la nostra attenzione. Infatti, nonostante si pensi che sia più facile di un romanzo, in realtà può diventare una vera tortura se non si applicano bene i principi e le chiavi che deve avere.

Così, Se sei in procinto di creare uno script e non vuoi finire per fare il lavoro due o tre volte, qui ti lasciamo il più importante che dovresti tenere a mente.

cos'è un copione

cos'è un copione

Cominciamo con il facile, sapendo esattamente cos'è uno script. Molti pensano che si tratti solo di dire quali frasi deve interpretare ogni personaggio e basta, una specie di teatro. Ma la verità è che va molto oltre.

Secondo la RAE, uno script è:

"Scritto in cui alcune idee o cose sono state brevemente e ordinatamente annotate per servire da guida per un certo scopo."

«Testo in cui è esposto il contenuto di un film, di un programma radiofonico o televisivo, di una pubblicità, di un fumetto o di un videogioco, con i dettagli necessari per la sua realizzazione.»

In altre parole, stiamo parlando di un file documento che rispecchia gli aspetti più importanti di un progetto, ma non solo i dialoghi, ma anche le emozioni, il contesto, i modi di interpretare, ecc.

Come scrivere una sceneggiatura

Come scrivere una sceneggiatura

Ora che hai chiaro cos'è uno script, immergiamoci nei passaggi che devi eseguire per crearlo. Ve lo avvertiamo Non è un processo breve, tanto meno facile. Richiederà pazienza, tempo e molta riflessione. È come un romanzo, ma in cui devi sviluppare la trama in un modo diverso.

Quindi, i passaggi che devi compiere sono:

Avere un'idea

È essenziale. Se vuoi scrivere uno script, la prima cosa di cui hai bisogno è un'idea per liberare la tua creatività e svilupparla. La cosa peggiore per molti è che devi condensare tutta quell'idea in un'unica frase, che sarà il titolo della sceneggiatura.

Ma non preoccuparti, normalmente ne viene messo uno provvisorio e poi viene cambiato con quello definitivo quando l'intero script è terminato.

dentro il pensiero, devi sviluppare tutto ciò che accadrà, quando accadrà, a chi, quale problema avranno, ecc.

È importante che tu lo faccia come un riassunto che servirà per la sinossi, ma crei anche un documento più ampio in cui sviluppi completamente l'intera storia della sceneggiatura. Fai attenzione, non sarà davvero lo script ma una risorsa che utilizzerai durante la scrittura.

I personaggi

È tempo di entrare nella pelle di ciascuno dei personaggi che faranno parte della storia. Hai bisogno conoscili come se fossero la tua famiglia; conoscere il bene e il male, i difetti e le virtù di ciascuno. E il ruolo che hanno nella storia.

A questo punto ogni scrittore ha una tecnica. Quello che fanno alcuni è compilare un file con domande di base e poi, quando scrivono, lo modificano per scoprire quei dettagli che hanno scoperto. Altri, invece, li lavorano a fondo prima di mettersi al lavoro. Qui hai più libertà.

Il gioco delle carte

In realtà, non è un gioco in sé, perché è un altro dei punti in cui prenderai più tempo. Ed è che non abbiamo ancora iniziato a scrivere la sceneggiatura, ma le risorse necessarie per farlo.

Qual è il gioco di carte? Beh, si tratta di Con l'ampio riassunto dell'idea, disegna sulle carte le diverse scene che conterrà la tua sceneggiatura. Ricorda che, a seconda della lunghezza dello script, dovrebbe essere più lungo o più corto. Uno non è lo stesso per un film come per uno spot televisivo.

Normalmente queste scene sono i punti fondamentali che il tuo copione dovrebbe avere, dall'inizio alla fine.

Sviluppa quelle carte

Ora è il momento di sapere cosa accadrà su quelle carte, chi parteciperà alle scene, come inizieranno e finiranno, quale conflitto avranno, ecc. Non è necessario che tu li realizzi tutti in dettaglio, basta avere un'idea di come sarà.

È ora di creare dialoghi e scene

tempo di sceneggiatura

Ora sì, con tutto ciò che abbiamo fatto prima, possiamo iniziare a lavorare sulla sceneggiatura. E questa volta ci sono due modi per farlo:

  • Creazione di un copione letterario e poi del copione stesso. Sì, è più lavoro, ma in seguito, quando crei quello finale, ti aiuterà a ridurre il tempo che dedicherai ad esso. Questo differisce dal prossimo che proporremo in quanto si concentra maggiormente sullo sviluppo delle scene ma non sull'inserimento dei dialoghi, ma sarebbe fatto nel prossimo.
  • Crea direttamente lo script. Cioè scene e dialoghi allo stesso tempo. Il problema è che, dal momento che non sai davvero cosa sta succedendo o come si svolge la scena, puoi avere problemi a rendere i dialoghi realistici e coerenti.

Una volta terminato, leggi di nuovo

È molto comune che l'inizio abbia una qualità bassa o media e la fine sia alta. È perché quando ti abitui alla storia e la vivi, i dialoghi sono molto migliori.

Quindi una volta che hai finito, è importante riscrivere, se necessario, di nuovo per vedere se riesci a dargli la stessa qualità dalla fine all'inizio. Quando ti accorgi che non devi cambiare nulla, sarà il momento di lasciarlo.

Tienilo a riposo o fallo leggere a qualcun altro

A questo punto gli scrittori di solito fanno due cose:

  • O il lo tengono in un cassetto per prenderlo qualche mese dopo e rileggerlo e riscrivere le parti che non gli piacciono.
  • Datelo a qualcuno da leggere e dagli la tua opinione. In questo caso, deve essere una persona con conoscenza dei copioni e che è obiettiva, che ti dice se qualcosa non è capito, se non è chiaro, o se hai errori nel copione. Altrimenti, la tua opinione non varrà la pena.

In realtà entrambe le cose possono essere fatte; Dipende già dall'esperienza che hai e da quanto sei sicuro del tuo progetto per presentarlo.

Hai dei dubbi su come scrivere una sceneggiatura? Chiedici e cercheremo di aiutarti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.